Home Non solo Cani e Gatti Pesce Betta: caratteristiche, alimentazione e habitat

Pesce Betta: caratteristiche, alimentazione e habitat

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30
CONDIVIDI

Il pesce Betta è fra gli esemplari più richiesti dagli appassionati di acquari. Scopriamo le caratteristiche, l’habitat e l’alimentazione di questo pesce.

pesce betta
Il suo nome scientifico è Betta splendens. Il pesce Betta, noto anche come pesce combattente del Siam, è un pesce d’acqua dolce.(Foto Pixabay)

Il suo nome scientifico è Betta splendens. Il pesce Betta, noto anche come pesce combattente del Siam, è un pesce d’acqua dolce originario del fiume Mekong, nel sud-est asiatico. Le specie più commercializzate di Betta sono quelle che sono il risultato dell’allevamento selettivo e dell’ibridazione da parte degli allevatori di Betta.

Caratteristiche del pesce betta

pesce
È un pesce che si contraddistingue per la forma della coda e delle pinne.(Foto Pixabay)

La caratteristica peculiare di questo pesce, è l’organo labirinto che gli permette di espirare dall’acqua per brevi periodi di tempo. Questa qualità consente al pesce betta di sopravvivere in acque stagnanti o con bassi livelli di ossigeno. È un pesce che si contraddistingue per la forma della coda e delle pinne.

Questo curioso pesce raggiunge di solito una lunghezza di 6,5 centimetri ed è uno dei pesci d’acqua dolce più conosciuti. Questa sua popolarità è dovuta alla sua moltitudine di colori e alle diverse forme che può avere il suo velo.

Nonostante la grande varietà che possiamo trovare nei negozi, in natura, di solito sono per lo più verdi, marroni, grigi e rossi e le sue pinne sono più corte.

C’è una grande differenziazione tra il pesce maschio Betta e il pesce Betta femmina, parliamo della sua pinna. I maschi hanno pinne più lunghe e più grandi delle femmine, oltre che molto più colorate. Hanno anche un corpo più lungo rispetto alle femmine.

Quando il maschio incontra una femmina, apre le pinne ed esegue una specie di danza per corteggiarla e attirare la sua attenzione. Se la femmina lo accetta, il colore della sua pelle si scurirà formando linee verticali (note come barre riproduttive).

Il maschio inizia a creare un nido di bolle sopra l’acqua, una volta creato il nido, il maschio inizierà a inseguire la femmina fino a quando non accetta di posizionarsi sotto il nido, a quel punto il maschio la abbraccerà per premere l’addome ed espellere le uova.

Questo comportamento verrà ripetuto più volte fino a quando la femmina non avrà espulso tutte le uova. Allo stesso modo, l’intero periodo successivo di cura della prole è responsabilità del maschio; le femmine non partecipano a questo stadio e di solito si allontanano.

I maschi di Betta adulti, sono molto aggressivi con gli altri maschi, infatti quando un pesce Betta maschio incontra un altro pesce Betta maschio (o il suo riflesso in uno specchio), diventa territoriale e aggressivo, mostrando le sue branchie. Il pesce Betta di solito vive circa 2 anni e può superare i 3 anni se ha condizioni di vita ottimali.

Habitat e alimentazione

Se vogliamo avere solo un pesce betta avremo bisogno di un acquario di almeno 20 litri di capacità.(Foto Pixabay)

Se abbiamo deciso di accogliere un pesce Betta, facciamolo nel miglior modo possibile. Ecco perché è importante conoscere le cure di cui ha bisogno questo pesce, come la qualità dell’acqua e le esigenze nutrizionali, per il benessere del pesce.

Non lasciamoci ingannare dal modo in cui li hanno nei negozi, perché anche se a volte li possiamo trovare in acquari molto piccoli, ciò non significa che dovrebbero vivere in quelle condizioni.

Se vogliamo avere solo un pesce betta avremo bisogno di un acquario di almeno 20 litri di capacità, una temperatura dell’acqua, tenuta tra 22 ° C e i  32 ° C.

Questo pesce, ha bisogno di un ampio spazio per muoversi e giocare e anche per tale motivo, per quanto riguarda l’uso di elementi decorativi, bisognerebbe evitare rocce o elementi con cui le pinne potrebbero ferirsi. Per quanto riguarda l’igiene, si consiglia una sostituzione di metà del liquido a settimana.

In questo momento viene sempre utilizzato lo stesso tipo di acqua per evitare cambiamenti dannosi. Non è consigliabile avere più di un maschio per evitare di combattere. Esiste una grande varietà di altre specie per condividere acquario senza problemi, come ad esempio: Cherry Barbo, Ancistrus e loricard, Botia, danios, Alghe cinesi, Corydoras, Khulis, Mollys, platies, rasbore.

Per quanto riguarda le Betta femmine, non ci sono così tante limitazioni di compatibilità, tuttavia è meglio abbinarle con specie delle stesse aree geografiche, poiché saranno compatibili sia con il comportamento che con la qualità dell’acqua.

Per quanto riguarda l’alimentazione, il pesce Betta ha una dieta onnivora e richiede un alto contenuto proteico, sebbene di solito preferisca l’alimentazione carnivora.

In commercio, nei negozi specializzati, possiamo trovare mangimi specifici per pesci Betta, composti da granuli che devono essere inumiditi prima di donarli. Questi granuli sono generalmente fatti di fegato di fegato e manzo.

Per fornire una dieta equilibrata a questo pesce, è meglio offrire un’alimentazione varia basata su cibo secco, cibo liofilizzato e cibo vivo (come avena e vermi grindali) o congelato (come larve e artemia).

Inoltre, bisogna fornirgli anche le verdure, che purtroppo per lui non gli piacciono ma sono fondamentali, perché sono inclini a soffrire di ostruzioni intestinali che possono finire per essere gravi. La verdura che più tollera sono i piselli e bisognerà cuocerli per alcuni minuti, rimuovere la pelle e schiacciarli con una forchetta, per poi finalmente offrirglieli.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI