Home News La storia dell’amicizia tra Marco e il cane Ares, sono inseparabili

La storia dell’amicizia tra Marco e il cane Ares, sono inseparabili

Marco e il cane Ares sono inseparabili, gli animali sono senza dubbio un toccasana per i bambini.

Ares Marco cane
Cane color miele (Pixabay)

Marco è un bambino timido con gli occhi castani e i capelli biondi, il suo sguardo è molto comunicativo e il suo carattere è particolare, spesso può capitargli di avere paura. Si tratta di un bambino sensibile e dolce, è molto affettuoso con i suoi familiari e non dà confidenza agli estranei.

La mamma lo descrive come un bambino molto prudente, ha bisogno di tempo per conoscere il nuovo, tuttavia ha un forte legame con il loro cane Ares. Tra i due c’è molta complicità e l’uno si batterebbe per l’altro senza pensarci due volte,

Ares e Marco un’amicizia che fa bene al cuore:

bambino fobia
Bambino (Pixabay)

Ares è un cane color miele, ha un fiuto molto sviluppato, il suo gioco preferito è dare la caccia alla spesa che fa la mamma di Marco, impazzisce per l’odore di formaggio e per altri cibi. A volte è buffo ma è un animale nobile e gentile, il legame tra Marco e Ares è un legame profondo che è nato piano piano, i due comunicano in silenzio, giocano e guardano insieme i cartoni animati seduti sul divano, a volte fanno anche merenda insieme mangiando chiaramente cose diverse. Da qualche mese Ares fa compagnia a Marco quando deve andare in bagno.

Potrebbe interessarti anche >>> Un cane eroe ha perso la vita per salvare 4 bambini da un puma (Video)

La madre di Marco è una donna molto impegnata con il suo lavoro, e ha cresciuto il suo piccolo da sola, perché hai interrotto la relazione con il padre di Marco quando lui era ancora molto piccolo. Marco nonostante sia un bambino prudente è anche molto indipendente, ha iniziato a parlare ad un anno e a deambulare a un anno e due mesi, dopo poco non ha più voluto nemmeno il pannolino e la Madre è stata molto orgogliosa della sua voglia di autonomia.Marco però è stato segnato da una fobia, il passaggio dal vasino al bagno, ha scatenato in Marco una reazione fobica, il bambino non appena ha capito che doveva abbandonare il vasetto, ha iniziato a piangere e a trattenere le feci pur di non sedersi in quel “luogo da grandi”.

Potrebbe interessarti anche >>> La triste storia di un cane che per mesi è stato legato ad un palo – VIDEO

Marco confessò alla pediatra che il bagno dei grandi gli faceva paura e che aveva sognato che l’avrebbe ingoiato. Marco ha passato un brutto periodo e la sua situazione iniziava ad essere preoccupante perché trattenere le feci anche per cinque giorni di seguito, non è una cosa normale e non fa bene al corpo ancor di più in una fase di sviluppo. Il ruolo di Ares è stato fondamentale, Marco e Ares sono inseparabili ed il cane aveva capito che marco stava male, così Ares ha iniziato a girare intorno al bagno e ad abbaiare come per dare un segnale al bambino. La madre sotto consiglio del pediatra ha cambiato disposizione del bagno, mettendo il vasino in bagno accanto al Vater dove ha poi posizionando il cuscino più bello di Ares.

Marco aveva intuito che il suo momento di paura poteva diventare un momento di condivisione e gioco perché le paure condivise fanno meno paura. Così col passare del tempo Ares ha iniziato ad andare in bagno per primo, il cane portava il suo osso e si metteva a giocare sopra il suo cuscino preferito aspettando che Marco lo seguisse. Quel rituale giornaliero ha aiuto Marco ad entrare in contatto con le sue paure e ad osservare il WC. Dopo qualche giorno che aveva preso confidenza con il bagno, Marco finalmente riuscì a superare la sua paura e successivamente lo comunicò a sua madre, tuttavia chiese alla donna di poter tenere il cuscino di Ares in bagno per sentirsi meno solo, almeno fin quando non sarebbe diventato più grande. Questa storia ci insegna che gli animali sono un vero e proprio toccasana per i bambini e che il loro amore è una vera e propria cura. (Noemi Aloisi)