Home News Donna esasperata denuncia la vergogna: “Irresponsabili, è in fin di vita” –...

Donna esasperata denuncia la vergogna: “Irresponsabili, è in fin di vita” – VIDEO

La donna aveva lasciato il suo gatto presso una struttura specializzata prima di partire per un viaggio e al suo ritorno era in fin di vita.

gatto fin vita
Il gatto della donna trovato dopo giorni in un anfratto e pieno di ferite (Screenshot video Instagram – Pau Aldana)

Prima di partire per un viaggio sono molte le persone che si affidano a strutture specializzate per poter lasciare in mani sicure il proprio animale domestico. Purtroppo spesso accade che quello che si credeva un posto, appunto, sicuro, poi si rivela essere davvero diverso da come lo si immaginava. Nonostante questo tipo di strutture richiedano il pagamento di cifre anche molto alte, le negligenze sono molte e gli animali non vengono trattati come si sperava o come dichiarano. Una donna di Bogotà ha vissuto la terribile esperienza di lasciare il suo amato gatto in una di queste pensioni per poi dover rientrare in anticipo dal viaggio e ritrovare il suo animale in fin di vita.

Lascia il suo micio in una pensione per animali e lo ritrova in fin di vita: denunciata la struttura

gatto fin vita
Il povero gatto Mimi bloccato senza acqua né cibo per più di 24 ore (Screenshot video Instagram – Pau Aldana)

Gli animali domestici sono parte della famiglia e in quanto tali per loro si vuole sempre il meglio. Quando per diversi motivi ci si deve spostare da casa, esistono delle strutture specializzate per accogliere cani e gatti e per dar loro le cure necessarie in assenza del padrone. Queste strutture, asili o pensioni, solitamente si dicono molto affidabili e possono per questo arrivare ad avere anche un costo non bassissimo. Purtroppo però non tutte sono realmente come vogliono apparire e spesso si rivelano dei veri e propri incubi per l’animale e di conseguenza per il padrone.
A Bogotá, in Colombia, è accaduto un fatto davvero grave che nessun proprietario di animale si augura di vivere nella vita.

Ti potrebbe interessare anche >>> Jack, il gatto sopravvissuto, finalmente sorride, grazie alla sua padrona

Una donna di Bogotá doveva partire per un viaggio in direzione Cartagena e per diversi motivi non poteva portare con sé il suo amato gatto di nome Mimi. La donna ha così deciso di lasciare l’animale in una pensione per gatti dal nome “Michos Toys”, le cui recensioni sembravano davvero ottime e il cui costo era molto elevato proprio per i servizi che venivano offerti. Lasciare il proprio animale nelle mani di qualcun altro non è mai semplice, ma sapere che la struttura scelta è una delle migliori presenti in città dovrebbe perlomeno far partire in modo leggermente più sereno.

🐾💖 SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 🐶🐱

E così è stato fino a quando non è accaduto ciò che la signora Aldana non avrebbe mai potuto immaginare. La donna è stata chiamata dalla struttura mentre era ancora fuori per il suo viaggio per essere informata della scomparsa del suo amato gattino.
La signora Aldana non poteva credere a ciò che le era stato detto e, oltre alla preoccupazione, è iniziata a salire anche la rabbia nei confronti di chi avrebbe dovuto evitare un incidente come quello.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pau Aldana (@paualdanas)

Ti potrebbe interessare anche >>> Arrestate due donne per aver trattenuto e maltrattato 56 gatti

 Come se non bastasse, la donna è stata avvisata della scomparsa di Mimi solo 24 ore dopo che il fatto era avvenuto. Aldana è così ripartita immediatamente per tornare a Bogotá e cercare il suo felino. Nel frattempo sono state molte le chiamate fatte verso la struttura ma in tutte queste gli operatori continuavano a rispondere che erano impegnati e non potevano darle retta.
Quando la donna è rientrata in città si è subito recata da Michos Toys e ha iniziato a cercare Mimi. Il gatto è stato trovato bloccato in un anfratto, ricoperto da ferite e in fin di vita. Il poverino era bloccato in quel luogo da oltre un giorno e da più di 24 ore non mangiava né beveva. La padrona lo ha quindi portato d’urgenza in una clinica per farlo curare, con la speranza che possa riprendersi e ha immediatamente sporto denuncia presso la terribile struttura, colpevole di ciò che era accaduto. (G. M.)