Home Cani Salute dei Cani Intossicazione da acqua nel cane: come riconoscerla e intervenire

Intossicazione da acqua nel cane: come riconoscerla e intervenire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:04
CONDIVIDI

Il cane ha ingerito troppa acqua, magari bevendo troppo per il caldo? Questo potrebbe causare una intossicazione da acqua nel cane. Come intervenire?

Intossicazione da acqua nel cane: come riconoscerla e intervenire
Intossicazione da acqua nel cane: come riconoscerla e intervenire (Foto Flickr)

Esistono problemi di salute nei cani dovuti alla scarsa idratazione. Ma esistono anche problemi causati dall’eccessiva assunzione di acqua. L’intossicazione da acqua nel cane è ciò che accade quando il nostro pelosetto consuma acqua in eccesso. Questo può succedere quando gioca in piscina o morde il tubo da giardino. Il risultato dell’eccesso di acqua è l’esaurimento dei livelli di sodio e cloruro necessari per il corretto funzionamento dell’organismo. Questo articolo spiega che cosa è effettivamente l’intossicazione da acqua nel cane, e come prevenirla. Ma come spesso in questi casi, se siamo preoccupati che il nostro cane possa avere intossicazione da acqua e non sta bene, è meglio chiamare il veterinario.

La guida all’intossicazione da acqua nel cane

Cane che si diverte col tubo dell'acqua
Cane che si diverte col tubo dell’acqua: potrebbe ingerirne troppa (Foto Pixabay)

Molti cani adorano giocare dentro e con l’acqua, ma a volte ciò può comportare una serie di pericoli, come malattie trasmesse dall’acqua, rischi legati al nuoto e intossicazione da acqua. Se pensiamo che il tuo cane possa soffrire di intossicazione da acqua, dobbiamo chiamare immediatamente il veterinario.

È necessaria un’azione immediata perché un caso grave potrebbe portare al blocco del sistema nervoso di un cane entro poche ore, e questo può diventare un problema potenzialmente letale che provoca il rigonfiamento del cervello del cane. Fortunatamente, con un trattamento immediato, la prognosi è molto promettente.

Quando si sospetta un’intossicazione da acqua, i proprietari di cani dovrebbero sapere cosa cercare, come affrontarla e cosa fare prima che possa arrivare un aiuto d’emergenza. Se impariamo a riconoscere la tossicità dell’acqua, forse un giorno salveremo la vita del nostro migliore amico peloso.

I sintomi di intossicazione da acqua nel cane variano in base alla quantità di acqua consumata, alle dimensioni e alle condizioni di salute dell’animale, ed al tempo trascorso dall’assunzione. Alcuni dei segni più comuni da cercare includono: vomito, cammino barcollante, letargia, convulsione.

Che cos’è l’intossicazione d’acqua?

acqua fredda cane
Il cane ha bisogno di acqua, ma troppa può provocare intossicazione (Foto Flickr)

L’intossicazione da acqua, o anche il consumo eccessivo di acqua nei cani possono essere un grande pericolo per il nostro animale domestico, anche per la sua vita. Quando il nostro cane ingerisce troppa acqua, nel suo corpo c’è un abbassamento di sodio, che è pericoloso – o per usare il termine tecnico, si parla di iponatriemia. Certamente non qualcosa che ci aspetteremmo, ma consumare troppa acqua può essere pericoloso quanto consumarne troppo poca.

La disidratazione è più diffusa nei cani, e quindi molti proprietari di cani non sono consapevoli dei pericoli che si possono verificare nel caso opposto. Il sodio e il cloruro sono essenziali per mantenere il normale funzionamento del corpo, e quando questi livelli si esauriscono a causa dell’intossicazione da acqua, si verifica un gonfiore. Gonfiore non significa solo una zampa ingrossata o una faccia gonfia, può anche significare gonfiore nel cervello del cane e in altri organi vitali.

Chi può soffrire di intossicazione da acqua?

cane bere acqua fredda
Chi ha maggiori possibilità di intossicazione da acqua nel cane? (Foto Flickr)

Non c’è un tipo di cani (o una determinata razza) più propensa a soffrire di intossicazione da acqua, o che non può soffrirne. Questo problema è legato al contesto, non tanto al cane in sè. Ma alcuni fattori renderanno alcuni cani più sensibili all’intossicazione da acqua rispetto ad altri.

  • Cani e cuccioli di piccola taglia. L’intossicazione è una forma di avvelenamento a tutti gli effetti. E poichè i piccoli (anche negli umani) hanno di solito reazioni più estreme rispetto agli adulti alle malattie, questo mette in pericolo i cani piccoli e i cuccioli. Il motivo è che, ovviamente, più piccolo è il cane, minore è la sua capacità di ingerire acqua.
  • Cani che amano giocare con o in acqua. La maggior parte dei cani ama giocare in acqua. E se è una gioia vederli mentre si divertono così tanto a nuotare nel lago o a mordere il flusso d’acqua da un tubo in giardino, dobbiamo stare attenti che non ci siano accidentalmente problemi di avvelenamento.
  • Razze magre. Forse può sorprendere ma, più il cane è magro, minore è la sua capacità di resistenza all’intossicazione da acqua. Gli esperti hanno notato che ciò è dovuto a un metabolismo più veloce, con conseguente assorbimento dell’acqua in eccesso ancora più rapidamente.

Sintomi comuni di intossicazione da acqua

cane
Giocare in mare può portare il cane ad ingerire troppa acqua. (Foto Pixabay)

Più rapidamente è possibile identificare i segni di intossicazione da acqua in un cane, meglio è. Se trattata fin dall’inizio, il nostro animale domestico avrà molte più possibilità di sopravvivere all’intossicazione da acqua nei cani. Alcuni dei primi sintomi che si verificano sono: ansia, vomito, sbavatura eccessiva, instabilità durante lo spostamento, contrazioni muscolari.

Man mano che l’iponatriemia progredisce, i sintomi diventano molto più gravi. Se notiamo uno di questi sintomi, dobbiamo contattare immediatamente il veterinario:

  • Bocca aperta
  • Barcolla quando tenta di camminare
  • Incapacità di controllare la vescica
  • Gravi spasmi muscolari
  • Convulsioni
  • Incoscienza intermittente

Intossicazione da acqua dolce o salata

Il cane randagio vicino al mare (Foto Pixabay)
Un cane in spiaggia: ci sono pericoli per l’acqua di mare (Foto Pixabay)

Un altro pericolo per i cani che trascorrono del tempo godendosi il mare o l’oceano è l’avvelenamento da sale, noto anche come ipernatremia. Sebbene con un nome simile all’iponatremia (intossicazione da acqua), i sintomi dell’ipernatriemia nei cani possono essere diversi.

Quando il nostro cane ha subito un avvelenamento da sale, può sviluppare i seguenti sintomi: disidratazione, vomito, movimenti intestinali incontrollati, convulsioni. Se temiamo che possa soffrire di ipernatriemia, dobbiamo consultare immediatamente il veterinario. L’avvelenamento da sale può influire negativamente sulla funzione neurologica e persino causare la morte nei cani.

Non esiste una ricerca scientifica molto approfondita su questa malattia, perchè non è molto comune, quindi i veterinari non hanno molti strumenti per diagnosi, prevenzione e trattamento. Questo è il motivo per cui la diagnosi errata è un evento comune.

Facciamo attenzione alla diagnosi da parte del veterinario delle seguenti condizioni, poiché i loro sintomi sono molto simili ai segni di intossicazione da acqua: trauma alla testa, ipotermia, avvelenamento da sale, iperaffaticamento. Come proprietario, spetta a noi dare al nostro veterinario un quadro completo, e descrivere come si è comportato il cane prima, durante e dopo aver notato eventuali segni del problema.

Prevenzione dell’intossicazione da acqua

comportamenti strani del cane
Come prevenire l’intossicazione da acqua nel cane (Foto Unsplash)

Come dice il proverbio, prevenire è meglio che curare. Ecco quindi per tutti i proprietari di cani dei pratici suggerimenti da tenere a mente, utili a prevenire l’intossicazione da acqua nel cane:

  • Limitare il tempo di gioco in acqua, soprattutto se stiamo giocando a riportare oggetti. Se di solito lanciamo una palla per farla recuperare al nostro cane dall’acqua, consideriamo di sostituirlo con un giocattolo piatto. Ciò ridurrà la possibilità che possa accidentalmente ingoiare acqua mentre afferra la palla.
  • Supervisionare sempre il cane quando gioca con l’acqua. Alcuni cani che mordono il flusso d’acqua dagli irrigatori non sanno quando fermarsi.
  • Se il cane è incline a bere troppo, è consigliabile non lasciare un accesso illimitato all’acqua, durante il giorno. Non è necessario che abbia a disposizione un secchio d’acqua: una semplice ciotola andrà bene.
  • Tenere sotto controllo la salute del cane con controlli regolari dal veterinario. Alcuni problemi renali possono influire sulla capacità del corpo di eliminare i liquidi.
  • Tenere sempre a disposizione acqua. Questo può essere controintuitivo, ma il momento in cui il tuo cane ha maggiori probabilità di consumare acqua in eccesso, è quando ha molta sete. Avendo sempre a disposizione una piccola ciotola d’acqua, si riduce questo rischio.

