Home News Gattino salvato dalla strada, si rivela un cucciolo di gatto selvatico

Gattino salvato dalla strada, si rivela un cucciolo di gatto selvatico

Gattino salvato dalla strada ma la rivelazione è stata sorprendente, si tratta infatti di un esemplare di gatto selvatico.

gatto selvatico salvato roma
Gattino selvatico (Facebook)

Il mito esiste, il gatto selvatico è tra noi e non appartiene alle leggende. È talmente raro da incontrare che farlo dal caso è davvero incredibile. Circa un mese fa, infatti, un uomo ha salvato un gattino che si trovava in difficoltà sul ciglio della strada. Ma mai avrebbe pensato che in realtà quel micetto fosse un gatto selvatico vero e proprio. L’uomo aveva deciso di portarlo a casa con sé per salvarlo ma ben presto ha notato che il comportamento del gattino era molto diverso da un gatto normale.

Gattino selvatico salvato dalla strada, il comportamento bizzarro

Gattina selvatica
Cucciola di gatto selvatico (Facebook)

La vicenda è successa a Roma, quando appunto un uomo ha salvato un gattino palesemente in difficoltà, mentre si trovava sulla strada. L’uomo a quindi deciso di portare il cucciolo con sé a casa per curarlo ma a casa ha avuto una bella sorpresa, infatti il comportamento del micio era piuttosto anomalo.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cuccioli di cane salvati in autostrada, ora in attesa di adozione

L’aspetto era del tutto ingannevole, perché all’apparenza sembrava un gattino come tanti. Tuttavia invece di un gatto domestico, si è ritrovato con Felis silvestris, un esemplare di gatto selvatico. Infatti questo esemplare selvatico è molto più elusivo e diffidente infatti ha la tendenza a fuggire dall’uomo. L’uomo che ha ritrovato il gattino, fatta la scoperta, ha deciso di affidarlo alle cure del centro Lipu di Roma dove è da circa due mesi. Quando si sarà ripreso del tutto, i volontari lo libereranno nel suo habitat naturale.

Ti potrebbe interessare anche >>> Malata, mamma gatta viene separata dai micetti subito dopo il parto – VIDEO

Il gatto selvatico nel mondo, è principalmente cacciato per la sua pelliccia, anche se adesso il mercato sta diminuendo, in alcuni paesi la minaccia è ancora li. Il WWF da tempo si sta impegnando a tutelare questa specie attraverso molte iniziative. In delle oasi presenti sul territorio, l’organizzazione animalista riesce a tenere monitorato il suo comportamento attraverso delle fotocellule. (Lisa Girello)