Home Non solo Cani e Gatti Alopecia nel coniglio: cause, sintomi e consigli su come rimediare

Alopecia nel coniglio: cause, sintomi e consigli su come rimediare

Alopecia nel coniglio e perdita di pelo, un disturbo molto comune in questo animale. Vediamo di capire quali sono le cause scatenanti, tutti i sintomi e i consigli su come risolvere.

Alopecia nel coniglio
(Foto Pixabay)

Il coniglio è tra gli amici domestici più desiderati e apprezzati. Prendersi cura di questa piccola e tenera creatura dà molte soddisfazioni personali, in quanto si tratta di un animale delicato e sensibile, a cui si può donare tanto amore. Tra i vari disturbi di cui può soffrire il peloso, c’è anche una grave perdita di pelo che può portare alla forma serie di alopecia. Oggi, vediamo tutto ciò che occorre conoscere sull’alopecia nel coniglio, insieme ai consigli su come aiutarlo a guarire.

Alopecia nel coniglio: cause e sintomi del disturbo

Il coniglio può essere colpito da varie forme di alopecia e, quindi, da una perdita massiccia di pelo. Questo disturbo non attacca l’animale in base all’età, al sesso e alla razza, può svilupparsi in qualsiasi tipo di peloso. Conosciamo le cause e i sintomi tipici del disturbo.

Il disturbo nel coniglio
(Foto Pexels)

L’alopecia o la perdita di molta quantità di pelo è un disturbo che non colpisce soltanto noi umani, ma anche i nostri animali domestici. Questo problema è abbastanza comune nel coniglio, che può essere soggetto a perdita parziale o totale del pelo.

Prima di arrivare alla sua cura, è molto importante fare la corretta diagnosi, in quanto l’alopecia potrebbe essere il segnale di un’altra malattia presente nell’animale. La caduta di peli può essere improvvisa o progredire nel tempo.

L’alopecia nel coniglio nasce in conseguenza del blocco della crescita del pelo, a partire dai follicoli piliferi. Questo arresto può dipendere da diversi fattori, quali:

  • Infezioni parassitarie: acari, pulci e pidocchi;
  • Infezioni batteriche;
  • Carenze nutrizionali, soprattutto una dieta povera di proteine;
  • Dermatite;
  • Neoplasie: tumori o altre masse di cellule anomale;
  • Problemi nel comportamento: barbering;
  • Stress del coniglio.

Un’altra caratteristica dell’alopecia è che può essere localizzata o riguardare più zone del corpo. Va precisato, poi, che questo disturbo non va confuso con la muta del coniglio, una fase naturale tipica in molte tipologie di conigli.

Il famoso barbering nel coniglio, ovvero la tendenza a masticare o strappare ciocche di pelo ai suoi simili, fa sì che i fianchi diventino la zona con maggiore perdita di pelo. Alcune razze sono più predisposte, come può accadere nella cura del pelo del coniglio d’angora.

Potrebbe interessarti anche: Il coniglio perde il pelo in autunno: cosa fare

Perdita di pelo nel coniglio: possibili soluzioni e consigli

Se si nota una perdita di pelo eccessiva nel proprio coniglio è fondamentale intervenire subito, effettuare la diagnosi e sapere come far convivere l’animale con questa sua condizione. Ecco cosa fare per aiutarlo con dei consigli utili per rimediare al problema.

L'alopecia del coniglio
(Foto Unsplash)

Nel momento in cui il coniglio inizia a perdere molto pelo, più rispetto al solito e in zone diverse, una visita dal veterinario è necessaria ed utile a scoprirne la causa. La visita consiste nel controllo della cute e del pelo, per escludere il problema di funghi, batteri o parassiti esterni nel coniglio. Saranno necessari, poi, esami del sangue e delle urine, radiografie ed ecografie.

In base alla causa dell’alopecia nel coniglio, si deciderà per il trattamento adeguato. Può trattarsi di un’infezione, di una patologia e anche di un tumore. In questo caso, purtroppo, l’unica cura per l’animale è la chemioterapia, soluzione molto costosa e pesante che non assicura un esito positivo.

Per fare prevenzione e dare al proprio peloso la salute e il benessere di cui necessita, è fondamentale mantenere il suo habitat sempre pulito, l’ambiente in cui vive igienizzato e libero da allergeni. La stessa attenzione va data alla sua alimentazione, la quale deve essere integrata con proteine e povera di grassi.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ilaria G