Home News Lo scarafaggio marino, la nuova scoperta in fondo alle acque marine

Lo scarafaggio marino, la nuova scoperta in fondo alle acque marine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:29
CONDIVIDI

Lo scarafaggio marino, un esemplare nuovo e insolito che appartiene a quelle nuove scoperte tra i fondali marini. Una specie che sembra irreale

L'esplorazione nei fondali sottomarini (Foto Facebook)
L’esplorazione nei fondali sottomarini (Foto Facebook)

 

A volte capita di vedere animali tanto strani da che sembrano usciti da un film di fantascienza. Se pensate di aver visto già tutte le specie esistenti, fareste bene a cambiare idea. Una scoperta recente dimostra che non dobbiamo mai smettere di sorprenderci. La novità in questione proviene dall’Indonesia e concerne un ritrovamento davvero terrificante. Vediamo insieme di cosa si tratta…

Potrebbe interessarti anche: Creature marine e pesci famosi: più di 70 star dei cartoni animati

Lo scarafaggio marino, una specie nuova che incute timore!

Uno dei membri dell'esplorazione (Foto Instagram)
Uno dei membri dell’esplorazione (Foto Instagram)

Le origini del ritrovamento risalgono al 2018 quando un gruppo di ricercatori ha scoperto e classificato le creature rinvenute in 63 siti differenti, in un periodo di due settimane. I ricercatori hanno potuto ammirare una grande varietà di meraviglie, sotto la guida del Museo di Storia Naturale “Lee Kong Chian” dell’Università Nazionale di Singapore (NUS). Tra le scoperte effettuate ha avuto maggiore risalto quella di uno scarafaggio gigante ma..marino! La specie però è stata riconosciuta come nuova, soltanto in data odierna.

Potrebbe interessarti anche: Tutte le più spettacolari e straordinarie creature marine di colore blu

Il nome scientifico della categoria marina scovata si chiama: Bathynomous raksasa. Quest’ultimo non è altro che un isopode ossia un ordine dei crostacei appartenente alla tipologia dei Malacostraca. Tale classe è molto ampia in quanto include circa 10.000 specie, terrestri e marine, presenti in tutti i continenti esistenti. Considerando l’estensione del loro habitat naturale, la categoria rinvenuta, appartiene alle 4500 specie marine rimaste che popolano i fondali. Anche in tale aspetto si inserisce una particolarità da conoscere, perché gli isopodi hanno popolato anche le acque dolci, comprese le acque sotterranee. La dimensione fisica rappresenta un altro elemento che può variare.

Di solito, gli isopodi vanno da meno di 1mm fino a quasi mezzo metro. Quest’ultima è la dimensione tipica di quelli giganti come il raksasa. La grandezza è un particolare tipico anche della nuova specie che è attribuita alla mancanza di predatori naturali nel loro habitat. L’assenza di predatori dunque facilita la crescita smisurata dell’esemplare. Un esemplare non solo insolito ma anche difficile da scoprire.

L’aiuto offerto dai progressi della tecnologia 

Il ritrovamento è stato possibile grazie all’avanzamento della tecnologia che ha consentito l’esplorazione delle profondità sottomarine. Gli esploratori infatti hanno potuto spingersi sempre più in fondo, oltrepassando i limiti finora stabiliti. Se prima, il livello di profondità era di 800 metri, attraverso la loro esplorazione hanno raggiunto i 2100 metri.

Un bel traguardo che ha regalato un meraviglioso spettacolo di creature marine. Poco importa, dunque, se la creatura scoperta provoca un pò di spavento, conta solo che sia venuta alla luce.

Benedicta Felice