Home News Non volevano più il cucciolo: se ne liberano passandolo agli agenti durante...

Non volevano più il cucciolo: se ne liberano passandolo agli agenti durante un controllo

CONDIVIDI
abbandono cuccioli
Buddy il cucciolo abbandonato ad un posto di blocco

Agenti fermano automobile per regolare controllo. Coppia ne approfitta per abbandonare il cucciolo

Una coppia stava viaggiando in auto a Windosor in Inghilterra. Aveva da poche ore preso un cucciolo di cane, un jack russel. Il cagnolino era sulle ginocchia del passeggero, quando una pattuglia della polizia stradale ha fermato il mezzo per un controllo ordinario.

Gli agenti non si sarebbero mai aspettati quello che sarebbe accaduto da lì a poco. Infatti, dopo uno scambio di documenti, accertato che non vi fossero irregolarità, gli agenti si sono visti recapitare il cucciolo.

La coppia aveva da poco acquistato il cucciolo tramite un sito internet di annunci Gumtree. Accorgendosi di quanto era impegnativo, nell’arco di poche ore, non voleva più il cucciolo, del quale si è sbarazzata, passandolo dal finestrino dell’auto agli agenti.

Gli agenti ovviamente non hanno esitato un secondo, provvedendo a recuperare il cagnolino per metterlo al sicuro.

L’esemplare era molto piccolo ed era stato separato dalla madre troppo presto. Il cucciolo fortunatamente è stato portato presso il rifugio Battersea Dogs & Cats Home.  L’esemplare chiamato Buddy aveva circa 6 settimane ma era in buona salute.

Tanto che, nell’arco di pochi giorni, non ha avuto problemi a trovare una nuova famiglia.

Un caso davvero singolare. Per i dipendenti del rifugio è stata una fortuna o il destino che ha portato gli agenti a fermare quel mezzo. Altrimenti, chissà che fine avrebbe fatto quella povera creatura.

Al di là della modalità con la quale la coppia si è sbarazzata del cucciolo, i dipendenti del rifugio hanno espresso sconforto, denunciando quanto sia “scioccante che il cucciolo sia stato venduto così giovani tramite internet”.

“Non è raro che i cani siano acquistati online e poi rapidamente abbandonati dai loro proprietari quando cambiano idea”. Ha ricordato Sean Welland, responsabile adozioni della Battersea Old Windsor.

Vendita animali internet

“Acquistare animali online è come ordinare un nuovo paio di scarpe o jeans. Troppe persone prendono un cucciolo e poi decidono che è troppo impegnativo. Sono poi i volontari ha rimediare come sempre”. Ha poi aggiunto Welland.

Secondo quanto ricordato dal Daily Mail che ha riportato la vicenda, il numero dei cani comprati in rete, trascurati o abbandonati sarebbe aumentato negli ultimi anni. La stessa associazione Battersea ha registrato un aumento del 16,6% nel 2017 di cani che sono stati acquistati in rete e poi abbandonati.

Un fenomeno preoccupante per cui alcuni paesi come la Francia o la Regione della Vallonia in Belgio hanno preso dei provvedimenti drastici, vietando o regolamentando la vendita di animali online o gli stessi annunci di semplice adozioni.

Leggi anche–> Vallonia: basta annunci privati di vendita animali in rete o sui social, arriva l’ordinanza

Un settore che se non regolamentato favorisce anche commerci illegali come emerso da diversi fatti di cronaca. Addirittura c’è chi adottava cani in canile e li rivendeva in rete.

Leggi anche–> Cani adottati in canile e rivenduti in rete

La stessa Aidaa, in Italia aveva denunciato come la vendita di cuccioli in rete, contribuisse al traffico internazionale dei cuccioli provenienti dall’Est, alla criminalità organizzata.

 

C.D.