Home News Totò, il gattino che è stato rinchiuso dentro due sacchi e abbandonato

Totò, il gattino che è stato rinchiuso dentro due sacchi e abbandonato

Si chiama Totò ed è un gattino che è stato abbandonato in maniera crudele: è stato rinchiuso con delle fascette dentro a due sacchi

gattino abbandonato due sacchi
I due sacchi nei quali è stato abbandonato il gattino Totò (Foto Facebook)

Totò è un gattino che era condannato a morte certa: è stato abbandonato rinchiuso in due sacchi. Un gesto ancor più crudele del semplice disfarsi di un pelosetto: in quel modo mai e poi mai si sarebbe potuto liberare dalla sua prigione, andando così incontro alla sua fine. Per fortuna, qualcuno è intervenuto per dare una mano al micino, che è stato così tratto in salvo da quello che sarebbe stato un tragico destino. 

Viene salvato Totò, il gattino che è stato rinchiuso dentro due sacchi e abbandonato

Totò gattino abbandonato due sacchi
Il gattino Totò dopo il suo ritrovamento (Foto Facebook)

Miagolava disperato chiedendo aiuto, così è stato notato da un passante: Totò chiedeva aiuto e l’uomo è intervenuto grazie alle sue richieste. I due sacchi nei quali era stato rinchiuso il micio europeo erano infatti stati gettati in campagna, dove nessuno avrebbe potuto trovarlo. Chi lo ha lasciato lì voleva in tutti i modi che morisse nel peggiore dei modi, solo e di stenti.

Ti potrebbe interessare anche: Gatto abbandonato in un trasportino il giorno di Natale

Quando l’uomo ha aperto il sacco, ha trovato dentro un felino solo, impaurito, bagnato e spaventato. Il gatto non ha opposto resistenza: ha capito subito che quella persona lo stava salvando e si è lasciato portare al sicuro. Il tutto è accaduto poco prima di Natale: dunque il racconto ha, in un certo senso, il sapore di una storia natalizia, visto il lieto fine che ha.

Totò finisce in una clinica veterinaria: viene curato e oggi cerca una nuova casa

Totò gattino abbandonato due sacchi
Totò nella clinica veterinaria (Foto Facebook)

Chi lo ha trovato ha capito che bisognava portare il gatto dal veterinario. Così il quattro zampe ha passato il Natale in una clinica nella quale lo hanno curato e gli hanno dato tutto l’amore di cui aveva bisogno. Totò si è quindi ripreso e oggi sta bene: è diventato un micio forte e socievole. Anzi, adorabile, visto che riempie di attenzioni e fusa chiunque gli si avvicini.

Ti potrebbe interessare anche: Il gatto fa le fusa: perché lo fa e cosa vuole comunicare

Con il nuovo anno, infine, Totò è stato messo in adozione: il cucciolo cerca infatti una famiglia che lo prenda con sé e che sia in grado di dargli l’amore e l’affetto che ogni animale da compagnia merita. 

Matteo Simeone