Home Storie di Fedeltà Il fedele cane di un senzatetto lo ha accompagnato fino alla morte

Il fedele cane di un senzatetto lo ha accompagnato fino alla morte

CONDIVIDI
Papà Puffo
Papà Puffo e il suo fedele barboncino

Il fedele cane di “Papà Puffo”, un senzatetto messicano, lo ha accompagnato fino alla morte non lasciandolo solo nell’ultimo viaggio.

Un senzatetto è deceduto sotto il ponte di Bordo de Xochiaca con Anillo Periférico, nella Colonia Del Sol, in Messico, tra le sue coperte. Vicino a lui è rimasto il suo fedele compagno “chirimoya” un cane barboncino francese che si prese cura del senzatetto. Questa struggente storia testimonia il rapporto straordinario tra i cani e i loro proprietari. Il suo cane lo ha accompagnato durante l’ultimo viaggio, dopo che giorni fa “Papà Puffo” o “Ojitos de Caldo”, come era noto ai suoi amici anche loro in condizioni di disagio, era stata in cattive condizioni di salute e il suo corpo non poteva sopportare il passare degli anni e la vita di strada.

Leggi anche –> Senzatetto disperato: “Il mio cane è morto, regalatemi un altro amico” – FOTO

La storia di “Papà Puffo” e del suo fedele barboncino

Quando i suoi amici resero conto della morte, hanno informato la polizia municipale, che a sua volta ha chiamato il personale paramedico. L’uomo, nativo di Celaya Guanajuato, era già deceduto all’arrivo dei soccorsi. A quanto pare, avrebbe chiesto di non informare i suoi familiari, che in tutti questi anni presumibilmente lo hanno lasciato solo. Una base del letto fatta di legno, diverse coperte e immondizie sui cumuli di terra e pietre, furono l’ultima dimora di “Ojitos de Caldo” per tre lunghi anni.

Lui la condivideva con i suoi cani e i suoi amici, che lo assistevano durante i giorni in cui si ammalò, prima della sua morte. Dopo i controlli effettuati dal personale paramedico, è stato confermato che “Papa Puffo” non aveva più segni vitali, quindi hanno lasciato il corpo sotto la custodia della polizia municipale e dei fedeli compagni del senzatetto “chirimoya” e “giallo”. Questi non lo hanno mai praticamente abbandonato, in particolare il barboncino. Il cane è riuscito ad eludere i controlli della polizia locale per stare vicino al suo proprietario. Il finale di questa vicenda è davvero triste. Infatti, la fossa comune sarà la destinazione di “Papa Puffo”, dopo che gli esperti portarono il corpo all’obitorio territoriale per eseguire i test di legge e il lungo addio dei suoi amici a quattro zampe.

Leggi anche –> Senzatetto costretto a separarsi dal suo cane: gara di solidarietà