🐾 Se hai un gatto in casa, non puoi farne a meno: a cosa serve il tiragraffi

Foto dell'autore

By Francesca Ciardiello

Gatti

Non è solo un accessorio per arredare casa, ma ha precise funzioni: ecco a cosa serve il tiragraffi per il gatto e perché è così importante.

Gatto gioca col,tiragraffi
Gatto si rifà le unghie sul tiragraffi (Canva-Amoreaquattrozampe.it)

Quando siamo pronti ad accogliere un amico felino a casa è emozionante comprare tutti gli accessori che possono rendere confortevole l’ambiente in cui vivrà, ma alcuni di essi hanno ben più di una mera funzione estetica. Il tiragraffi per il gatto infatti è molto importante per una serie di motivi che andremo di seguito ad elencare: ecco dunque perché in una casa non dovrebbe mai mancare.

Tiragraffi per gatti: com’è fatto

Magari lo si è sentito nominare ma non si sa effettivamente come è fatto un tiragraffi per gatti: si tratta di una struttura che si sviluppa in verticale ad altezze diverse. C’è chi addirittura opta per quelli che arrivano a toccare il soffitto ma, per quanto Micio possa apprezzare le altezze, ne basterà uno di medie dimensioni.

Gatto in alto
Gatto ama stare in alto (Canva-Amoreaquattrozampe.it)

L’altezza non è certo una caratteristica scontata, perché sappiamo bene quando il gatto ami controllare il territorio circostante da una posizione ‘privilegiata’ rispetto ad un ipotetico attacco nemico. Il materiale di cui è composto è solitamente il sisal, molto ruvido e adatto a ‘sopportare’ i graffi del micio che possono lacerare gran parte dei tessuti e dei materiali con la loro potenza.

Tiragraffi per il gatto: i motivi per cui dovresti averne uno in casa

Per molti la risposta potrebbe essere scontata: il gatto ha necessità di rifarsi le unghie. E per quanto sia assolutamente vero, non è questa l’unica ragione per cui dovremmo avere in casa un tiragraffi se con noi vive un felino domestico.

Più che un rifarsi le unghie si tratta di consumarle, perché se le avesse troppo lunghe, potrebbero creargli non pochi problemi alla deambulazione, penetrare nella carne e dare luogo a infezioni molto dolorose. La loro crescita d’altra parte è davvero continua e inarrestabile e non possiamo sempre tagliare le unghie al gatto. In cattività sono abituati poi a ‘consumarsi’ le unghie spontaneamente, grattandole su alberi e superfici ruvide, quindi perché non dargli la possibilità di farlo anche a casa?

Un altro motivo è sicuramente l’attività in sé che ogni gatto ama svolgere, perché in questo modo riesce a rilassarsi: non è necessario sempre arrampicarsi su oggetti e superfici, poiché anche lo stesso movimento del graffio può avere effetti benefici sul suo stato d’animo.

Si tratta tra l’altro di un esercizio che con gli anni il Micio tende a perdere, rispetto a quando è piccolo; è anche vero che i felini si adattano alle situazioni, quindi se non trovano altri posti su cui rifarsi le unghie, potrebbero facilmente rinunciarvi.

Tiragraffi per il gatto: i motivi che non ti aspetti

Sappiamo che il gatto è un animale territoriale, un predatore che ama marcare il territorio e questo accade anche quando ha a disposizione un tiragraffi. Spargere il suo odore, rilasciarlo sulle superfici è assolutamente necessario per lui, affinché possa affermare a tutti che quello è il suo territorio!

Gatto gratta le superfici
Gatto gratta il parato sul muro (Canva-Amoreaquattrozampe.it)

Infatti quando notiamo che il gatto si strofina sugli oggetti c’è anche l’esigenza di una marcatura su di essi, padrone compreso: così lanciano avvertimenti, avvertono che quello su cui si poggiano è di loro proprietà, quindi è a tutti gli effetti un canale di comunicazione.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER

Infine il tiragraffi può servirgli per attirare l’attenzione di un padrone troppo distratto, troppo preso dalle sue faccende per accorgersi delle esigenze del felino cui dovrebbe badare. Quindi quando lo fa su un divano o su una tenda, è molto probabile che abbia capito come ‘stare al centro delle nostre attenzioni’ e lo fa apposta, non per dispetto ma per l’esigenza di essere ‘compreso’.

Gestione cookie