Home News I gabbiani golosi, da uno studio emerge che amano il cibo degli...

I gabbiani golosi, da uno studio emerge che amano il cibo degli umani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:12
CONDIVIDI

I gabbiani golosi che prelevano il cibo toccato dagli umani nella convinzione che sia più buono degli altri. La conferma giunge da un esperimento

Un gabbiano in volo (Foto Adobestock)
Un gabbiano in volo (Foto Adobestock)

 

Ai più sfortunati sarà sicuramente capitato di vedere rubato il proprio cibo dai..gabbiani! Ebbene, non si tratta di fantascienza ma di realtà e dipende da cause ben specifiche. La scoperta è stata effettuata dai ricercatori del Center for Ecology and Conservation del Penryn Campus di Exeter, nel Regno Unito, che erano curiosi di scoprire il motivo per il quale i gabbiani fossero attirati dall’odore del cibo. Vediamo cosa ci ha riservato la loro analisi.

Potrebbe interessarti anche: Donna costretta a barricarsi in casa per colpa dei gabbiani

I gabbiani golosi, le ragioni della loro convinzione 

I gabbiani nelle nostre città (Foto Pixabay)
I gabbiani nelle nostre città (Foto Pixabay)

Lo studio degli esperti si è focalizzato sul comportamento dei gabbiani cosiddetti urbani, al fine di comprendere come concentrano l’attenzione su un oggetto specifico. Durante l’esperimento, i gabbiani testati sono stati 38, e con grande sorpresa è emerso che solo 19 di essi hanno dimostrato interesse per il cibo.  Madeleine Goumas che ha realizzato l’esperimento si è basata su una precisa sequenza di gesti, finalizzati all’incredibile scoperta. La donna ha portato con sé due barrette di avena in mano, ambedue avvolte in una busta di plastica. Poi, ha messo gli alimenti a terra tra i quali ha preso una barretta, scegliendo di tenerla in mano per circa 20 secondi. Dopodiché ha finto di mangiarla per poi posizionarla vicino all’altra.

Tra i gabbiani protagonisti dell’esperimento, 24 non hanno avuto nessuna voglia di cibo e solo 19 di loro ha preso quello consumato per finta. La studiosa insieme al suo team ha deciso di ripetere l’esperimento, utilizzando delle spugne tagliate nella medesima dimensione delle barrette. Il risultato è stato incredibilmente uguale e gli studiosi hanno confermato che ciò che li attrae non è l’odore o il profumo ma ciò che credono sia nel loro immaginario. Ciò evidenzia come i gabbiani abbiano messo in pratica le attività compiute dagli esseri umani. Noi, siamo per tali animali, motivo di imitazione poiché evidentemente ci valutano come un buon esempio da seguire. Infatti, non a caso, i gabbiani hanno preso il cibo toccato dagli umani nella convinzione che sarebbe stato migliore come sapore rispetto all’altro.

Potrebbe interessarti anche: Gabbiani in città: i divieti durante il periodo riproduttivo

Conseguenze e problematiche connesse

La bimba che ciba i gabbiani (Foto Pixabay)
La bimba che ciba i gabbiani (Foto Pixabay)

Da tale aspetto deriva il comportamento di popolare le aree maggiormente affollate dalle persone che mangiano con lo scopo di prelevare il cibo caduto a terra o lasciarlo nei piatti tra una forchetta e un’altra.

L’imitazione adottata dagli animali, dunque, ci suggerisce di prestare attenzione ad un altro fenomeno che spesso viene sottovalutato e preso poco in considerazione: lo smaltimento dei rifiuti. Infatti, solo se lo smaltimento verrà effettuato nella maniera corretta eviterà l’accadimento di determinati fenomeni in quanto “l’alimentazione involontaria dei gabbiani rinforza tale tipo di associazioni“. A pensarci bene, gli animali seguono il nostro esempio comportamentale perché si fidano di noi. Il nostro unico dovere è quello di proteggerli e di non deluderli.

Benedicta Felice