Home News Non non le raccoglie ma le telecamere lo riprendono: arriva la dispendiosa...

Non non le raccoglie ma le telecamere lo riprendono: arriva la dispendiosa multa

Arriva un salato provvedimento: le telecamere lo riprendono, per chi non raccoglie prevista una multa particolarmente dispendiosa.

multa telecamere non raccoglie
Cagnolino al guinzaglio (Pixabay – TaniaVdB)

Un fatto peculiare, che ha attirato l’attenzione di molte persone in questi ultimi giorni, si è verificato nel comune italiano di Domodossola – in Piemonte. Mentre un uomo si trovava a passeggio con il suo cane è stato filmato dalle telecamere in strada per poi essere multato dalle autorità locali poiché avrebbe mancato di adempiere una delle raccomandazioni vigenti finalizzate a mantenere il decoro dell’ambiente circostante.

Le telecamere lo riprendono, lui non le raccoglie: arriva la dispendiosa multa

multa telecamere non raccoglie
Cane e padroncina in strada (Pixabay – Surprising_Shots)

Di risposta a un’iniziale segnalazione inoltrata da un cittadino, che si trovava anch’esso su via delle Difese, la polizia ha agito senza mezze misure rispondendo all’infrazione commessa del regolamento – colta sul fatto – con un’ammenda pecuniaria di 400 auro.

Potrebbe interessarti anche >>> Il padrone è morto da un anno, ma lui non vuole accettarlo: scappa per tornare da lui 🖤 – VIDEO

A fornire le prove inconfutabili dell’accaduto, dopo aver raccolto la dettagliata dichiarazione del testimone, sarebbe stata infine la visione delle immagini tratte da alcune telecamere di sicurezza del posto. I filmati hanno permesso alle autorità di identificare immediatamente l’uomo che, mentre passeggiava con il suo quattro zampe, non ha pensato di raccogliere gli escrementi del cane lasciandoli deliberatamente in strada.

Gli agenti della polizia locale, attualmente in costante monitoraggio in strada per verificare che tali divieti vengano rispettati, hanno agito di conseguenza al gesto di volontaria incuria presentando l’ingente somma da pagare per l’effrazione – tramite raccomandata – direttamente al mittente-trasgressore nella sua abitazione.

Risultano numerose, inoltre, le diverse segnalazioni e le relative ammende consegnate dalle autorità negli ultimi anni sulla base di tale principio, che mira a disincentivare – quanto il più possibile – la cattiva e ottemperata abitudine di lasciare i bisogni del cane sui marciapiedi e sulle strade cittadine. Le somme da versare potrebbero subito dei cambiamenti significativa a seconda della zona in cui viene commessa l’infrazione. Ad esempio, in alcuni casi, pare che possa sfiorare anche i 5mila euro qualora quest’ultima si verificasse nel centro storico di una città.

Potrebbe interessarti anche >>> Ferito e abbandonato a se stesso: la polizia sta cercando informazioni 

Raccogliere i bisogni del proprio cane dovrebbe essere un automatismo del cittadino che si accinge a portare a passeggio il proprio animale da compagnia, garantendo – in tal modo – il massimo del rispetto del suolo pubblico e di coloro che lo percorrono quotidianamente.