Trattamento dell’intossicazione

veterinario intossicazione da acqua nel cane
Cane a visita dal veterinario. (Foto AdobeStock)

Non esistono trattamenti di rimedio casalingo di per sé, e il cane dovrà vedere un veterinario. Se notiamo che il nostro pelosetto soffre di uno dei sintomi sopra menzionati, dovremmo limitare l’accesso a qualsiasi ulteriore acqua e quindi consultare immediatamente il veterinario. L’intossicazione da acqua nel cane può aggravarsi molto rapidamente, con un animale che passa dall’essere pieno di energia a non rispondere entro 1-2 ore.

Reagire rapidamente è della massima importanza. Anche se il cane potrebbe non bere più acqua, il suo corpo assorbirà comunque l’acqua che ha già ingerito. I cani possono soffrire di danni cerebrali in modo preoccupante rapidamente.

I trattamenti possono invertire ragionevolmente rapidamente gli effetti dell’intossicazione dell’acqua, ma il danno che rimane è più difficile da superare. E se anche i cani possono riprendersi da soli da una lieve intossicazione del genere, c’è un alto rischio di morte per cui è meglio non aspettare a casa.

Altri pericoli legati all’acqua per cani

veterinario intossicazione da acqua nel cane
I pericoli per la salute di Fido sono tanti. (Foto Adobe Stock)

Il consumo eccessivo di acqua e l’avvelenamento da sale non sono gli unici pericoli che il cane potrebbe affrontare in acqua questa estate. Dobbiamo tenere gli occhi aperti per i pericoli sottostanti.

  • Avvelenamento da alghe. Le alghe sembrano grossolane, ma sono anche tossiche per i cani. Inoltre, sia per questi animali, che per noi esseri umani, la presenza di alghe sulla pelle può causare un’eruzione cutanea piuttosto sgradevole e dovrebbe essere accuratamente lavata non appena si è fuori dall’acqua. Un ulteriore pericolo per i cani è quando bevono l’acqua infestata dalle alghe. Oltre a dargli mal di stomaco, può influire negativamente su fegato, intestino, reni e sistema nervoso centrale. Se il cane inizia a manifestare sintomi come vomito, diarrea e difficoltà a camminare, consultare immediatamente il veterinario.
  • Parassiti. In qualsiasi acqua stagnante, è molto probabile che ci sia un accumulo di batteri. Nella maggior parte dei cani con un sistema immunitario sano, gli animali saranno in grado di scrollarsi di dosso un’infezione o un’infestazione da parassiti con alcuni trattamenti di riposo e da banco. I cani più anziani, i cani con una storia di problemi medici e i cuccioli, tuttavia, hanno maggiori probabilità di avere una reazione più grave e richiedono cure veterinarie.
  • Meduse. Per i cani, i pericoli delle meduse non sono solo una puntura dolorosa; questo animale acquatico può anche essere mortale. Come essere umano che cammina nell’acqua o lungo la spiaggia, è probabile che se veniamo punti sarà sul piede o sulla parte inferiore della gamba. Ma poiché i cani esplorano il mondo con la bocca e il naso, è molto probabile che rimangano punti sul naso, sul viso o sulla lingua. In una di queste aree, si verificherà gonfiore e difficoltà respiratorie. Il primo piano d’azione se il cane viene punto da una medusa deve essere quello di andare immediatamente dal veterinario. Si dovranno rimuovere rapidamente tutti i pungiglioni che sono ancora attaccati. È interessante notare che i pungiglioni su una medusa possono anche continuare a reagire per diverse settimane.
  • Annegamento. In una calda giornata estiva, niente batte la rinfrescante sensazione di saltare nel lago o in piscina per rinfrescarsi, e così vale anche per il nostro amico canino. Ma troppo spesso il rischio di annegamento è scontato. Ma nonostante i cani sono notoriamente ottimi nuotatori, questo non basta. Bisogna fare attenzione al pericolo di un cane esausto e a una forte pendenza. Non importa se il nostro  cucciolo si trova in una piscina o in uno specchio d’acqua aperto, un cane esausto può fare fatica a uscire dall’acqua senza un piccolo aiuto. Per questo motivo, è sempre consigliabile utilizzare un giubbotto di salvataggio per cani.
infografica intossicazione acqua cane
Infografica intossicazione da acqua nel cane (Redazione)

Potrebbe interessarti anche:

F. B.