Home News Levrieri tornano al cinodromo: l’inaugurazione e il vano appello di sensibilizzazione

Levrieri tornano al cinodromo: l’inaugurazione e il vano appello di sensibilizzazione

L’appello di sensibilizzazione in difesa dei Levrieri nuovamente al cinodromo non fa cambiare idea al sindaco del comune in cui si tiene la sua inaugurazione.

levrieri cinodromo inaugurazione

Levrieri al cinodromo (Pixabay – herbert2512)Erano quasi vent’anni che l’argomento dedicato alle corse dei Levrieri si credeva fosse stato ormai definitivamente archiviato. Eppure, in seguito all’avvenuta chiusura dell’ultimo cinodromo nella Capitale italiana, l’inaugurazione di una nuova struttura ha nuovamente minacciato l’incolumità degli esemplari che prenderanno attivamente parte, nel prossimo futuro, alle sue corse. L’apertura della struttura era stata inizialmente prevista e per questo 2022 e poi riconfermata in questi ultimi giorni nella provincia di Treviso.

Levrieri nuovamente al cinodromo: l’inaugurazione e l’appello di sensibilizzazione

levrieri cinodromo inaugurazione
Levriero in corsa (Pixabay – herbert2512)

Sul nuovo cinodromo, che aprirà i battenti a Maserada Sul Piave, sembra infatti non ci sia al momento alcuna controindicazione ufficiale espressa da parte della giunta comunale di riferimento. Nonostante le molteplici avvertenze portate alla luce in contemporanea dall’Enpa e da altre importanti organizzazioni da tempo impegnate nella difesa dei diritti di tali esemplari.

Potrebbe interessarti anche >>> Husky a lezione di nuoto con Golden Retriever: il cane diventa instruttore – VIDEO

In seguito alle prime sollecitazioni delle varie organizzazioni, a proposito di quali siano attualmente i rischi a cui gli animali potrebbero incorrere riprendendo a pieno regime tali attività a partire dalle prossime settimane, un recente confronto ha visto durante la sua conclusione dei risultati inattesi.

Il confronto si è tenuto tra il sindaco della città veneta e i rappresentati membri degli enti contrari all’apertura del sito per proteggere l’incolumità degli animali che prenderanno parte alle corse.

I risvolti sarebbero stati pressoché del tutto insoddisfacenti. Come previsto infatti una più dettaglia analisi, sulla configurazione della struttura e sulle ipotesi delle dinamiche previste per le gare, avrebbe mancato di assicurare la totale prevenzione di incidenti sul luogo. E avrebbe egualmente confermato la possibilità di assistere a situazioni che potrebbero ledere le condizioni di salute degli esemplari quanto lo stesso habitat limitrofo.

Potrebbe interessarti anche >>> Virgola e Roger: l’incontro di due cani in cerca d’amore 

Pertanto la contemporanea riproposizione delle corse di Levrieri si avvia, al di là dei basilari motivi etici che potrebbero invece arrestare la sua apertura al pubblico, verso una sempre più certa inaugurazione. Di risposta le organizzazioni non intendono arrendersi o porre fine alle loro proteste quanto ai loro tentativi di far comprendere come il mancato benessere degli animali, guidati nient’altro che a divenire esemplari sotto pressione, non possa ormai nel 2022 essere più considerata una fonte di mero intrattenimento destinato all’uomo. (Giada Ciliberto)