Home Non solo Cani e Gatti Orso Polare: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Orso Polare: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:35
CONDIVIDI

L’orso polare è un animale che ritroviamo spesso nei cartoni animati e storie per bambini. Famoso per la sua corporatura e il particolare aspetto dolce. 

(Foto Pixabay)

Queste che tratteremo sono schede destinate ai bambini, per aiutarli ad apprendere particolari argomenti che nello specifico trattano di animali. Non saremo ne’ i primi ne’ gli unici a trattare questo argomento, ma con l’aiuto di foto e paragrafi semplici, cercheremo di incuriosire e stimolare il bambino, aiutandolo anche visivamente ad assimilare la materia.

Oggi andremo a ricostruire, illustrare e rappresentare quello che è l’animale più simpatico ai bambini.

Caratteristiche

orso polare
orso polare caratteristiche. (Foto Pixabay)

L’orso bianco o polare, con i suoi 2 metri e mezzo di lunghezza e 700 chili di peso, è uno dei più grandi carnivori esistenti. Il suo corpo allungato è rivestito di un pelo foltissimo che va a ricoprire fino alle piante dei piedi (come efficace isolamento dal ghiaccio), candido nei piccoli, avorio o giallognolo negli adulti.

Apparentemente goffo e robustissimo, resiste a micidiali bufere di vento e di neve del grande nord, riesce a percorrere lunghissime distanze sui ghiacci con la sua andatura felpata, né è stato trovato qualcuno perfino nelle vicinanze del Polo Nord. Soprattutto si dimostra un eccellente nuotatore.

Nell’acqua infatti galleggia molto bene, grazie al cospicuo rivestimento di grasso del corpo e utilizza per la spinta unicamente le zampe posteriori. Essendo un grande cacciatore, contrariamente agli altri orsi ha anche una vista assai sviluppata. La potenza fisica degli orsi è eccezionale, apparentemente pigri e torpidi, possono spostarsi con buona velocità trottando per ore o nuotando a lungo, dimostrano anche un’insospettabile capacità nell’arrampicarsi sugli alberi.

Dove vive l’orso polare

orso
Diffuso in una vasta area intorno alle regioni polari artiche.(Foto Pixabay)

L’orso polare è diffuso in una vasta area intorno alle regioni polari artiche, fino al limite dei ghiaccai perenni della banchisia e oltre. Le popolazioni più numerose di orso polare si trovano in Canada, (il 60% degli esemplari) in Alaska, in Groenlandia, in Siberia e sull’Isola di Wrangel.

Si crede che questa specie derivi dall’orso bruno e che abbia cambiato il colore del suo pelo per via dell’habitat, così come si sono ridotte le dimensioni delle orecchie e della coda per poter mantenere il calore in un luogo così freddo.

Come nascono i cuccioli di orso

mamma orso
Appena nati, i piccoli sono ciechi, non hanno i denti e pesano 700 grammi,(Foto Pixabay)

Abitualmente solitari, si riuniscono in coppie solo nel periodo della riproduzione, pochi dimostrano un indole più socievole, vivendo in branchi di pochi esemplari. La femmina “salva” le uova fecondate (questa capacità è nota come “impianto ritardato”) per far iniziare il loro sviluppo a partire da settembre e, nel frattempo, accumulare più grasso possibile.Tra aprile e maggio si verifica l’accoppiamento.

Le madri cercano una tana per l’inverno e danno alla luce due cuccioli in un rifugio, che esse stesse scavano in cumuli di neve profonda. Durante la gravidanza e il parto le femmine non si nutrono, ma si sostentano col grasso accumulato; i chili che perdono durante l’allattamento nella tana saranno recuperati in estate.

Appena nati, i piccoli sono ciechi, non hanno i denti e pesano 700 grammi, e inoltre non sanno badare a se stessi fino ai 5 mesi di età. A partire da questo momento, la madre gli insegna a localizzare il cibo, a cacciare e a sapersi difendere dai maschi adulti, poiché nei periodi in cui scarseggia il cibo, potrebbero nutrirsi di loro. Dopo essere stati per due anni con la madre, i cuccioli si allontanano, e a circa 4 anni di età maturano sessualmente.

Cosa mangia l’orso polare

orso bianco
L’orso è ghiotto di foche.(Foto Pixabay)

L’orso polare riesce a nutrirsi di quasi tutti gli animali che vivono nel suo ambiente, come per esempio: renne, volpi, uova e adulti di uccelli marini, pesci e soprattutto foche. Un orso adulto può mangiare fino a 30 kg di cibo al giorno e non beve acqua, poiché è acida e salata nel mar glaciale Artico, quindi per idratarsi usa il sangue delle sue prede.

La tecnica di caccia è la seguente: fa dei buchi tra i blocchi di ghiaccio e quando l’animale marino sale in superficie per respirare, lo cattura. Nel caso di animali terrestri, gira discretamente intorno alle colonie e ai nidi.

Curiosità

orso polare
I peli appaiono bianchi perché le cavità disperdono e riflettono la luce.(Foto Pixabay)
  • A differenza dei “cugini” bruni gli orsi polari non vanno in letargo.
  • Sulla terraferma gli orsi polari possono raggiungere la velocità di 40 chilometri orari.
  • Tutti i cuccioli nascono tra il mese di novembre e i primi giorni di gennaio. I piccoli restano nella tana con la mamma fino all’inizio della primavera, senza mai uscire.
  • In natura, gli orsi polari vivono 25 anni. Il record spetta però a Debby, orso polare vissuto in cattività in Canada, che arrivò a spegnere 42 candeline.
  • Gli orsi polari sono in grado di sentire l’odore di una preda nel raggio di un chilometro e mezzo sulla terra ferma e a ben un metro di profondità sotto la neve compatta.
  • Gli orsi polari curano la propria igiene rotolandosi regolarmente nella neve.
  • Il suo manto è formato da peli cavi traslucidi che catturano i raggi solari e li convogliano verso la cute. I peli appaiono bianchi perché le cavità disperdono e riflettono la luce.
  • Gli orsi polari sono animali artici e possono vivere sulla terraferma o immergersi sott’acqua. Una volta in mare, sono in grado di nuotare da 30 a 100 chilometri senza mai riposare.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI