Home News L’ennesima barbarie contro gli animali: Tartarughe vive come bomboniere

L’ennesima barbarie contro gli animali: Tartarughe vive come bomboniere

Al posto di cioccolatini e inventivi gadget come bomboniere, una nuova aberrante moda quella di regalare tartarughe vive

Tartarughe usate come bomboniere (Foto Adobe Stock)
Tartarughe usate come bomboniere (Foto Adobe Stock)

“L’intelletto umano non ha confini”, questa frase viene spesso detta per ricordarci di come noi esseri umani, superiori per intelligenza agli altri esseri viventi, possiamo fare di tutto. Siamo così certi che sia davvero così?

Un buon modo per giudicare una persona, si dice sia osservare il suo comportamento con gli altri così da capire molto della sua indole. Se qualcuno decidesse il nostro valore in base alle azioni che l’uomo rivolge verso gli animali, sarebbe davvero una cifra bassissima, se non pari a zero.

L’ennesima barbarie questa volta è rivolta verso le tartarughe e i pesciolini rossi, che non si sa come, vengono scambiati per bomboniere e donati come se fosse il regalo migliore del mondo.

Peccato che ci si dimentichi come ci si comporta con un altro essere vivente, e di come le loro condizioni siano al limite del minimo indispensabile per la sopravvivenza.

Potrebbe interessati anche: Pesci rossi usati come centrotavola in un Bar animalisti infuriati

Tartarughe usate al posto dei cioccolatini

Tartarughe (Pixabay)
Tartarughe (Pixabay)

Qualche anno fa, circa nel 2015, era scoppiato il caso della Cina, nella quale animali vivi venivano utilizzati come gadget di ogni tipo, dai portachiavi a giocattoli da regalare, ai pesci rossi utilizzati come centro tavola e bomboniere.

Atto ignobile che stava arrivando anche in Italia, fermato subito dall’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente (Aidaa) con un accorato appello nel quale, Lorenzo Croce il presidente dell‘associazione, spiegava di come fosse folle tutto l’accaduto e chiedeva di denunciare immediatamente chiunque mettesse in atto una pratica così deplorevole.

Così il fenomeno che si sperava chiaro quanto aberrante fosse, sarebbe finito nella consapevole e giusta tutela degli animali invece che nel loro maltrattamento.

Ma a quanto pare, specie così tanto intelligente l’essere umano non è, perché un nuovo caso si è verificato qualche giorno fa a Cipro, dove indifese tartarughe sono state usate come bomboniere.

La coppia credendo chissà cosa, o semplicemente di fare un dono gradito, ha regalato le testuggini al posto delle classiche bomboniere. Un gesto che agli occhi dei neo sposi sarà apparso innocente e per qualche aspetto simpatico, ignorando completamente l’illegalità della cosa, che non è altro che l’opposto di ciò che pensavano.

Gli animali sono tenuti in minuscole scatole, a volte in quantità anche maggiore di uno, portando sofferenza dovuta alla scarsità di ossigeno, acqua e spazio, negando dignità ai poveri animali, che potrebbero morire per asfissia. E se questo non accadesse, vengono comunque lasciati da qualche parte, buttati via come spazzatura.

Tutto questo è maltrattamento, e vivendo in un mondo dove in alcuni paesi sta cambiando la legge, riconoscendo gli animali come “esseri senzienti“, tutto questo è inaccettabile.

L’Animal Party, ha portato all’attenzione l’accaduto con una denuncia nella quale ricorda che tutto ciò è illegale, appello che giunge anche dal Partito per gli Animali di Cipro che continua a ripetere come tutto questo sia punibile dalla legge.

Potrebbe interessarti anche: Gli animali sono esseri senzienti, e la legge adesso lo riconosce

Parole indignate di chi protegge gli animali

bomboniere tartarughe matrimonio
Matrimonio (Foto Pixabay)

Siamo di fronte all’ennesimo esempio di animali “usati” impropriamente come meri oggetti decorativi, pezzi di arredo, ninnolo da esposizione, amuleti e articoli da regalo“.

Questo il commento del presidente dello Sportello dei Diritti, Giovanni D’Agata, che continuanel peggiore dei casi gettati via a fine ricevimento, evenienza, quest’ultima, in cui è palese il maltrattamento dell’animale e si configura il reato, punibile dal codice penale“.

L’Aidaa tiene a ricordare che anche se potrebbe sembrare un’idea originale, è una barbarie che può portare la morte per questi indifesi animali, che se non muoiono per asfissia, vengono gettati via come un qualsiasi oggetto di poco valore.

Non importa che i pesci rossi o le tartarughe siano simbolo di buona fortuna in alcune culture, restano esseri viventi e come tali vanno trattati, a maggior ragione essendo loro simboli di buon auspicio, non dovremmo prenderci cura di loro, di tutti gli animali, e tutelarli proteggendoli invece che maltrattarli?

 

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

F.D.M