Home Non solo Cani e Gatti Coniglio nano: quanto costa, come si tiene in casa, perché prenderlo

Coniglio nano: quanto costa, come si tiene in casa, perché prenderlo

State pensando di adottare un pelosetto, e non sapete quale razza scegliere? Vediamo perché prendere il coniglio nano come animale domestico.

coniglio nano come animale domestico
(Foto Unsplash)

Non solo cani e gatti: perché scegliere il coniglio nano come animale domestico? Si tratta di un pelosetto estremamente dolce ed equilibrato, che ama le coccole, è un perfetto amico dei più piccoli grazie al suo temperamento mansueto e va d’accordo anche con altri quattro zampe. Scopriamo tutti i motivi per adottare un coniglio nano.

Quanto costa un coniglio nano?

Una delle ultime ricerche in materia di animali domestici afferma che sono oltre 60 milioni gli amici a quattro zampe di ogni specie che vivono all’interno delle famiglie italiane.

Come tenere un coniglio nano in casa
(Foto Pinterest)

Sul podio, al primo e al secondo, posto ci sono cani e gatti, e subito dopo, al terzo posto, è il coniglio nano ad essere il preferito: se ne contano infatti 3,8 milioni di esemplari nelle case italiane.

A quanto pare siamo in pochi a rinunciare al calore e all’affetto di un animale domestico, pronto ad accoglierci amorevolmente in casa dopo una giornata di lavoro stressante e frenetica: donandoci equilibrio, felicità e facendoci affrontare ogni problema con più serenità.

Ed il coniglio nano sta a poco a poco diventando uno degli animali domestici più popolari al mondo: simpatico e di piccole dimensioni è adatto a vivere in qualsiasi famiglia.

Quanto costa un coniglio nano? Il prezzo di questo esemplare dipende dalla razza.

In generale, il costo di un coniglio nano si aggira tra i 25 e i 50 euro.

Come si tiene un coniglio nano in casa?

Oltre alla sua tenera bellezza, a rendere il coniglietto un prezioso animale domestico sono anche determinate esigenze delle famiglie moderne, che rendono la sua diffusione un gran successo.

conigli nani
(Foto Pinterest)

Per chi vive in città, generalmente costretto ad abitare in un piccolo appartamento o ad avere poco tempo libero per l’intenso lavoro (che lo porta a stare poco in casa), il coniglio nano è la migliore scelta come animale domestico, a differenza di un cane, ad esempio, molto più ingombrante ed impegnativo.

Ma ciò nonostante prima di adottarne uno è necessario comprendere le necessità e i bisogni di questo piccolo pelosetto e soprattutto sapere come garantirgli il miglior comfort per vivere in salute e benessere.

Infatti, non basta solo conoscere l’alimentazione del coniglio nano, sapere come curarlo in caso di malattie, come prendersi cura della sua igiene e come coccolarlo o farlo giocare in cambio di affetto ma anche come tenere questo pelosetto in casa con noi.

Infatti, di dimensioni ridotte, il coniglietto non è un giocattolo da posizionare in un angolo della casa pensando stia buono e fermo aspettando il nostro rientro.

Come tutti gli animali da compagnia, si adatta sì alla vita domestica diventando un vero membro della famiglia, ma richiede determinati spazi pensati ed ideati per lui, dove sarà libero di:

  • muoversi;
  • correre;
  • saltellare in sicurezza, a debita distanza da possibili predatori;
  • e soprattutto protetto dal freddo in inverno e dall’eccessivo caldo in estate.

Condividere con il coniglio nano alcuni spazi della casa non solo permetterà a noi di passare più tempo in sua compagnia ma lo renderà anche felice, ed il suo affetto nei nostri confronti aumenterà sempre più. Fatte queste piccole ma importanti premesse vediamo adesso come tenere un coniglio nano in casa.

Diverse sono le possibilità per ospitare un coniglio nano nel nostro appartamento, rendendolo il suo perfetto habitat “moderno”:

  • spaziose gabbie;
  • recinzioni sicure;
  • appartamenti in miniatura;
  • una stanza esclusivamente per lui.

Gabbia spaziosa per il coniglio nano

Se ti stai chiedendo come tenere un coniglio nano in casa, tra le opzioni a tua disposizione la più classica e tradizionale è rappresentata dalla gabbia.

gabbia per coniglio nano
(Foto Pinterest)

Gabbia si ma non piccola: deve essere bella spaziosa, da garantire ogni possibile movimento al nostro pelosetto in miniatura.

Sicuramente questa è la migliore alternativa per chi vive davvero in un piccolo appartamento. Ma è bene sapere che per rendere felice il nostro amichetto deve essere grande abbastanza per garantirgli libertà di movimento.

Inoltre è sicuramente più comoda in termini di pulizia, di organizzazione degli spazi e addirittura di spostamento, se dovessimo decidere o di spostarla in un altra stanza o di cambiare addirittura casa.

Ad ogni modo è fondamentale che all’interno ci sia tutto ciò di cui ha bisogno il coniglio nano e soprattutto che sia “organizzata in modo intelligente” così da ottenere spazio a sufficienza per farlo muovere e saltellare liberamente.

Ma ricordiamo che il pelosetto ha bisogno di “momenti d’aria”, ecco perché è sempre consigliato quando siamo in casa farlo uscire per un po’ di tempo dalla gabbia, rendendolo libero di curiosare ed anche di giocare con noi e farsi coccolare (ma non troppo).

Potrebbe interessarti anche: Come pulire la gabbia del coniglio? Igiene e pulizia della conigliera

Recinzioni sicure

Come tenere il coniglio nano in casa? Se la nostra abitazione è più grande perché non optare per una confortevole e sicura recinzione?

recinto per coniglio nano
(Foto Pinterest)

In questo modo assicureremo al coniglio nano davvero libertà di movimento per tutto il giorno.

Così come per la gabbia, anche lo spazio delimitato dalla recinzione deve essere organizzato nel migliore dei modi: un angolo per la pappa, uno per i suoi bisogni, un altro ancora per il pisolino, un bel po’ di giochi ed anche tanto spazio per muoversi liberamente e soprattutto in sicurezza, un vero e proprio regno.

La recinzione deve essere abbastanza alta così da non veder saltare fuori il nostro coniglio nano, con il rischio che possa farsi male, ed inoltre è consigliato adagiare sul pavimento un tappetino di plastica, largo abbastanza così da fuoriuscire dalla recinzione. In questo modo:

  • il nostro pavimento non si rovinerà;
  • il coniglio nano non “mangiucchierà” i bordi del tappetino, visto che saranno oltre la recinzione. Questo accorgimento è molto importante perché gli eviteremo alcune problematiche, come ad esempio blocchi intestinali.

Optare per la recinzione ha anche altri vantaggi per noi:

  • possiamo montarla e smontarla facilmente;
  • possiamo spostarla quando ne abbiamo necessità.

Consiglio importante: per il benessere del coniglio nano è opportuno non cambiare troppo spesso le zone pensate per la lettiera e per la pappa, potrebbe andare in confusione e continuare a fare i suoi bisognini dove si era abituato, creandoci qualche fastidioso disagio.

Appartamento in miniatura per il coniglio nano

Se siete alla ricerca di soluzioni e consigli creativi su come tenere il coniglio nano in casa, ecco quello che fa per voi.

appartamento per coniglio nano
(Foto Pinterest)

Se siete persone fantasiose e con una buona manualità con chiodi e martello, con questa opzione sarà possibile dare libero sfogo alla nostra creatività, per costruire con le vostre mani un mini appartamento per il nostro speciale coniglietto.

Questa “soluzione fai te” non solo renderà davvero felice il nostro tenero amico ma farà divertire anche noi. Costruire una casa tutta per lui ha bisogno però di alcune accortezze:

  • i materiali che scegliamo devono essere controllati e sicuri: mai scegliere rivestimenti in gomma ad esempio, perché se ingerita dal coniglietto gli provocherà seri problemi di salute;
  • consideriamo le “reazioni del materiale scelto” a contatto con liquidi o altre sostanze: se ad esempio optiamo per una casetta di legno, assicuriamoci di coprirla con un tappeto di plastica, questo perché se il coniglio nano dovesse fare pipì fuori dalla lettiera il legno l’assorbirebbe, rilasciando un cattivo odore;
  • predisponiamo un’apertura in un lato: così da assicurare al nostro amichetto di sbirciare fuori e a noi di controllare cosa sta facendo e di interagire con lui ogni volta che ne abbiamo voglia, e tempo.

Stanza esclusiva per il coniglietto

Come tenere un coniglio nano in casa davvero al top? Con una stanza esclusiva che sia tutta per lui!

coniglietto
(Foto Pinterest)

Di tutte, questa è sicuramente la scelta migliore se desideriamo far vivere nella nostra casa il coniglio nano davvero in libertà e soprattutto in tranquillità: pronto sempre ad accoglierci saltellando e a dare libero sfogo alla sua curiosità e vitalità.

