Home News Costretta a sfondare la vetrina della clinica per riprendersi il cane: l’assurda...

Costretta a sfondare la vetrina della clinica per riprendersi il cane: l’assurda vicenda

Un vero e proprio incubo per la donna che si è trovata nella situazione di dover sfondare la vetrina di una clinica per riprendersi il cane.

sfondare vetrina riprendersi cane
Rompe il vetro della clinica per recuperare il cane (Foto generica Pixabay – amoreaquattrozampe.it)

Chi possiede un cane sa quanto questo sia importante. I nostri amici a quattro zampe diventano a tutti gli effetti dei membri della famiglia e per loro saremmo disposti a fare davvero tutto. Soprattutto nel caso in cui ci si ritrovi in situazioni di pericolo. Una donna messicana si è vista costretta a sfondar la vetrina di un ambulatorio per animali per riuscire a riprendersi il proprio animale, lasciato lì poche ore prima per una normale visita.
Ciò che è accaduto a lei e al suo cane è stato qualcosa di molto traumatico!

Veterinaria si rifiuta di ridare indietro il cane alla sua padrona: lei sfonda la vetrina per riprendersi l’animale

sfondare vetrina riprendersi cane
La veterinaria della clinica in cui è accaduto il fatto (Foto Facebook – La Esperanza de Reynosa – amoreaquattrozampe.it)

Cosa sareste disposti a fare per riavere indietro il vostro cane tenuto sotto sequestro? Sembra una domanda assurda, ma viene spontaneo porsela dopo aver saputo ciò che è accaduto ad una donna di nome Anathanay in una clinica veterinaria di Reynosa, in Messico. La donna è la proprietaria di un cagnolino di razza Shih Tzu di nome “Granada” e per riavere indietro il suo amato amico peloso in una situazione di pericolo ha persino messo a rischio la propria incolumità e denunciando ciò che le è accaduto.

Ti potrebbe interessare anche >>> In vacanza in Italia perdono il loro Caracal ora è sotto sequestro (FOTO)

Anathanay si trovava a Reynosa, in Messico, con il suo cane che necessitava di essere visitato da un veterinario. Non conoscendo la zona, la donna si è dovuta affidare ad una clinica trovata nelle vicinanze. Quando Anathanay è entrata per lasciare in custodia Granada aveva avuto una strana impressione del personale che l’aveva servita. La veterinaria con cui aveva parlato aveva un atteggiamento molto strano, quasi ostile, ma la donna per necessità ha dovuto comunque lasciare lì il cane.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Una volta terminato il servizio al cagnolino, Anathanay è stata contattata per poterlo andare a riprendere. La donna ha così mandato sua madre, ma una volta arrivata presso la struttura è iniziato l’incubo per le donne.

Ti potrebbe interessare anche >>> Britney Spears: la dog sitter le avrebbe portato via i cani (FOTO)

La veterinaria quando stava per consegnare Granada alla mamma della proprietaria, ha avuto un ripensamento e ha iniziato a dire che quello non era il loro cane. La mamma disperata e incredula per ciò che stava accadendo, ha così chiesto di poter scansionare il microchip del cane per confermare la proprietà dell’animale. La diatriba è andata avanti per un po’, fino a quando la signora non è stata cacciata della clinica. In quel momento ha deciso di contattare la figlia e di raccontarle tutto l’accaduto. Anathanay si è immediatamente fiondata sul luogo e ha iniziato a pretendere di riavere indietro il suo cucciolo, ma niente, la dottoressa le ha persino chiuso una porta in faccia, dividendola così dal suo Granada. La donna in quel momento non ci ha più visto dalla rabbia e ha così deciso di sfondare la vetrina della porta per riprendersi il suo cane, rischiando così di farsi seriamente del male. Quando finalmente è riuscita a recuperarlo è subito andata via e successivamente ha denunciato l’accaduto. (G. M.)