Home News Giacomo e Piero: l’amicizia tra un gabbiano senza zampa e un pescatore

Giacomo e Piero: l’amicizia tra un gabbiano senza zampa e un pescatore

Una bellissima storia d’amicizia: quella tra il gabbiano Piero, senza una zampe, e il pescatore di nome Giacomo. Ormai sono inseparabili.

Gabbiano Pescatore Amicizia
L’amicizia tra il pescatore Giacomo e il gabbiano Piero (Fonte Facebook)

Il mondo di storie ne è pieno. Storie che arrivano da ogni dove. Anzi, sono proprio le storie a fare il mondo e la società in cui viviamo. Non si dice, infatti, che finita la storia è finito il mondo? Forse è proprio così. E per questo, ancora oggi, abbiamo il bisogno di nutrirci di storie, siano essere vere, siano esse mitologiche. Per guardare avanti.

Ma ogni storia ha un suo percorso, una sua fioritura e una storia nella storia. A volte capita che alcune di esse rappresentino delle vere e proprie amicizie che lasciano il segno nella vita di tutti noi. Come possono essere le amicizie, nato per caso o meno, tra un uomo o una donna, e un animale.

A volte lo scordiamo, ma queste tipologie d’amicizie possono cambiare il destino di una vita fino a quel punto “persa”. Oppure possono far ritrovare il gusto di voler vivere una vita diversa. Com’è successo al pescatore di nome Giacomo, che da un periodo a questa parte ha stretto una vera amicizia con il gabbiano Piero.

Una storia d’amicizia nata dopo la grave scoperta: il pescatore e il gabbiano uniti per sempre

Gabbiano Pescatore Amicizia
Il gabbiano Piero sul molo di Viareggio (Fonte Facebook)

Le amicizie valgono più di ogni cosa. Senza fare troppi paragoni che non ci porterebbero da nessuna parte, possiamo benissimo dire, però, che alcune amicizie formano una vera e propria famiglia. Qualcuno la chiama seconda, altri la chiamano nuova. Insomma, trovare qualcuno di veramente prezioso lungo il cammino è davvero una bella e piacevole sorpresa.

LEGGI ANCHE >>> Gabbiano pitturato di blu: ora rischia di non volare più

La stessa che, Giacomo, ha avuto nella vita. Quest’ultimo, di mestiere, fa il pescatore. Mestiere antico, a contatto con le acque e con la poesia del mare. Una mattina ha trovato un gabbiano attorcigliato a una rete da canna da pesca. Era lì da molto tempo, ma lui ha cercato di liberarlo al più presto possibile.

Così lo ha salvato in tempo. Il gabbiano, poi ribattezzato con il nome Piero, ha perso però una zampa. Da quel grave incidente, però, i due sono diventati ottimi amici. Il gabbiano ha da subito percepito l’importanza dell’intervento del pescatore e da quel dì lo va a trovare sul molo di Viareggio, dove “parcheggia” la sua barchetta.

LEGGI ANCHE >>> Il gabbiano: l’uccello di mare che vola sulle nostre coste

Giacomo, ogni mattina, verso le sette, si fa trovare pronto con un po’ di cibo in mano, ovviamente per il suo migliore amico: Piero. I due ormai sono inseparabili e non passa un giorno senza che si vedano. Un’amicizia, come spesso accade, può avvenire anche tra “specie” diverse, l’importante è compiere qualcosa con sentimento. Il resto vien da sé.

Davide Garritano