Home Non solo Cani e Gatti La foruncolosi nel pesce rosso: cause e rimedi della malattia

La foruncolosi nel pesce rosso: cause e rimedi della malattia

La foruncolosi nel pesce rosso è una delle malattie più comuni che colpisce i pesci d’acquario. Si tratta di una malattia provocata da virus e batteri. Vediamo, in quest’articolo, quali sono le sue cause e come è possibile prevenirla e curarla.

La foruncolosi nel pesce rosso
(Foto Pixabay)

La vita di un pesce rosso nell’acquario non è sempre sicura e tranquilla. Può capitare, spesso, che il pesce venga colpito da alcune malattie che danneggiano la sua salute, con gravi conseguenze anche estetiche, visibili a occhio nudo. Una di queste patologie diffuse, è la foruncolosi. Vediamo di capire cos’è esattamente la foruncolosi nel pesce rosso, quali sono le cause che la scatenano e come la si può curare.

Il pesce e le malattie: quali sono le più comuni

Come possiamo riconoscere le malattie più comuni nel pesce rosso? Vediamo, brevemente, come si presentano le patologie a cui il pesce è più soggetto, con i consigli efficaci su come curarle.

I foruncoli nel pesce rosso
(Foto Pexels)

Si è sempre pensato che avere come compagno domestico un piccolo pesciolino rosso, da poter far vivere libero e sereno in un bell’acquario, nella nostra casa, ci potesse sollevare dall’incubo delle malattie credendo, ingenuamente, che non potesse essere facilmente colpito da problemi di salute. Invece, anche il pesciolino rosso (così come tutti i pesci d’acqua dolce) può essere soggetto ad alcune malattie e questo vale per tutti gli esseri viventi. Vediamo, quindi, quali possono essere le patologie che si sviluppano nel nostro piccolo amico e come bisogna trattarle.

Innanzitutto, è importante sapere che se notiamo il nostro pesce rosso stare male o avere atteggiamenti strani, per non farci prendere troppo dalla paura e per verificare quale sia esattamente il suo male, possiamo informare subito il medico di fiducia, che si prenderà carico del suo caso. In ogni caso, occorre conoscere le malattie che possono colpire il nostro pesciolino, poiché noi siamo i suoi amici e primi soccorritori. Ecco quali sono le patologie più diffuse nel pesce rosso.

La prima malattia di cui vogliamo parlare è l’idropisia. L’idropisia nel pesce rosso è la conseguenza generata da un’infezione batterica che colpisce i suoi organi interni, che iniziano a funzionare male. Si manifesta un gonfiore dovuto alla ritenzione di liquidi nel corpo del pesce. Questa ritenzione si presenta, di solito, nella zona dell’addome, con segnali quali squame sollevate e ingrossamento del tronco. Non si tratta di una malattia precisa, ma il pesce che ne è colpito ha gli organi interni ingrossati e con un colore alterato.

Una causa scatenante questa infezione è la presenza di batteri nell’acquario, insieme a problemi di cui può soffrire il pesce, come la fame, alimenti sbagliati per il pesce, acqua sporca, carenza di igiene e anche possibile aggressività di altri animali presenti nell’acquario con lui. Una scarsa o errata gestione e pulizia del suo acquario, è una potenziale causa scatenante, che può provocare una serie di danni per la salute del pesce. Parliamo, quindi, anche di: livelli troppo alti di ammoniaca e nitriti o del livello basso del pH.

Come curare l’idropisia nel pesce rosso? É importante agire subito in presenza di questa malattia. Si può trattare con un medicinale, il Furazolidone, antibiotico presente in farmacia. Questo andrà somministrato al pesciolino mischiandolo al suo cibo umido, per un periodo di venti giorni.

Potrebbe interessarti anche: I comportamenti del pesce rosso da non sottovalutare quando sta male

Altre malattie diffuse e consigli utili

Molto comuni nel pesce rosso sono le infezioni micotiche. Si tratta della presenza di macchie molto scure sulla pelle del pesce: queste sono in rilievo, di colore nero o rosso. La cause di queste micosi sono, in genere, i funghi ed è altamente probabile che il nostro pesce possa morirne. Questo può accadere perché il pesce rosso ne viene molto indebolito, può non mangiare e avere affanno perenne. Lo sporco dell’acquario e la pessima condizione dell’acqua, sono il motivo principale di questo pericoloso disturbo. Bisogna essere pronti ad intervenire subito contro la micosi, con l’uso di medicinali adatti.

Un’altra malattia tipica del pesce è la tubercolosi. Ebbene sì, anche il pesce rosso può ammalarsi di questa brutta patologia. Nel pesciolino, questa si manifesta attraverso inappetenza e dimagrimento, oltre ad assumere colori sbiaditi con perdita di squame. La causa della tubercolosi sono i microbatteri, che si diffondono nelle zone dell’acquario con melma e povere di ossigeno. Altri sintomi possono essere pallore e nuoto a scatti. Si manifestano ulcere e deformazione della colonna vertebrale. É necessario isolare il pesce e disinfestare completamente l’acquario, poiché è contagiosa per l’uomo.

Troviamo, tra le malattie e infezioni del pesce rosso, la Diplostomiasi, ovvero quando nel pesce rosso gli occhi si gonfiano o diventano bianco opaco. Si tratta di un’infezione parassitaria dovuta a un verme parassita. Questo verme, invisibile al nostro occhio, si infiltra nel suo bulbo oculare, iniziando a distruggere il cristallino, portandolo ad essere parzialmente o completamente cieco. Questo disturbo può essere curato con un antiparassitario, somministrandogli preventivamente blu di metilene o sale marino.

Un’altra malattia, visibile a occhio nudo, è la Lymphocystis. Si tratta di un virus che colpisce il pesce rosso, inserendosi in lui e causando la crescita di una cisti sulla cute, che può assumere vari colori, solitamente bianco o rosso. La ciste è una vera escrescenza tumorale, la quale può regredire se il pesce viene curato con la somministrazione di vitamine. Anche se non è mortale, il virus è contagioso tra i pesci e uno ne è il portatore.

Potrebbe interessarti anche: Il pesce rosso sta male: sintomi fisici per ogni parte del corpo

La foruncolosi nel pesce rosso: cause e rimedi

La foruncolosi è, sicuramente, la malattia più comune nel pesce rosso, sia in acque dolci che marine. Vediamo come si sviluppa questa patologia nel pesce rosso e quale può essere il suo trattamento.

Foruncoli nel pesce rosso
(Foto Pexels)

La foruncolosi può diffondersi nell’acqua o tramite contatto tra il pesce e un altro soggetto malato. Cause di infezione, però, possono essere anche i portatori sani, cioè pesci che ne sono affetti ma non presentano alcun sintomo, o attraverso uova infette. I due possibili agenti patogeni presenti nell’acquario, sono Pseudomonas e Aeromonas. Le scarse e scorrette condizini igieniche e di pulizia dell’acquario sono le cause della diffusione di questi batteri. I sintomi tipici della foruncolosi si presentano tramite la comparsa di bolle piene di pus, che possono favorire la formazione di ulcere.

Altre conseguenze di questa malattia sono l’arrossamento delle pinne e dei muscoli del pesce, infiammazioni intestinali, con evidenti anomalie nelle feci. Possono verificarsi emorragie sia sulla pelle che sulle pinne. I foruncoli o noduli di pus e sangue si presentano ovunque sul corpo e si associano ad altri sintomi visibili, come occhi sporgenti (esoftalmo) e le pinne tendono a sfilacciarsi. Il contagio nel pesce rosso può avvenire tramite l’assunzione di feci o residui di pesci infetti. Il primo consiglio è isolare e curare il pesce malato e agire per la disinfestazione dell’acquario, sempre con guanti.

É molto importante, per evitare altre malattie e infezioni nel pesce, pulire bene il filtro dell’acqua nella vasca con antisettici adatti allo scopo. Controllare sempre il livello di nitriti nell’acqua, per verificarne la condizione buona, il pH e la sua temperatura. Per la cura del pesciolino, i medicinali consigliati per la foruncolosi sono degli antibiotici, come l’ossitetraciclina e il sulfatiazolo. Una corretta manutenzione della sua casa è fodamentale per la prevenzione di queste malattie e per donargli una vita serena.

Ilaria G