Il gatto del vicino non si trova più: si era nascosto in un luogo pericoloso – FOTO

Foto dell'autore

By Elisabetta Guglielmi

News

Un uomo ha trovato il gatto del suo vicino in un luogo alquanto pericoloso: la povera micetta, nascosta nel motore dell’auto, ha affrontato un viaggio di cinque miglia.

gatto motore auto nascosto
La gattina Rose nascosta nel motore dell’auto (Screenshot foto Facebook – Cats Protection Atherton & Wigan Branch – amoreaquattrozampe.it)

Spesso gli animali domestici sono in grado di finire in situazioni estremamente pericolose senza neanche rendersene conto, soprattutto i gatti. Così è stato per una micetta dal manto nero di nome Rose, che pochi giorni fa ha vissuto un’esperienza alquanto traumatizzante. Uscita di nascosto dalla finestra della sua casa, Rose si è infilata all’interno del motore di un’automobile parcheggiata davanti all’abitazione. Sfortunatamente subito dopo, senza che la gattina avesse il tempo di scappare, il proprietario della macchina è partito con la sua vettura per accompagnare il nipote a scuola.

Trova la gattina del vicino nel motore della sua auto: Rose ha percorso quasi dieci km nascosta in quel luogo pericoloso

gatta Rose motore automobile
La gattina Rose subito dopo il salvataggio (Screenshot foto Facebook – Cats Protection Atherton & Wigan Branch – amoreaquattrozampe.it)

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE TWITTER

Le disavventure di Rose sono state raccontate in un post condiviso sulla pagina Facebook di un’organizzazione britannica che si occupa di proteggere e aiutare i gatti in difficoltà, la Cats Protection Atherton & Wigan Branch (account social @Cats Protection Atherton & Wigan Branch).

David King, un uomo di 65 anni che vive nella contea inglese del Kent, aveva appena percorso con la sua auto Vauxhall Astra un tragitto di cinque miglia per accompagnare il nipotino a scuola, quando è tornato a casa ed ha aperto il cofano dell’automobile per controllare l’olio.

Quello che si è trovato di fronte lo ha sorpreso e spaventato. Come ha raccontato la moglie dell’uomo, Tina King, David è entrato di corsa in casa «gridandomi di venire a dare un’occhiata. Ho pensato che ci doveva essere qualcosa che non andava». Quando i coniugi si sono avvicinati al cofano, si sono trovati di fronte due occhi gialli che li fissavano terrorizzati.

Come è risultato chiaro subito dopo si trattava di un gatto che, nascosto nel cofano dell’automobile, era rimasto bloccato per tutto il tragitto dentro al motore acceso.

David ha provato a raggiungere il felino per assicurarsi che fosse ancora vivo con un bastoncino. La micia, però, si è spaventata ancor di più e si è girata su se stessa, finendo per rimanere maggiormente incastrata.

L’uomo ha provato a raggiungerla con il braccio, ma la gatta era troppo distante. I coniugi hanno chiamato prima il servizio di assistenza stradale, che non è stato in grado di aiutarli; poi un veterinario locale, che ha suggerito loro di contattare la Cats Protection Atherton & Wigan Branch.

Poco dopo è arrivata in loro aiuto Kim Braysher, capo dell’organizzazione Cats Protection. Aiutati da alcuni passanti, hanno sollevato l’auto e rimosso la ruota anteriore. La signora Braysher ha potuto così raggiungere la micetta terrorizzata da sotto il veicolo. In questo modo è riuscita ad afferrare la gatta e a tirarla fuori dal motore.

Grazie al microchip, Braysher ha individuato subito l’indirizzo dei proprietari del felino, che abitavano proprio sulla stessa strada dei coniugi King.

La proprietaria Allison Webster è stata subito contattata e poco dopo raggiunta dalla responsabile di Cats Protection. Come raccontato dalla stessa signora Webster, in genere tutte le mattine la micetta trascorre le ore dormendo sul davanzale della finestra del figlio mentre questo si trova a scuola, quindi all’inizio la donna non si era resa conto che Rose non fosse in casa. Poi però quando non l’aveva vista in salotto per ricevere la sua porzione di cibo, Webster si era iniziata a preoccupare e l’aveva cercato per tutta l’abitazione e il giardino senza risultato.

Quando hanno suonato alla porta per riportarle Rose si è sentita così subito sollevata. Da un controllo veterinario è apparso che la micia non aveva riportato miracolosamente alcun danno dalla sua avventura, ma solo tantissimo spavento. Così ha commentato la proprietaria: «Rose è tornata come se nulla fosse a camminare per la casa, ma sono sicura che con questo episodio ha perso una delle sue nove vite».

Spesso i gatti cercano dei nascondigli nei quali trovare riparo o semplicemente un luogo silenzioso e lontano dagli occhi degli altri componenti della casa, finendo però in situazioni pericolose. Così è accaduto ad esempio a una micetta di nome Stratus, che a New York è stata salvata dopo essere stata avvistata per giorni sul davanzale di un altissimo palazzo, che aveva individuato come un posto sicuro per far nascere i suoi piccoli; o come è accaduto invece a un gatto che, terrorizzato dai fuochi di artificio, è rimasto bloccato per quattro giorni su un palo sotto la pioggia battente prima di essere salvato. (di Elisabetta Guglielmi)

Gestione cookie