Home News La tigre si ribella al domatore: la punizione è sconcertante – VIDEO

La tigre si ribella al domatore: la punizione è sconcertante – VIDEO

CONDIVIDI
(repertorio, BRENDAN SMIALOWSKI/AFP/Getty Images)

Maltrattamenti di animali nei circhi: è un tema di stretta attualità che spesso passa purtroppo in secondo piano. L’ultima denuncia arriva da ‘Basta delfinari’, attraverso la sua pagina Facebook. La vittima è una tigre. Il video è stato girato da una spettatrice in Cina, viene spiegato. Poi si aggiunge: “Non sono state rilasciate informazioni sulle condizioni del domatore, né della tigre”.

Cosa è accaduto? “Siamo al circo, pochi giorni fa. Una tigre siberiana attacca il suo domatore, i colleghi intervengono e cercano di fermarla, picchiandola a lungo con un bastone”. Il post prosegue nello spiegare cosa è accaduto e denuncia: “I Signori del circo possono cercare di rabbonire la pubblica opinione quanto vogliono, raccontando dell’ incondizionato e reciproco amore tra animale e domatore”.

Non è però così. “Sono gli stessi animali che ci fanno capire ogni giorno che non vogliono essere nostri schiavi”, concludono gli attivisti. Le sconcertanti immagini di quanto accaduto in queste ore stanno facendo il giro dei social network.

Stop agli animali nel circo: il dibattito in Italia

Intanto, in Italia prosegue il dibattito sullo stop agli animali negli spettacoli circensi. Due mesi fa, c’era stato il dietrofront del governo sull’emendamento alla delega per il codice dello spettacolo che prevedeva la “graduale riduzione” degli animali dal circo. Il cosiddetto emendamento Ranucci è stato infatti fatto decadere, anche per via di una discrepanza con il testo originario. Questo prevedeva infatti la “graduale eliminazione dell’utilizzo degli animali” nei circhi.

In seguito, il testo aveva contemplato ‘solo’ una “graduale riduzione dell’utilizzo degli animali”, rendendo secondo le associazioni animaliste praticamente inefficace la riforma. Per l’Enpa – Ente nazionale protezione animali – che aveva lanciato un appello, si tratta di “una vittoria morale”.

Diversi comuni prendono intanto iniziative autonome. Nelle scorse settimane, l’amministrazione comunale di Montemurlo, in provincia di Prato, aveva usato la mano dura contro circhi e luna park. Erano state vietate sfilate con pony, giraffe, leoni e quant’altro, e cambieranno anche le norme relative agli spettacoli itineranti. Il percorso che porterà all’eliminazione degli animali dagli spettacoli circensi sembra essere a una svolta. Però pochi sono i circhi – e pochi i Paesi europei – che è possibile considerare virtuosi.

GM