Home Non solo Cani e Gatti Il coniglio è depresso: cause e rimedi

Il coniglio è depresso: cause e rimedi

Può capitare che il coniglio si rifugi in un angolo e appaia triste; tutti i motivi e rimedi da adottare quando un coniglio è depresso.

Coniglio depresso
Coniglio depresso: da cosa è causata e come rimediare (Fonte: Pixabay)

Può capitare di vederli rifugiarsi in silenzio, magari in un angolo della stanza anche poco in vista, con gli occhioni dolci e tristi. Ebbene sì, anche i conigli si deprimono e possono provare tristezza, come si legge chiaramente sul loro volto. Un padrone attento e premuroso non potrà fare a meno di preoccuparsene. Sarà fondamentale qual è la causa del suo malessere per far ritornare il coniglio allegro e pimpante come al solito. Scopriamo come un coniglio può andare in depressione e in che modo aiutarlo.

Coniglio è depresso: ne siamo sicuri?

Come facciamo a capire che un coniglio è triste e depresso? Naturalmente vi sono alcuni chiari segnali che ci indicano questo suo stato di apatia, ma bisogna fare attenzione. Ecco dunque come accorgersi se soffre di depressione, non soltanto dalle espressioni del suo volto ma anche dai suoi atteggiamenti che spesso sono strani e bizzarri nel coniglio.

  • Si nasconde: cerca la solitudine e si mette in disparte in un angolo della sua gabbietta.
  • Vuole stare solo: non ama la compagnia e non è assolutamente alla ricerca di attenzioni, anzi le rifiuta.
  • E’ inappetente: si rifiuta di mangiare e pare che nulla possa fargli gola, anche i cibi di cui solitamente va matto.
  • Comportamenti ossessivo-compulsivi o immobilità: può capitare di vederlo girare in cerchio, in maniera ossessiva, come alla ricerca spasmodica di qualcosa può sfogare in questo modo la sua depressione. Al contrario potrebbe immobilizzarsi in posizioni fisse, come se rimanesse bloccato in una posizione che gli inibisce i movimenti.
  • Morde oggetti insoliti: che il coniglio usi i denti per mangiare, sminuzzare e limare la sua dentatura non è una novità. Ma se inizia ad ‘azzannare’ anche le sbarre della gabbia, o peggio, la mano del padrone., c’è qualcosa che non va.
  • Si strappa il pelo: se sul fondo della gabbia si ritrovano ciuffi di pelo, allora non si tratta di muta. E’ probabile che sia lo stesso coniglio a strapparsi da solo il proprio pelo, come in preda a raptus di rabbia.
  • Altri sintomi: sapete che anche dalle feci del coniglio si può scoprire il suo stato di salute? Difficoltà a urinare e defecare possono condurre ad uno stato depressivo. Anche gli occhi sbarrati e lo sguardo fisso, problemi respiratori, fuoriuscita di sangue, ascessi, salivazione e lacrimazione eccessiva.

Il coniglio è depresso: le cause possibili

Come per ogni animale domestico, solitamente le cause dei loro malesseri sono da ricercare negli avvenimenti e nei cambiamenti che coinvolgono tutta la famiglia. Quindi nel chiederci cosa mai abbia potuto far entrare il coniglio in depressione, valutiamo se ci sono stati cambiamenti, traumi, nuovi arrivi o lutti nella nostra casa, e troveremo la risposta.

