Home News La sentivano piangere dal dolore, cagnolina salvata dalla casa degli orrori –...

La sentivano piangere dal dolore, cagnolina salvata dalla casa degli orrori – VIDEO

Massachusetts: una cagnolina è stata trovata dalle forze dell’ordine gravemente emaciata. La pelosetta subiva continui abusi da parte del padrone

cagnolina emaciata abusi padrone
Cagnolina emaciata viene salvata dai continui abusi del suo padrone (Foto Facebook – MSPCA-Angell)

Gli agenti della MSPCA-Angell, un’organizzazione no-profit in difesa degli animali, è intervenuta lo scorso mese di giugno per salvare Sophie dai continui abusi del suo padrone.

Le forze dell’ordine erano state allertate dai vicini di casa del proprietario della cagnolina, allarmati dai suoni che provenivano dall’appartamento. I segnalatori hanno infatti dichiarato di aver sentito dei colpi e il cane che guaiva dal dolore.

Al loro arrivo, la polizia di Agawam e gli agenti della MSPCA-Angell hanno trovato il povero quattro zampe estremamente emaciato.

Piangeva dal dolore, cagnolina emaciata viene salvata dai continui abusi del suo padrone

cagnolina Sophie cerca casa
La cagnolina Sophie (Foto Facebook – MSPCA-Angell)

La simil Pitbull di circa quattro anni e mezzo è stata immediatamente confiscata al padrone e portata al canile di Boston. Il suo proprietario, invece, è stato arrestato e dovrà rispondere di due capi di accusa per maltrattamento di animali.

La cagnolina è stata visitata dai veterinari della struttura. Oltre ad essere gravemente denutrita, Sophie soffriva di anemia e aveva un dente fratturato.

Alla pelosetta sono state fornite tutte le cure necessarie e ora è completamente guarita.
Nonostante il trauma legato agli abusi subiti, il tenero cane si è sempre comportato in maniera dolce e affettuosa con i volontari, anzi ama stare a contatto con le persone.

Il suo animo buono e dolce non è passato inosservato, anche se il suo sogno di trovare casa non si è ancora realizzato.
Un sostenitore della MSPCA-Angell, toccato dalla triste storia della cagnolina e impossibilitato ad adottala, le ha inviato un pacco con giochi e leccornie tutto per lei.

Potrebbe interessarti anche: Cucciolo trovato in una shopper gialla a poche ore dalla morte – VIDEO

Da quando la pelosetta è arrivata al rifugio, sono trascorsi 100 giorni. Secondo quanto dichiarato dai volontari dell’associazione, il tempo di permanenza di Sophie è già quattro volte superiore a quello medio dei cani ospiti della struttura.

Potrebbe interessarti anche: Sospettato di aver seppellito vivo il suo cane finisce ai domiciliari – VIDEO

E in questo lungo lasso di tempo nessuno si è fatto avanti per darle una seconda possibilità. Lo staff del canile però non arresta la ricerca della famiglia giusta per lei, sicura del fatto che Sophie riempirebbe di amore e gioia la vita dei suoi fortunati padroni.