Ma non pensiamo che questa scelta non implichi delle accortezze da parte nostra, forse tra tutte è sicuramente quella che richiede più “organizzazione”. Andiamo per step:

  • scegliamo la stanza più adatta della casa: possiamo optare per il soggiorno, dove passiamo la maggior parte del tempo, ma anche lo studio, l’importante è che sia messa in sicurezza;
  • stendiamo sul pavimento il nostro “famoso” tappeto di plastica: possiamo anche optare per una zona angolare abbastanza grande della stanza;
  • organizziamo gli spazi in questa zona: posizioniamo la lettiera con il fieno, la ciotola per il cibo (senza dimenticare verdure e fieno) e il biberon per l’acqua;
  • non facciamogli mancare giochi: la stanza deve essere piena di giochi adatti al coniglio nano, non solo in grado di farlo divertire in sicurezza e tenerlo occupato quando noi siamo impegnati ma anche di stimolare la sua mente.

In questo modo il coniglio nano sarà felice di vivere in libertà e in sicurezza al nostro fianco e noi di godere sempre della sua gioia e del suo affetto.

Come tenere un coniglio nano in casa: consigli utili

“Come tenere un coniglio nano in casa” prevede davvero tantissime opzioni, naturalmente a seconda della tipologia di coniglio nano che scegliamo di adottare ed anche delle nostre abitudini e delle dimensioni della nostra casa.

coniglietto
(Foto Pinterest)

Tuttavia, qualsiasi sia l’opzione che scegliamo dobbiamo ricordarci sempre che la nostra casa deve essere sicura per il coniglio nano, la sua curiosità e i suoi strani comportamenti potrebbero portarlo a cacciarsi nei guai, non solo se vive davvero in libertà ma anche nei “momenti d’aria” quando lo facciamo uscire dalla sua gabbietta.

Questi i nostri pratici e utili consigli su come tenere un coniglio nano in casa: per garantirgli un ambiente sicuro, comodo e a prova di saltelli:

  • copriamo tutti i cavi elettrici ed evitiamo in casa piante velenose per lui: la sua curiosità potrebbe portarlo a mangiucchiarli, il chè non è sano per lui;
  • rimuoviamo tappeti, materiali sintetici e oggetti pericolosi per lui e preziosi per noi: potrebbe ingerirli o ferirsi;
  • prestiamo attenzione alle correnti d’aria: non solo potrebbe ammalarsi ma anche farsi male o spaventarsi se dovesse sbattere una porta;
  • teniamo chiuso l’asse del water ed anche i detersivi: sempre per tutelare il suo benessere;
  • facciamo molta attenzione ai balconi: sempre per la sua imprevedibile curiosità è bene recintarli.

Bisogni ed esigenze

Per le sue ridotte dimensioni, la simpatia e la socievolezza, il coniglio nano è l’animale domestico ideale da tenere in casa, senza però tralasciare che ha bisogno di attenzioni e di particolari cure necessarie per soddisfare tutte le sue necessità.

coniglietto
(Foto Pinterest)

Molti di noi decidono di adottarne uno spinti dal desiderio e dalla curiosità, o per il semplice fatto che è estremamente bello, morbido e piccolo proprio come un peluche.

E sono queste caratteristiche che vanno prese seriamente in considerazione, le quali lo rendono sì delizioso ma anche estremamente delicato, viste le sue minute e fragili ossa. E forse, proprio per questo, il coniglio nano:

      • non ama particolarmente essere preso in braccio;
      • non tollera una casa troppo chiassosa.

Ecco perché se in casa ci sono bambini prima di adottarne uno è bene educare i nostri figli a come trattarlo, per evitare che giocando o strapazzandolo di coccole (proprio come fanno con una bambola o un peluche) possano fargli male.

Infatti, anche una sola caduta da una piccolissima altezza può causare al coniglio nano delle fratture: dunque, i bambini devono sapere qual è il modo per giocare con lui, delicato e rispettoso, anche nei confronti dei suoi momenti di riposo.

Altra cosa importante da sapere è che il coniglio nano poco tollera odori troppo forti: quindi deodoranti per ambiente devono essere banditi.

Questo perché il senso dell’olfatto è molto importante, forse più della vista e dell’udito, grazie al quale riconosce i suoi simili e distingue i membri della sua famiglia da persone estranee.

Inoltre, legata ai rumori fastidiosi, dobbiamo fare attenzione a non spaventarlo durante i suoi tanti pisolini giornalieri: se ne contano in media anche più di 18, è forse uno dei suoi bisogni più importanti.

Coniglio nano: carattere e temperamento

Oltre alla bellezza e alla tenerezza sono tanti i motivi del perché scegliere un coniglio nano come animale domestico: andiamo a scoprirne alcuni.

perché scegliere coniglio nano
(Foto Pinterest)

Elenchiamo i migliori pregi di questo pelosetto, per poi esaminare nel dettaglio le peculiarità che lo rendono irresistibile:

      • Ama la compagnia della sua famiglia e socializzare;
      • La sua vita media è molto lunga;
      • Non richiede particolari cure.

