Home News Camminano in cerchio da dodici giorni: l’inspiegabile girotondo di pecore (VIDEO)

Camminano in cerchio da dodici giorni: l’inspiegabile girotondo di pecore (VIDEO)

Dalla Mongolia cinese arriva un inquietante e strano video che mostra un gregge di pecore che si muove in cerchio: l’inspiegabile girotondo dura da giorni.

pecore girotondo gregge interpretazione
Il cerchio di pecore (Screenshot video YouTube – world News)

Il 16 novembre scorso sulla pagina Twitter del Quotidiano del Popolo (People’ Daily, PDChina), un importante giornale della Repubblica Popolare Cinese, è stato postato un video che sta incuriosendo e inquietando il mondo del web. Il post caricato a corredo del filmato riporta quanto segue: «The great sheep mystery! Hundreds of sheep walk in a circle for over 10 days in China’s Inner Mongolia. The sheep are healthy and the reason for the weird behavior is still a mystery» (in traduzione: «Il grande mistero delle pecore! Centinaia di pecore camminano in un cerchio da oltre dieci giorni nel territotio interno della Mongolia cinese. Le pecore sono in salute e la ragione del loro strano comportamento è ancora un mistero»). Le immagini riprese dalle telecamere mostrano infatti un fenomeno alquanto insolito e al momento non ancora spiegabile.

Il fenomeno inspiegabile delle pecore che camminano in cerchio da giorni

pecore cerchio gregge giorni
Le pecore camminano inesorabilmente in circolo (Screenshot video YouTube – world News)

In una fattoria della città di Baotou, una città – prefettura della Mongolia Interna in Cina, un gregge di pecore si muove in cerchio da ormai più di dodici giorni, effettuando consecutivamente per ore e per giornate intere lo stesso movimento circolare. A denunciare l’avvenimento ai media locali e nazionali è stata la proprietaria della fattoria. Tra i 34 gruppi di pecore che vivono nella fattoria, solo il gregge numero 13 sta manifestando questo insolito comportamento.

Ti potrebbe interessare anche >>> Un’insolita turista per le strade cittadine: la pecora col fiocco rosa (VIDEO)

Il canale di informazione statale, il People’s Daily China, ha dichiarato che alcuni ovini hanno iniziato a girare in cerchio il 4 novembre. Nelle giornate successive, al girotondo si sono unite sempre più pecore, finché l’intero gregge non sarebbe stato coinvolto in un fenomeno che resta ancora un mistero. Tra bizzarre supposizioni di demoni e alieni, la spiegazione più razionale rimane quella di una possibile malattia: infatti, nonostante il post condiviso dall’emittente cinese assicurasse la buona salute delle pecore, a quanto sembra nessun veterinario ha ancora visitato gli animali che potrebbero quindi essere malati.

Ti potrebbe interessare anche >>> Peanut, il cacatua che sa abbaiare ed è convinto di essere un cane (VIDEO)

Gli accademici suppongono infatti che il comportamento delle pecore sia causato da un’infezione batterica, più probabilmente dalla listeriosi. Questa malattia, provocata dall’agente patogeno Listeria monocytogenes è potenzialmente pericoloso sia per gli animali sia per gli esseri umani. Il batterio si può rilevare in un’ampia varietà di cibi crudi, trasmettendosi così agli umani. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana chiarisce che i ruminanti (specialmente ovini, caprini e bovini) possono essere portatori della malattia, senza mostrarne i sintomi. La maggior parte degli animali affetti da listeriosi, comunque, manifesta i sintomi della malattia che provoca aborto, encefalite, confusione, irrigidimento degli arti con una possibile diffusione al sistema nervoso. Negli ovini e nei bovini la forma più frequente è la listeriosi cerebrale che causa un aumento allo stato febbrile della temperatura corporea, seguito da disturbi motori e paralisi. Forse proprio questa malattia, diffondendosi a tutto il gregge, ha determinato un disturbo motorio nelle pecore che hanno iniziato a muoversi in cerchio seguite poi da tutte le altre. In ogni caso, non si ha ancora alcuna spiegazione definitiva e giungere a una conclusione risulta complesso.

(di Elisabetta Guglielmi)