Home Non solo Cani e Gatti Malattie e infezioni dei pesci: quali sono e come evitarle

Malattie e infezioni dei pesci: quali sono e come evitarle

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:03
CONDIVIDI

Esistono molti rischi per la salute dei nostri amici in acquario, e bisogna prevenirle il più possibile malattie ed infezioni dei pesci che curiamo. Scopriamo come.

malattie e infezioni dei pesci
Malattie e infezioni dei pesci (Foto Flickr)

Ogni animale che scegliamo come compagno di vita, come animale da compagnia, o da allevare è sempre un essere vivente da curare, anche – e soprattutto – quando si tratta di problemi di salute. Anche un acquario non fa eccezione: i pesci sono piccoli animali delicati, che hanno bisogno di una certa cura a seconda della loro specie e caratteristiche specifiche. Dobbiamo infatti essere consapevoli che ci sono rischi per la salute dei nostri animali, quando decidiamo di allevare i pesci, ma con questa guida alle malattie ed alle infezioni dei pesci, potremo individuare facilmente i sintomi e sapere come trattarli.

Problemi di salute dei pesci

Cuccioli a basso mantenimento
Curiamo le malattie e infezioni dei pesci per un acquario sano e felice (Foto Unsplash)

La cattiva salute nei pesci non è rara, ma la causa principale sono le cattive condizioni dell’acqua. L’acqua sana di solito significa avere dei pesci sani, quindi è fondamentale prestare molta attenzione alle condizioni del nostro acquario, della vasca e dell’acqua. Ecco quindi una comoda guida alle malattie e alle infezioni che possono colpire i pesci, con i modi migliori per trattarle.

Avvelenamento da ammoniaca

Sebbene non sia una malattia, l’avvelenamento da ammoniaca è un problema comune negli acquari di pesci – specialmente in quelli nuovi. Può causare alti livelli di stress nei pesci, e portare anche ad altri problemi di salute tra cui i disturbi batterici.

Se vediamo i pesci ansimare in superficie con le branchie rosse o infiammate, potrebbero avere un avvelenamento da ammoniaca. L’acqua nel loro acquario può apparire torbida, il che indica che l’acqua non è stata “ciclata”. Per trattare questa condizione, dobbiamo testare l’acqua per ammoniaca e pH, e controllare la temperatura dell’acqua. Si consiglia un cambio d’acqua dal 30 al 50% ed è necessario ripeterlo entro 24 ore, se necessario.

Puliamo la ghiaia dell’acquario con un sifone per ghiaia, e assicuriamoci di utilizzare alimenti di alta qualità che non siano vecchi. Per evitare questa condizione, dobbiamo evitare la sovralimentazione, il sovraffollamento ed assicurarci che il sistema di filtraggio funzioni correttamente.

Bocca impastata

Bocca impastata columnaris pesci
Bocca impastata o Columnaris: si presenta con macchie bianche/grigie (Foto Tumblr)

Questa infezione batterica, detta anche Columnaris, può colpire pesci d’acqua fredda e pesci tropicali. A volte viene confusa con un’infezione fungina, a causa della comparsa di macchie bianche o grigiastre sulla testa del pesce, anche se di solito questa infezione inizia come un’area pallida intorno alla testa e alla bocca. Questa può diventare di colore giallo/marrone, con bordi sfumati di rosso.

In questa infezione dei pesci, i batteri generalmente colpiscono la bocca, ma sulla schiena possono comparire lesioni che sembrano una sella sul corpo del pesce. Alcuni modi per trattare questa condizione includono un cambio d’acqua dal 30 al 50% con una pulizia con sifone della ghiaia dell’acquario. Il sale dell’acquario può essere utilizzato, ma bisogna assicurarsi che il pesce possa sopportarlo. Si può usare anche un antibiotico prescritto dal veterinario.

Inoltre, durante il trattamento è necessario rimuovere il carbone dal filtro dell’acquario. Questa infezione è uno dei motivi per cui è necessario utilizzare un acquario di quarantena (o di passaggio), quando si introducono nuovi pesci nel proprio acquario già stabilito.