È socievole e affettuoso

Il coniglio nano ama moltissimo la compagnia della sua famiglia: socializzare è una delle sue caratteristiche predominanti, che rendono lui molto felice e noi più sereni e rilassati nel tenerlo al nostro fianco.

coniglio nano in casa
(Foto Pinterest)

Sarà meraviglioso, una volta in casa con noi, scoprire che il coniglio nano può diventare un vero amico per noi.

Con le giuste attenzioni e cure, calma e costanza, riusciremo a stabilire un ideale rapporto di amicizia e di fiducia: dove non mancheranno affetto e divertimento.

Non solo: questo simpatico animaletto ama muoversi liberamente e correre ogni volta che lo desidera.

Proprio per questo è fondamentale non tenerlo sempre rinchiuso nella sua gabbietta ma liberarlo in alcuni momenti della giornata, così da permettergli di esplorare e correre proprio come avrebbe fatto in natura.

È molto longevo

Altra motivazione nello scegliere il coniglio nano come animale domestico risiede nel fatto che è molto longevo.

appartamento per coniglio nano
(Foto Pinterest)

Basti pensare, infatti, che può arrivare a compiere anche 15 anni, il ché significa moltissimi giorni della nostra vita da condividere con lui.

Sulla durata della sua vita media incide la sua alimentazione: sicuramente specifica ma non complicata.

Infatti, il coniglio nano si nutre di cibo secco, fibre, frutta e verdura fresca, come mele sedano e finocchi: alimentazione non difficile da soddisfare, visto che nelle nostre case alcuni di questi cibi naturali sono sempre presenti.

Non richiede cure particolari

Infine, un’ulteriore ragione per scegliere il coniglio nano come animale domestico è che questo pelosetto non richiede particolari cure.

coniglietto
(Foto Pinterest)

Infatti, si tratta di un quattro zampe estremamente pulito (seppur autonomo fargli il bagno è importante). Ecco perché averlo in casa non solo regala gioia ma anche poche preoccupazioni.

Naturalmente, è fondamentale conoscere e comprendere i comportamenti etologici del coniglio nano. Ad esempio, per garantirgli benessere permettiamogli di trascorre un po’ del suo tempo libero di vagare per casa, ma solo dopo averla messa in sicurezza.

Quali sono le precauzioni da mettere in pratica assolutamente, per proteggere la sua incolumità? Copriamo fili elettrici e spostiamo oggetti non solo pericolosi per lui ma anche preziosi per noi.

Infatti, la sua curiosità potrebbe metterlo in qualche guaio, disturbando la nostra tranquillità.

Potrebbe interessarti anche: Accogliere un coniglio nano in casa: consigli utili su come prepararsi

Coniglio nano come animale domestico: tutte le razze

Così come per tutti gli animali domestici, anche nel mondo dei conigli nani esistono diverse razze.

coniglietto
(Foto Pinterest)

Tutte razze meravigliose, con “peso”, caratteri e differenti curiosità che li distinguono:

      • Nano colorato: questa razza può superare di poco 1 kg di peso. Nato dall’incrocio con un coniglio nano selvatico è molto esuberante ed ha bisogno di molti momenti di libertà in giro per casa e di tanto esercizio fisico;
      • Polacco o Ermellino: anche per lui 1 kg di peso è il massimo. In genere è socievole e tranquillo, ma non ama affatto rumori e movimenti bruschi, ecco perché i bambini non fanno per lui;
      • Testa di Leone: questa razza è di poco più grande delle prime due, 1,7 kg è il massimo del peso che può raggiungere. Questa razza, molto recente, ama particolarmente giocare e socializzare;
      • Ariete: con lui superiamo i 2 kg, ma di pochissimo. Docile, socievole e molto intelligente, è questa la razza di coniglio nano più presente nelle famiglie, sarà per la sua adattabilità a vivere con bambini;
      • Olandese: anche per questa razza il peso supera di poco i 2 kg. Molto adatto alla compagnia dei bambini e dalla notevole intelligenza, sa essere estremamente affettuoso, docile e giocherellone;
      • Nano Rex: per il il peso massimo è di 2 kg. Spicca per essere la razza più intelligente in assoluto e più facile da addestrare, naturalmente con le dovute ricompense;
      • Himalaya: 2 kg di estrema bellezza. Intelligente, calmo e socievole ama ricevere numerose attenzione e correre libero all’aria aperta;
      • Angora Nano: il massimo che può raggiungere è 1,5 kg di peso. Dall’animo tranquillo e molto socievole è la razza ideale per chi in casa ha altri animali domestici;
      • Hot Hot: scendiamo di nuovo, 1,3 kg è il suo peso massimo. Piccolissimo sa essere un ottimo compagno di avventure e di giochi.

Pronti a scegliere un coniglio nano come animale domestico?!