Home Non solo Cani e Gatti Bivalve: caratteristiche, habitat, classificazione e alimentazione

Bivalve: caratteristiche, habitat, classificazione e alimentazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:14
CONDIVIDI

Il bivalve: un gruppo all’interno dei molluschi, da noi molto amati. Vediamo le caratteristiche, l’habitat e l’alimentazione.

bivalve
Bivalve.(Foto Pixabay)

Il bivalve, appartiene ad un gruppo all’interno di molluschi precedentemente noto come lamelobranchs o pellecypods. Questo gruppo è composto da circa 13.000 abitanti che vivono in acqua dolce e principalmente in acqua salata.

La parola bivalve deriva dalla parola bivalvia, bi significa “due” e valvia significa “piastra o valvola”. Quindi il significato letterale di bivalve è “animale con due valvole”

Caratteristiche del bivalve

bivalve
Alcuni esemplari hanno gusci di pochi millimetri mentre altri raggiungono una lunghezza anche di un metro.(Foto Pixabay)

Il bivalve è di grande importanza nell’alimentazione umana e nei bivalvi troviamo alcuni molluschi noti come ostriche, cozze, vongole di rasoio, vongole e vongole. Le caratteristiche del bivalvo, possono variare notevolmente a seconda della specie.

Alcuni hanno gusci praticamente globulari mentre altri hanno gusci molto più allungati. Di conseguenza anche le misure sono molto varie, alcuni esemplari hanno gusci di pochi millimetri mentre altri raggiungono una lunghezza anche di un metro.

Il bivalve possiede sia il guscio che il mantello e questi sono legati tra loro. Per quanto riguarda il mantello è una sottile membrana che copre il corpo dell’animale ed è responsabile per secernere il materiale con cui si forma il guscio, ossia la calcite o l’aragonite, entrambe forme cristalline di carbonato di calcio.

E mentre il mantello secerne questo materiale e produce dei legamenti che si collocano tra i due volantini, il guscio continua a crescere durante l’arco di vita.

I sensi sono poco sviluppati e consistono principalmente di sensori meccanici e chimici, alcuni esemplari pur avendo gli occhi si limitano solo a constatare la presenza di luce o meno. Inoltre è privo di cervello ma possiede solo una serie di coppie di linfonodi collegati tra loro e responsabili del controllo della cavità del mantello, del piede e di altri organi.

Alcuni animali adattati ai cambiamenti della marea possono vivere diverse ore fuori dall’acqua se chiudono i loro gusci.

Habitat e riproduzione

colonia di bivalve
Colonia di bivalve.(Foto AdobeStock)

Il bivalve è presente solo nelle aree acquatiche, sia d’acqua dolce che salata. A seconda della specie possono trovarsi in mari caldi o in acque più fredde. L’habitat naturale del bivalve è dato da fondali sabbiosi o fangosi.

La maggior parte vive nei tropici e nelle acque temperate; tuttavia, possono anche vivere in condizioni estreme e circa 140 specie sono note per vivere nell’Artico. La maggior parte dei bivalve nascono e vivono per sempre nello stesso posto, altri invece usano la struttura muscolare del piede per spostarsi tra i loro habitat.

Si può dire che in generale preferiscono ambienti con moderato movimento dell’acqua. Per quanto riguarda la riproduzione, alcune specie risultano ermafroditi, altri si riproducono sessualmente ed è possibile anche una distinzione tra individui di sessi diversi.

All’interno all’interno della classe bivalve è possibile distinguere quattro classi:

  • Heterodontos (Heterodonta): gli eterodonti sono bivalvi marini, comprendono le vongole e si caratterizzano per avere le stesse dimensioni dei loro due volantini, oltre ad avere alcuni denti cardinali separati da numerosi denti laterali all’interno del loro guscio.
  • Protobranchs (Protobranchia): i protobranchi sono animali di acque profonde, hanno diversi piccoli denti di dimensioni molto simili tra loro.
  • Pteriomorphs (Pteriomorphia): gli pteriomorfi sono esclusivamente animali marini, includono le cozze e le ostriche, hanno un piede molto piccolo e le loro branchie sono grandi e li aiutano a nutrirsi. Sono gli unici con gli occhi.
  • Paleoheterodontos (Paleoheterodonta): il gruppo paleoheterodontos è estinto, avevano volantini di uguali dimensioni sebbene avessero solo una fila di denti.

Alimentazione del bivalve

bivalve
Bivalve.(AdobeStock)

Alcune specie sono carnivore e predatorie con un sistema digestivo più grande, modificato per ingerire prede più grandi. Ma principalmente l’alimentazione dei bivalvi avviene tramite filtrazione dell’acqua e si nutre di particelle sospese nell’acqua come il fitoplancton.

In generale, il tratto digestivo è comune a tutti i molluschi con il loro esofago, stomaco e intestino. La differenza più grande è che i bivalvi non hanno la radula, un organo altamente specializzato nei molluschi che si trova nella cavità che entra nel sistema digestivo.

Potrebbero interessarti anche:

Raffaella Lauretta