Idropisia

Idropisia infezioni dei pesci
Idropisia, una delle possibili infezioni dei pesci (Foto Flickr)

Di solito fatale per i pesci, l’idropisia è caratterizzata da un gonfiore dell’addome dei pesci, che a volte fa anche sporgere le loro squame. Il pesce che soffre di questa malattia appare apatico e perde l’appetito. Se non siamo sicuri che il nostro animale abbia l’idropisia, è meglio metterlo immediatamente in quarantena e portarlo dal nostro veterinario.

Mantenere la qualità dell’acqua del nostro acquario è la chiave per proteggere il nostro pesce da questa condizione. Inoltre, dobbiamo assicurarci di nutrire i pesci con alimenti di alta qualità, ed evitare il sovraffollamento. Cambiare frequentemente l’acqua e osservare i nostri pesci per segni di stress è un altro modo per prevenire questa infezione dei pesci.

Corrosione delle pinne o della coda

Corrosione delle pinne o della coda
Corrosione delle pinne o della coda (Foto Reddit)

Se notiamo che le pinne o la coda del pesce sono sfilacciate ed i bordi appaiono bianchi, potrebbero star marcendo. Il pesce può anche depositarsi sul fondo dell’acquario e smettere di mangiare. Ciò può essere causato dalla scarsa qualità dell’acqua, ma può iniziare anche a causa del bullismo di altri pesci. Se il nostro pesce è vittima di bullismo, dovremmo spostarlo in una vasca di quarantena.

Possiamo trattare questa condizione controllando le condizioni dell’acqua della vasca e facendo un cambio del 25% dell’acqua, insieme a una pulizia con sifone della ghiaia sul fondo dell’acquario. Possiamo anche trattare la corrosione marciume delle pinne e della coda con un prodotto specifico o con un antibiotico che il veterinario prescriverà.

Infezioni fungine

Infezioni fungine pesce acquario
Infezioni fungine sono comuni negli acquari (Foto Pinterest)

Le infezioni fungine sono uno dei disturbi più comuni per i pesci. Le spore fungine popolano naturalmente le vasche dei pesci, ma i pesci malati, stressati o feriti possono causarne un aumento pericoloso. Queste infezioni si manifestano come una crescita bianca simile al cotone sulla pelle, sulla bocca, sulle pinne o sulle branchie. Questa condizione è normalmente un problema secondario, quindi avrà bisogno di un trattamento in due parti.

Dovremo prima trattare la malattia o la lesione di fondo tramite il pesce infetto che trascorre del tempo nell’acquario di quarantena. Quindi procediamo a pulire l’acquario. È necessario un cambio d’acqua dal 30 al 50% ed è necessario una pulizia della ghiaia. Il sale dell’acquario può essere utilizzato, a condizione che il pesce lo tolleri ed un agente antifungino vada bene.

Assicuriamoci di trattare sempre il nostro acquario in modo igienico, cambiando regolarmente le reti. Lavare e risciacquare sempre le mani prima e dopo aver maneggiato gli elementi del acquario.

Malattia del buco

Malattia del buco nei pesci
Malattia del buco nei pesci (Foto Pinterest)

Conosciuta con l’acronimo “HITH” (Hole In The Head, buco in testa) o, meglio, “FHLLE” (Freshwater Head and Lateral Line Erosion, erosioni nella testa e sulla linea laterale in acqua dolce) o ancora “MHLLE” (Marine Head and Lateral Line Erosion, erosioni nella testa e sulla linea laterale in acqua marina), si tratta di una sindrome molto comune.

I ciclidi, in particolare i Discus e gli Oscar, sono le razze di pesci più comunemente colpite da questo disturbo. Carenze vitaminiche, cibo di scarsa qualità e condizioni malsane dell’acqua possono contribuire a questo disturbo. Noteremo lesioni che compaiono come piccole fosse nella testa del nostro pesce e sulla sua linea laterale. Se notiamo tali lesioni, facciamo un cambio d’acqua dal 30 al 50%, controllando anche il pH e la temperatura dell’acqua.

Quindi, dobbiamo migliorare la dieta del nostro animale domestico con un cibo in scaglie di alta qualità, ed un integratore vitaminico. Questo aiuterà a migliorare il rivestimento di melma del nostro pesce e lo aiuterà a guarire. Se non migliora, parliamo con il nostro veterinario.

Ictioftiriasi o malattia dei puntini bianchi

Ictioftiriasi o malattia dei puntini bianchi
Ictioftiriasi o malattia dei puntini bianchi (Foto Pinterest)

L’Ichthyophthirius multifiliis è un brutto parassita che può essere fatale se non trattato. All’inizio si noteranno macchie bianche (da cui il nome) che possono dare l’impressione che il nostro pesce sia stato cosparso di sale. Potremmo notare che i pesci sfregano contro gli oggetti nell’acquario, irritati. Possono anche muovere rapidamente le branchie, essere letargici o sedersi sul fondo dell’acquario. 

Dovremo trattare l’intero acquario per sbarazzarci di questo parassita, che ha una fase di nuoto libero nel suo ciclo di vita. Seguire questi passaggi per le vasche tropicali:

  • Aumentare lentamente la temperatura dell’acquario per 24 ore a 29°C, per accelerare il ciclo di vita del parassita.
  • Mantenere l’acquario a questa temperatura mentre il trattamento continua.
  • Trattare con una una cura specifica per questo parassita (seguire le istruzioni sull’etichetta).
  • Rimuovere il carbone dal filtro per la durata del periodo di trattamento, poiché il carbonio assorbirà qualsiasi farmaco che aggiungiamo all’acqua.
  • Trattiamo per il periodo di tempo raccomandato, anche se pensiamo che sia passato, poiché potrebbero esserci ancora parassiti che galleggiano nell’acqua.

I pesci d’acqua fredda dovranno essere trattati con farmaci e sale d’acquario, poiché il metodo di aumento della temperatura causerà in loro troppo stress. Dobbiamo essere molto severi con la quarantena di nuovi pesci, per evitare questo parassita.

Esoftalmo

Esoftalmo infezioni dei pesci
Esoftalmo: una delle infezioni dei pesci che colpisce gli occhi (Foto Pinterest)

Sebbene non sia considerata una malattia, l’esoftalmia o esoftalmo (nota anche come Exophthalmia) è più un sintomo di un problema di fondo. L’esoftalmo provoca un accumulo di liquidi dietro l’occhio, o nell’occhio stesso. Questa condizione può essere causata da combattimenti, un’infezione batterica o acqua di scarsa qualità.

Se notiamo un problema con l’occhio del tuo pesce, assicuriamoci di rimuovere eventuali oggetti appuntiti dall’acquario, e osserviamoli per vedere se c’è un aggressore. È meglio tenere i pesci nel acquario di quarantena fino a quando non sono guariti, e dar loro da mangiare cibo di alta qualità. 

Teniamo presente che potrebbe esserci un’infezione batterica sottostante, quindi non è il caso di saltare la fase di quarantena. Potrebbe essere necessario trattare l’intero acquario. Si raccomanda un cambio d’acqua dal 30 al 50% ed un trattamento con un’opzione antibatterica.

Malattia della melma

Malattia della melma
Malattia della melma (Foto Pinterest)

Questa malattia parassitaria è caratterizzata da una sovrapproduzione di rivestimento di muco, che appare come un rivestimento di muco di colore che va da grigio/bianco a blu. Vedremo anche una respirazione rapida se il pesce ha questo disturbo, che è causato dal fatto che si sente stressato.

Teniamo presente che se il muco copre le branchie del pesce, potrebbe soffocare. Lo stress può essere aumentato da cattive condizioni dell’acqua, sovraffollamento o improvvisi sbalzi di temperatura. Se notiamo questi sintomi, dobbiamo controllare i livelli di pH dell’acqua ed eseguire un cambio d’acqua dal 30 al 50%. 

Rimuoviamo definitivamente il carbone attivo prima di aggiungere qualsiasi trattamento. Usiamo il sale dell’acquario con cautela. Prevenire questa malattia dipende dal fatto che il curatore dell’acquario mantenga l’acqua sana, evitando il sovraffollamento e controllando i pesci per eventuali segni di stress.

