Home Non solo Cani e Gatti Cervo: cosa mangia, dove vive, caratteristiche, curiosità

Cervo: cosa mangia, dove vive, caratteristiche, curiosità

Il cervo è spesso rappresentato nel cinema e nel mondo dei cartoni animati, per il suo aspetto dolce da cucciolo e fiero da adulto.

cervo
(Foto Pixabay)

Queste che tratteremo sono schede destinate ai bambini, per aiutarli ad apprendere particolari argomenti che nello specifico trattano di animali.

Non saremo né i primi né gli unici a trattare questo argomento, ma con l’aiuto di foto e paragrafi semplici, cercheremo di incuriosire e stimolare il bambino, aiutandolo anche visivamente ad assimilare la materia.

Oggi andremo a ricostruire, illustrare e rappresentare quello che è l’animale più amato dai bambini.

Caratteristiche del cervo

cervo
(Foto Pixabay)

Il nome comune è cervo ed appartiene alla famiglia degli ungulati dell’ordine degli artiodattili.

Il cervo è un mammifero che ha un peso che oscilla tra gli 80 e i 150 Kg, può essere lungo fino 2.5 m e alto al garrese 1.2 m.

Possiede il tronco snello e lungo, la coda non supera i 20 cm di lunghezza, il collo è allungato e stretto, gli occhi di media grandezza e le pupille ovali.

Il mantello è attaccato al corpo e di colore variante a seconda del sesso, dell’età dell’animale e della stagione.

La caratteristica principale del cervo maschio sono i palchi ramificati, che hanno una lunghezza che va da un minimo di 70 cm ad un massimo di 130 cm con un peso medio di 4-6 Kg.

Ogni anno questi palchi subiscono una rinascita e perciò quelli vecchi cadono per poi ricrescere.

Il cervo è un animale molto territoriale che marca le sue aree attraverso tracce odorose, con utilizzo di sostanze generate da ghiandole presenti intorno agli occhi o anche segni di sfregamento sulle piante.

È un animale attivo principalmente di notte, quando va alla ricerca il cibo, mentre di giorno rimane nascosto nel folto del bosco.

Molto spesso questo animale viene confuso con il capriolo, ma pur appartenendo alla stessa famiglia, si tratta di due animali diversi. La differenza sta nella dimensione e nella grandezza delle corna. Infatti il cervo è in entrambe le cose più grande del capriolo.

La durata di vita media dei cervi e tra i 10 e i 15 anni in natura, mentre in cattività può arrivare tranquillamente a 20 anni.

Dove vive il cervo

cervo habitat
(Foto AdobeStock)

In Italia è abbondantemente presente in tutte le Alpi centro-orientali e, localmente, in Piemonte e Valle d’Aosta.

Però a parte l’Italia, il cervo lo possiamo trovare in tutto l’emisfero settentrionale, ovvero in Europa, Asia Minore, Transcaucasica e zone temperate dell’Asia.

Come habitat predilige estese foreste, mentre in primavera, tende a frequentare i prati di fondo valle per approfittare della crescita della prima erba.

Potrebbe interessarti anche: Renna: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Come nascono

cervo e madre
(Foto AdobeStock)

I cervi maschi vivono in gruppi, per la maggior parte dell’anno separati dalle femmine, tranne nella stagione degli amori che ha inizio tra la metà di settembre e la metà di ottobre.

Fino ad allora i cervi che sono animali sociali e poligami, vivono separati e hanno una struttura basata sul gruppo famigliare di tipo matriarcale, composta dalla femmina adulta, dal cucciolo e dal giovane nato l’anno precedente.

Solo al momento della riproduzione c’è il riavvicinamento e in quella stagione è frequente ascoltare nel bosco i possenti bramiti emessi dai maschi.

Avvenuto poi l’accoppiamento, la gestazione dura 230-240 giorni e la femmina partorisce un unico cerbiatto già a partire dal secondo anno di vita.

Il cucciolo, nei primi giorni di vita, rimane nascosto nella vegetazione e raggiunto dalla madre solo al momento dell’allattamento.

Potrebbe interessarti anche: L’impala: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Cosa mangia il cervo

cervo e pianta
(Foto AdobeStock)

Il cervo predilige vegetali erbacei, tuttavia non disdegna anche arbusti e specie arboree (abete, larice, pino cembro, faggio, frassino) causando anche ingenti danni al patrimonio forestale.

In inverno si nutre di gemme, foglie, cortecce, ghiande, castagne e funghi, spingendosi fino ad intaccare le coltivazioni di cereali, patate, viti o alberi da frutto.

Questo mammifero necessita ogni giorno di 10-15 kg di vegetali, prevalentemente erba.

Curiosità

  • Il cervo è l’animale dolcissimo agli occhi dei bambini in quanto lo riconoscono nel famoso cartone animato della Disney “Bambi”.
  • Il maschio si distingue facilmente dalla femmina per la presenza di palchi anche molto imponenti che vengono rinnovati ogni anno tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera.
  • Come negli altri Cervidi, la crescita avviene con la formazione di nuovo osso ricoperto di velluto; a sviluppo completo, i palchi vengono liberati dal velluto e si presentano di colore molto chiaro, che si scurisce nel corso dell’anno.
  • Il mantello estivo è brunastro tendente al rossiccio mentre quello invernale è grigio-bruno. Nelle femmine i colori sono più sbiaditi mentre i giovani hanno un manto rossastro con macchie bianche.
  • Le femmine sono più piccole con una lunghezza al massimo di 2 m e 100 Kg di peso.
  • L’incontro in natura con i cervi è raro, ma è possibile vederli presso l’Osservatorio faunistico delle Canavere.
  • La competizione tra diversi maschi avvengono attraverso l’emissione prolungata di bramiti, versi udibili particolarmente nelle ore notturne ed all’alba.


Raffaella Lauretta