Home News Shamo, ‘il gatto più arrabbiato del mondo’, cerca una famiglia

Shamo, ‘il gatto più arrabbiato del mondo’, cerca una famiglia

CONDIVIDI
@Twitter

La compagnia degli animali è spesso in grado di migliorarci l’umore. Con Fido o Fuffi al nostro fianco sappiamo sbollire la rabbia, la delusione e la fatica che a volte certe giornate comportano. Eppure anche loro a volte cedono alla rabbia, pur non dandolo a vedere. Ma una eccezione in questo senso c’è: è Shamo, un micio che vive in Giappone. Questo felino, ospite da oltre un anno di una struttura che si prende cura di felini senza casa, sta facendo parlare di se l’intero Sol Levante. Il motivo è dato dalla particolare connotazione del suo viso. Sembra infatti che questo gatto sia sempre imbronciato, per non dire arrabbiato. La sensazione che chi gli è stato vicino ha provato è che Shamo sia sempre così diffidente proprio perché è stanco di vivere in una pensione per gatti e vorrebbe trovare invece una sistemazione più consona a quelli che sono i suoi desideri. D’altronde ogni animale desidera carezze, crocchette e tanto tempo e spazio per dormire o stare sereno. I responsabili della pensione dove Shamo è tenuto sperano che presto questo bizzarro animale possa trovare una famiglia. Ed a questo scopo postano con cadenza quasi quotidiana le sue foto su un profilo Twitter dedicato, oltre che su un sito web. Loro assicurano che il gatto in realtà sia molto affettuoso e disposto a prendersi le carezze di tutti, anche se non sembra.

Da Sham, il gatto arrabbiato, a Buddy, il cane incastrato

E come non parlare di un altro episodio curioso, avvenuto in Gran Bretagna: qui si è verificata una cosa che ha decisamente dell’assurdo: Buddy, un incrocio tra un carlino e un chihuahua, ha vissuto una disavventura che non scorderà. Infatti, il cane, giocando in casa, è finito con la testa bloccata in un barattolo di biscotti. Il cane cercava di mangiare le ultime briciole nel vasetto trovato nella sua casa a Southampton, la scorsa domenica. Poi l’improvvisa disavventura che sulle prime ha comprensibilmente spaventato il quattrozampe, prima del lieto epilogo della vicenda. Ma la cosa che i soccorritori segnalano in particolare dell’accaduto è stata l’espressione triste di Buddy, povero cucciolone…