  • Mutamenti stagionali: potrebbe anche essere una questione di periodo, magari con l’avvento dell’inverno e la diminuzione delle ore di luce, il coniglio può andare in depressione.
  • Solitudine e noia: il coniglio ha bisogno di socializzare, ama stare in mezzo agli altri. Se viene a mancargli la compagnia, allora potrebbe sentirsi molto solo e non reagire più a nessuno stimolo.
  • Avvenimenti in famiglia: come accennato in precedenza, traumi, partenze, spostamenti, addii o nuovi arrivi possono influire non poco sull’umore del nostro amato lagomorfo.
  • Traumi e spaventi: i conigli sono animali molto sensibili non solo ai forti cambiamenti ma anche a cosa apparentemente insignificanti. Possono sussultare per rumori improvvisi e restare come paralizzati dalla paura.
  • Problemi di salute: da una patologia latente a dolori ai denti, tutto ciò che riguarda la sfera della salute può modificare l’umore del coniglio. Solitamente i problemi ai denti del coniglio sono legati ad una crescita smisurata che impedisce all’animale di mangiare correttamente.
  • Sterilizzazione: si tratta pur sempre di un’operazione molto invasiva, dunque è probabile che per i giorni successivi il coniglio si senta piuttosto depresso e potrebbe anche soffrire di letargia, inappetenza e apatia.
  • Alimentazione: se una dieta è carente di sostanze nutritive, fisicamente il coniglio potrebbe sentirsi stanco, debilitato e depresso. Inoltre una dieta equilibrata e sana lo aiuta a mantenersi in forze e ad avere più energie. Se vuoi conoscere l’alimentazione corretta per il tuo coniglio, è tutto approfondito in questo articolo.

Depressione nel coniglio: rimedi

Coniglio depresso
Coniglio depresso: cosa possiamo fare per aiutarlo? (Fonte: Pixabay)

Solo un veterinario sarà in grado di diagnosticare con certezza lo stato depressivo del tuo coniglio, quindi evitiamo di fare gli esperti! E’ vero che conosciamo il nostro animale domestico, ma a volte non è il caso di allarmarsi. Il medico sarà anche in grado di riconoscere i primi sintomi di una malattia e magari provvedere in tempo prima che sia troppo tardi. Naturalmente ogni causa elencata in precedenza è legata a una soluzione: vediamole tutte.

Una compagnia: per combattere la solitudine non vi è rimedio migliore che affiancargli un partner. Se noi non abbiamo abbastanza tempo da dedicargli, può essere una buona idea dargli una compagnia con la quale giocare.

Tempo da dedicargli: il coniglio ama stare con il suo padrone, quindi cerchiamo di ritagliarci quanto più tempo possibile per stare insieme a lui. Proviamo a capire quali sono i suoi passatempi preferiti, magari acquistando anche qualche giochino nei negozi di articoli per animali.

Più spazio a disposizione: la gabbia potrebbe anche essere troppo piccola per le sue esigenze e farlo sentire ‘soffocato’. Il poco spazio a disposizione gli impedisce di muoversi, spostarsi con facilità e giocare. Se notiamo che ha un’esigenza di questo tipo allestiamo una piccola area recitata (magari anche all’aperto) dove potrà giocare con tutta libertà.

Passeggiate: anche un po’ di tempo all’aria aperta può essere utile al coniglio per ritrovare la felicità. Gli piace esplorare nuove zone e ambienti non solo legati alla casa: magari usiamo un guinzaglio per tenerlo più sotto controllo.

Alimenti per limare i denti: può sembrare una questione di poco conto, ma avere a disposizione verdure fresche e fieno appena raccolto aiuta il coniglio a tenere una dentatura sana e forte. In caso contrario i denti potrebbero crescere molto e impedirgli di mangiare correttamente: e il non potersi cibare li deprime.

Il coniglio può morire di depressione?

In realtà la solitudine del coniglio può portare a gravissime conseguenze, poiché legata ad altri problemi e gravi conseguenze. Perché se un coniglio si sente solo, oppure non riesce ad adattarsi ad una nuova condizione che si è venuta a creare, allora è probabile che si rifiuti non solo di interagire ma anche a mangiare. Le carenze alimentari, oltre a comportare un dimagrimento eccessivo, potrebbero anche condurre ala morte. Bisogna stargli vicino, capire quali sono le sue esigenze e soddisfarle in tempo, prima che sia troppo tardi. Magari è questione di tempo, per adattarsi alle sue nuove condizioni. Se notiamo che da qualche giorno il coniglio si rifiuta di mangiare fissiamo una visita dal veterinario per escludere la presenza di patologie in corso.

LEGGI ANCHE:

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI