Home Non solo Cani e Gatti Leone: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

Leone: cosa mangia, dove vive, caratteristiche e curiosità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:26
CONDIVIDI

Il leone è spesso rappresentato nel cinema, nel mondo dello sport e nel mondo dei cartoni animati, grazie al suo carattere e alla sua maestosità.

leone
Leone re delle Savane e non come si crede erroneamente delle foreste

Queste che tratteremo sono schede destinate ai bambini, per aiutarli ad apprendere particolari argomenti che nello specifico trattano di animali. Non saremo ne’ i primi ne’ gli unici a trattare questo argomento, ma con l’aiuto di foto e paragrafi semplici, cercheremo di incuriosire e stimolare il bambino, aiutandolo anche visivamente ad assimilare la materia.

Oggi andremo a ricostruire, illustrare e rappresentare quello che è il re della Savana.

Caratteristiche

leone
Leone animale appartenente all’ordine dei carnivori (Foto Pixabay)

Il leone (Panthera leo) appartiene all’ordine dei carnivori e alla famiglia dei felidi. Grande carnivoro, quasi esclusivamente africano, che per la sua forza, la sua indole e il suo aspetto imponente è stato assunto a simbolo della fierezza e del coraggio. Le dimensioni sono effettivamente notevoli, ma non eccezionali.

Infatti la lunghezza totale non supera i 3 metri, di cui mezzo metro spetta alla coda (mentre la tigre può raggiungere i 3 metri e mezzo. Il pelo del leone, corto rasato è di color sabbia e uniforme e la coda termina con un fiocco scuro. Nei maschi adulti si può notare una vistosa criniera, più o meno sviluppata a seconda delle razze, che incornicia tutto il capo e fino ad arrivare al collo e finire al petto.

È proprio a questa sua criniera che il leone deve il proprio aspetto particolarmente maestoso ed estremamente caratteristico.  Le criniere si sviluppano, infatti, con l’età, e crescono anche dopo che il leone ha raggiunto la maturità sessuale. In media le criniere di questi leoni cresce per circa 4-5 anni, ragion per cui i leoni adulti hanno criniere non solo più lunghe, ma anche più folte rispetto a quelli più giovani.

Ma non è solo l’età ad influire sull’aspetto delle criniere. Il leone Africano ha una criniera più imponente rispetto a quella del cugino asiatico, ma risulta anche meno rada. Le criniere dei Masai risultano essere infatti più spelacchiate e sembrano essere pettinate all’indietro. Il leone ha una caratteristica in comune che lo differenzia da tutti gli altri felini, ovvero sono gli unici a vivere in gruppo.

I gruppi di leoni vengono chiamati branchi e, al loro interno, si trovano in media 1 o più leoni maschi e circa una decina di femmine con i loro cuccioli, per un totale che può raggiungere anche i 30 esemplari per branco. Le leonesse si occupano della caccia e dei figli mentre i leoni difendono il proprio territori dai maschi appartenenti ad altri branchi.

Il leone in media vive una decina di anni, essendo minacciati sia dall’uomo che dagli altri esemplari di leoni. In cattività un leone può arrivare a vivere anche 20 anni, come la giraffa, mentre allo stato brado raggiungo i 12-14 anni di vita. Questo vale unicamente per i leoni maschi, i quali vivono molto meno degli esemplari femminili essendo esposti a molti più rischi, fra cui compare soprattutto l’attacco di altri leoni maschi di altri branchi.

Il leone, quando raggiunge il terzo anno di età, abbandona il branco nel quale è nato e, assieme ad altri leoni, va alla conquista di altri branchi, uccidendo i leoni che li difendevano. Le leonesse, invece, rimangono a vita nel branco dove sono nate.

Dove vive il leone

leone nella savana
Il leone durante il giorno si concede lunghi periodi di riposo(Foto Pixabay)

Il leone vive nelle savane alberate e non si spinge mai nelle regioni propriamente boscose e perciò risulta errato il titolo a lui attribuito di “re della foresta”. Durante il giorno il leone si concede lunghi periodi di riposo sotto l’ombra di qualche albero ma con i sensi sempre all’erta.

In epoche lontane il leone era largamente diffuso anche nel bacino del Mediterraneo e addirittura in Grecia, dopo l’estinzione è possibile ritrovare il leone soltanto in Africa a sud del Sahara, fatta eccezione per una specie superstite della cosiddetta razza persiana che sopravvive nell’India occidentale.