Disturbo della vescica natatoria

Disturbo della vescica natatoria
Disturbo della vescica natatoria (Foto Pinterest)

La vescica natatoria di un pesce aiuta a mantenere la galleggiabilità. I problemi in questa regione sono spesso dovuti a costipazione o a deglutizione dell’aria. Questa condizione colpisce principalmente i pesci come le razze di fantasia con corpi globoidi – come Orandas e Fantails. Potremmo vedere sintomi come nuotare in modo irregolare, difficoltà a nuotare sul fondo della vasca e galleggiare in superficie.

In alcuni pesci, questo problema è causato da un’infezione batterica o fungina sottostante, ma può anche essere attribuito a un disturbo renale o epatico. Se notiamo questi sintomi, dovremmo controllare la composizione chimica dell’acqua nella vasca, ed eseguire un cambio d’acqua del 25%.

Non dobbiamo dare da mangiare ai pesci per un massimo di 48 ore, e una volta trascorso questo lasso di tempo, dare da mangiare piselli surgelati scongelati (pelati), che fungeranno da lassativo naturale. Se non si riscontrano miglioramenti, trattare la vasca con sale dell’acquario e trattamenti specifici. Se il pesce si trova sul fondo, ridurre il livello dell’acqua a circa la metà per ridurre la pressione su di esso.

Se i pesci galleggiano in superficie, riduciamo la corrente del filtro in modo che non lottino contro gli elementi. Per prevenire questa condizione, si consiglia di immergere gli alimenti in pellet, in modo che i pesci non ingeriscano aria in superficie. e fornire loro una miscela di alimenti congelati e secchi.

Ulcere

ulcera pesce koi malattie
Una brutta ulcera in una carpa Koi (Foto YouTube)

Le ulcere colpiscono più comunemente i pesci d’acqua fredda, come il pesce rosso. Le ulcere sono un’infiammazione dei tessuti esterni che sembrano piaghe. Possono essere causate da lesioni fisiche, parassiti, erosione batterica, sepsi batterica, infezione batterica o sostanze chimiche contenute in una cattiva chimica dell’acqua, come elevata ammoniaca, nitrati e livelli di pH elevati o bassi.

Dobbiamo assicurarci di capire se sono interessati un solo pesce o più pesci, poiché questi ultimi indicherebbero un problema ambientale. Notare i sintomi dovrebbe portarci a controllare le condizioni dell’acqua, ed eseguire un cambio d’acqua dal 30 al 50%.

Mettere in quarantena i pesci colpiti e trattare con sostanze specifiche, seguendo le istruzioni di dosaggio sull’etichetta, e utilizzare reti diverse per evitare la contaminazione. Potremmo voler aggiungere il sale nell’acquario – se i pesci possono tollerarlo – ma teniamo presente che una visita al veterinario è indicata.

Velluto

velluto pesci infezioni
Velluto: si presenta con macchie dorate, gialle o ruggine (Foto Pinterest)

Vedere macchie sui tuoi pesci, nei toni più sottili del giallo, della ruggine o dell’oro può indicare una diagnosi di velluto (chiamato anche polvere d’oro, ruggine e malattia corallo). Può essere difficile da vedere, ma se usiamo una torcia sul pesce in una stanza buia, potremmo scoprire il parassita sulle sue pinne e sulle sue branchie. Facciamo attenzione al movimento rapido delle branchie, che indica che il pesce si sta strusciando le superfici della vasca.

Una volta che la malattia è progredita, il pesce diventa letargico, perde peso e mostra respiro affannoso. Per liberare la vasca tropicale dalla malattia, dobbiamo aumentare lentamente la temperatura dell’acqua a 29°C per 24 ore e spegnere le luci durante il trattamento

Se si dispone di un acquario di acqua fredda, è necessario utilizzare farmaci poiché aumentando la temperatura stresserà i pesci. Si consiglia di effettuare un cambio d’acqua dal 30 al 50% e di aggiungere sale dell’acquario, a condizione che i pesci possano tollerarlo.

Trattare anche con acriflavina, ed evitare la filtrazione del carbone durante questo periodo. La prevenzione è sicuramente la chiave di questa malattia (come per molte infezioni dei pesci), quindi assicuriamoci di mettere in quarantena i nuovi pesci, e mantenere elevati standard di salute dell’acqua. Possiamo anche parlare con il personale del nostro negozio di animali di fiducia sui modi migliori per evitare questa malattia.

Potrebbe interessarti anche:

F. B.