Home News Scomparsa a marzo: la cagnolina torna a casa per Natale

Scomparsa a marzo: la cagnolina torna a casa per Natale

Un vero e proprio miracolo di Natale: la cagnolina torna a casa dopo che era scomparsa da 9 mesi. Ora potrà riabbracciare la sua famiglia.

Cagnolina Minnie Torna Casa Natale
Minnie, la cagnolina che è tornata a casa durante il Natale dopo 9 mesi di sparizione (Fonte Facebook)

Chi lo ha detto che i “miracoli” non esistono? Trasportando la parola in una realtà più umana, possiamo dire che, alcune volte, nella vita, quando meno ce lo aspettiamo, arrivano delle sorprese che ci lasciano senza fiato e senza parole. Ovviamente non accade tutti giorni, per questo alcune volte gridiamo al miracolo. Anche per chi non crede, trovarsi di fronte a una sorpresa inaspettata è fonte di grande gioia. Poi, ognuno, che la interpreti come vuole.

Una fonte di gioia ce la possono dare anche i nostri amici a quattro zampe. Sia che riempiono la casa di allegria e festa, sia perché possono essere i primi animali a entrare nelle nostre abitazioni, ma anche perché possono tornare da noi dopo tanto, ma tanto, tempo. Immaginate di riabbracciare un vostro amico a quattro zampe dopo che lo credevate quasi morto.

La gioia potrebbe essere doppia, se non tripla, se non indecifrabile. Ed è quello che è successo nella contea del Lancashire, in Inghilterra, ove una cagnolina è tornata a casa dopo 9 mesi di sparizione totale. Il periodo è stato proprio quello natalizio, per un mega regalo, non tanto sotto l’albero, ma davanti al portone di casa. Una storia passata tra tante sofferenze ma conclusasi in modo impeccabile.

Torna a casa a Natale: la cagnolina aveva subito anche un’operazione alla gamba

Cagnolina Minnie Torna Casa Natale
Minnie e Ryan King, l’operatore dell’Rspca che l’ha trovata dopo la segnalazione (Fonte Facebook)

Si chiama Minnie, la cagnolina che nel marzo scorso, dopo che la pandemia da coronavirus iniziava a dilagare, è stata prelevata dal giardino di casa da qualche malintenzionato. La femmina di Bulldog Francese stava giocando in quel di Moreton-in-Marsh, un paese di soli tremila abitanti nell’Inghilterra sud-occidentale. A un certo punto è sparita e da quel giorno è partita l’agonia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rubano il regalo di Natale: ci pensa Koa, il cane poliziotto

Nove mesi in cui della cagnolina non si hanno più avuto notizie. A quel punto la si dava, oltre che per dispesa, anche morta. Ma proprio sotto le feste di Natale è arrivato quello che, prima, abbiamo chiamato “miracolo”: la cagnolina è tornata a casa per riabbracciare i suoi familiari, che non credevano ai loro occhi. Certo, la storia non è così semplice e nel mezzo, Minnie, ha ha viste di tutti i colori.

La famiglia aveva lanciato numerosissime segnalazioni. Una dietro l’altra. E quando tutto sembrava dover terminare, comprese ricerche e speranze, un uomo dal nome Ryan King (il cognome dice già tutto), operatore dell’ente Rspca, ha risposto a una breve segnalazione e si è presa cura di lei portandola subito in una clinica veterinaria. La cagnolina aveva bisogni di un intervento salvavita che prevedeva l’amputazione della gamba, forse per aver ricevuto degli assurdi maltrattamenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Noemi e il Natale assieme al suo cane: “Con te è bellissimo” – FOTO

Nel visitarla, però, è arrivata la scoperta: il veterinario ha notato, fin da subito, la presenza di un microchip all’interno del corpicino. E grazie al chip si è potuto risalire al nome della famiglia che l’aveva persa 9 mesi prima. La cagnolina è stata portata subito nella sua “vecchia” abitazione e non appena ha fiutato l’aria di casa ha iniziato a fare salti di gioia, nonostante avesse una zampetta in meno. È stato davvero il più bel regalo di Natale che la famiglia poteva ricevere dopo un anno pieno di dolore.