I luoghi dove è più frequente incontrare leoni, sono le zone comprese fra il Kenya, la pianura Masai e la Tanzania, e anche nella regione del Tanga. Il Leone, infatti, predilige la vita nelle steppe e nelle zone particolarmente aride,

Come nascono i cuccioli

cucciolo di leone
Ogni leonessa partorisce 2 o 3 leoncini e la gravidanza dura 100gg.(Foto Pixabay)

Questo grande carnivoro si riunisce in branchi ma risulta monogamo, cioè ha una sola femmina per tutto l’anno e questo fornisce diversi vantaggi: collaborazione durante la caccia e spartizione delle prede, maggiore assistenza alle femmine durante la gravidanza che dura circa 100 giorni e aiuto nella custodia dei piccoli.

I leoncini nascono in numero di 2 o 3 per cucciolata, diventano indipendenti dai genitori a poco più di un anno di età, pur raggiungendo la piena maturità solo a 6 anni. La capacità di sincronizzare il periodo di impulso aumenta il successo riproduttivo del branco. Avere i cuccioli assieme significa per le femmine poter contare l’una sull’altra per allattare, accudire e proteggere i piccoli.

Inoltre, ciò consente a un maggior numero di leoni di sopravvivere fino a raggiungere l’età adulta. La predazione è un pericolo per i neonati di ogni specie, ma se i piccoli nascono tutti assieme, i predatori possono ucciderne solo un numero limitato; se invece nascono in periodi diversi dell’anno, diventano una fonte continua di cibo.

Nonostante questa strategia, oltre metà dei cuccioli di leone non sopravvive al primo anno di vita: a ucciderli sono, oltre i predatori e i maschi adulti, le malattie, l’abbandono e la fame.

Cosa mangia il leone

leone a caccia
La caccia del leone, si svolge quasi esclusivamente di notte.(Foto Pixabay)

La sua più importante attività è la caccia che si svolge quasi esclusivamente di notte, con il metodo dell’agguato, pratica preferita da quasi tutti i felini. Il leone caccia da solo, in gruppo o piccoli gruppi. Una volta individuata la preda si fionda appena si trova a distanza utile, scatta con rapidità impressionante e dopo pochi balzi, raggiunta la preda, l’abbatte con un morso alla nuca o con una zampata.

Se la vittima riesce a sfuggire allo scatto del leone, può quasi sempre considerarsi salva. Il leone rinuncia di solito all’inseguimento perché pur potendo raggiungere la vittima rapidamente con velocità elevatissime (80km orari) ma sono dotati di scarsa resistenza contrariamente alle sue vittime preferite ossia: antilopi di grossa taglia e zebre. Più raramente affrontano bufali adulti, in grado spesso di difendersi efficacemente e quasi mai affrontano elefanti e rinoceronti.

Curiosità

Leone
Il leone mangia in un giorno il corrispettivo di 70 hamburger per un uomo.
  • Il leone è il secondo felino più grande al mondo dopo la tigre
  • Un leone mangia in un giorno il corrispettivo di 70 hamburger per un uomo.
  • Il ruggito di un leone è il più forte di qualsiasi grande felino e può essere ascoltato fino a 8 km di distanza.
  • Il leone possono vedere sei volte meglio al buio di un essere umano. Di notte, un rivestimento riflettente sul retro degli occhi aiuta a catturare la luce lunare.
  • Il morso di un leone è 30 volte più forte del morso di un gatto. In realtà hanno il morso più debole di tutti i felini grandi.
  • L’ animale terrestre più pericoloso in Africa non è il leone ma l’ ippopotamo. Gli Ippopotami uccidono circa 500 persone all’ anno; il leone ne uccide circa 100. Il più pericoloso animale killer del pianeta, tuttavia, è in realtà molto più piccolo di entrambi: la zanzara, che causa 725.000 morti all’ anno.
  • I leoni bianchi sono leoni africani ma presentano un tratto recessivo derivato da una mutazione che causa albinismo. Secondo alcune leggende, i leoni bianchi sono messaggeri di Dio e assicurano pace e prosperità.
  • Il leone maschio può accoppiarsi fino a 100 volte in due giorni per assicurarsi che la femmina sia incinta. Ogni accoppiamento dura solo pochi secondi.
  • Tra tutti i grandi felini, il leone dorme più di tutti gli altri, dormendo fino a 22 ore al giorno.
  • Il leone è l’animale nazionale di diversi paesi, tra cui Albania, Belgio, Bulgaria, Inghilterra, Etiopia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Singapore.
  • La digestione del leone è lenta, può durare anche 4-5 giorni, durante i quali il leone non ha bisogno di bere. Nonostante ciò se si trova nei pressi di un’abbondante disponibilità d’acqua, beve con frequenza.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI