Home News Trovato strano gatto all’aeroporto di Roma: in realtà è una Genetta pardina

Trovato strano gatto all’aeroporto di Roma: in realtà è una Genetta pardina

Strano ritrovamento quello avvenuto all’aeroporto Fiumicino di Roma, sembrava un gatto ma alla fine si è rivelato un raro animaletto esotico.

gatto strano ritrovato all'aeroporto
Genetta pardina (Facebook)

I carabinieri del Raggruppamento CITES (Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione), che si occupa della tutela di fauna e flora protette, sono stati chiamati all’aeroporto Fiumicino di Roma dopo varie segnalazioni della presenza di uno strano animaletto, che all’apparenza sembrava un gatto. Il personale dell’aeroporto aveva appunto comunicato agli agenti speciali di aver recuperato un gattino maculato, ma quando sono arrivati sul posto hanno constatato che non si trattava di un gatto, bensì di una Genetta pardina.

Strano gatto maculato ritrovato si rivela un raro animaletto esotico

Animale esotico trovato all'aeroporto
Genetta pardina in salvo (Twitter)

La Genetta pardina è un animale carnivoro, a rischio di estinzione, diffuso nell’Africa occidentale ed ha alcune somiglianze con i nostri amici felini anche se dall’aspetto ricorda più un lemure. Presenta la coda lunga, un musetto lungo e appuntito mentre le orecchie sono grandi e tondeggianti come gli occhi. Il suo manto è particolare: maculato e ad anelli.

Ti potrebbe interessare anche >>> India: cucciolo di elefante cade in una buca, si salva grazie alla fisica

Questo cucciolo era stato importato dall’Africa insieme ad altri 19 cuccioli da un uomo che durante l’operazione di sbarco non si è reso conto che uno di loro mancava all’appello. Probabilmente nella confusione era riuscito a scappare, solo che non è passato inosservato all’aeroporto. Mentre facevano i controlli e aspettavano il proprietario, le forze dell’ordine si sono prese cura del piccolo animale esotico, dandogli da mangiare e da bere.

Ti potrebbe interessare anche >>> Lol 2: il vincitore dona la somma ricevuta di 100.000 euro al WWF

I carabinieri hanno subito iniziato le indagini per controllare che i documenti fossero a posto e che il trasporto fosse quindi legale e autorizzato. Le autorità hanno trovato tutto nella norma e quindi hanno potuto restituire il cucciolo di genetta al rispettivo proprietario. Questa specie esotica non è disciplinata dalla CITES e quindi può essere venduta in molti paesi europei tra i quali Spagna, Francia e Italia. In alcune zone dell’Europa vive in natura e ci sono stati degli avvistamenti. (Lisa Girello)