Home News Gatto Rambo ritrova la sua famiglia di migranti: era arrivato a Lampedusa

Gatto Rambo ritrova la sua famiglia di migranti: era arrivato a Lampedusa

Avevano attraversato il mare insieme per poi essere separati. Il gatto Rambo si è ricongiunto con la sua famiglia di migranti.

la famiglia ed il micio
la famiglia ed il micio (fonte Facebook)

Se avete dubbi sulla esistenza o meno di un possibile lieto fine nella vita, questa bellissima storia è quello che fa per voi. Un gatto di nome Rambo ha attraversato tutto il Mar Mediterraneo per cercare, insieme alla sua famiglia, una nuova vita. Partiti dalla Tunisia come migliaia e migliaia di altri migranti, i suoi proprietari non hanno voluto abbandonare il micio nel loro paese e lo hanno portato con loro. Giorni intero al largo delle coste, sperando di arrivare vivi e salvi in Italia. Li chiamano i viaggi della speranza, la speranza non solo di arrivare presto sulla terra ferma ma anche di ricominciare una nuova vita da capo. Donne, uomini, bambini ed anche animali, iniziano la traversata confidando nel destino pur non sapendo a cosa andranno incontro. Neanche la famiglia Maaloul poteva immaginare ciò che sarebbe accaduto una volta giunti a Lampedusa.

Gatto Rambo ritrova la sua famiglia di migranti: accolto da una cerimonia

La cerimonia per Rambo
La cerimonia per Rambo (fonte Facebook)

Era il 13 marzo scorso quando il micio protagonista di questa storia e la sua famiglia sono giunti sull’isola di Lampedusa. Una volta arrivati sulla terra ferma, il micio è stato separato dai suoi cari poiché la legge non gli consentiva di stare più con loro.

LEGGI ANCHE >>> Donna attraversa il Mediterraneo con un piccione al braccio

Secondo quanto espressamente dichiarato nella legge, gli animali che arrivano da alcune zone dell’Africa devono effettuare una quarantena per controllare che non siano infetti. E così è stato anche per il felino tunisino mentre la sua famiglia veniva trasferita in provincia di Salerno. Grazie ad un progetto attivato dal comune di Ceraso infatti, la famiglia Maaloul ha trovato alloggio nella zona ma senza il loro micio.

LEGGI ANCHE >>> Il cane Rex, amato da tutta Lampedusa: ora è finito in canile

Dopo mesi di quarantena, finalmente Rambo è stato liberato e si è ricongiunto con i suoi amati proprietari. L’occasione non poteva passare inosservata ed il cucciolo è stato accolto con una vera e propria cerimonia, alla presenza del sindaco di Ceraso Aniello Crocamo, del sindaco di Lampedusa Totò Martello, dell’assessore alla legalità della Regione Campania Mario Morcone e di altre istituzioni. Per il micio e la sua famiglia è una favola che si realizza, un lieto fine che hanno atteso per settimane e che finalmente si è avverato.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.