Home Non solo Cani e Gatti Perdita di appetito nel cincillà: cause, sintomi e trattamento

Perdita di appetito nel cincillà: cause, sintomi e trattamento

Perdita di appetito nel cincillà: inappetenza o anoressia? Tutte le probabili spiegazioni del perché il piccolo roditore non vuole mangiare.

cincillà dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Attualmente, nelle famiglie di tutto il mondo sono molto presenti animali domestici differenti da quelli a cui siamo stati abituati negli anni.

Si tratta di piccoli roditori, simpatici e amorevoli come ad esempio il cincillà, un roditore originario della catena montuosa delle Ande in Sud America molto apprezzato come animale domestico.

Proprio perché oramai così diffuso, è opportuno prendere informazioni sull’animale, se decidete di accoglierlo in casa.

Questo animaletto, come del resto tutti gli animali, necessita di cure, amore e una sana alimentazione.

E proprio di quest’ultima che ci andremo ad occupare ed in particolar modo del perché il piccolo roditore non vuole mangiare. Vediamo i motivi della perdita di appetito nel cincillà e come curarlo.

Perdita di appetito nel cincillà

Negli animali tutti, la mancata voglia di cibo è sinonimo di malessere.

cincillà dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Tale condizione, si può riscontrarla anche nei roditori, come nel caso della perdita di appetito nel cincillà.

Il cincillà può subire una parziale perdita di appetito che in gergo medico è chiamata inappetenza ma può anche essere totale e quindi anoressia.

L’inappetenza è il sintomo comune di diverse malattie e disturbi, tra cui la mancanza di acqua dolce, l’incapacità di masticare correttamente o l’esposizione a temperature estreme.

Mentre l’anoressia nel cincillà è principalmente causata da varie forme di infezione.

Quando o l’una o l’altra condizione si verifica nel vostro piccolo roditore, non aspettate che la situazione precipiti e trasportate l’animale dal veterinario.

Se il cincillà non mangia per un periodo di tempo piuttosto lungo, potrebbero verificarsi problemi al fegato e pian piano arrivare a morire.

Cosa causa la perdita di appetito nel cincillà

Come precedentemente detto, le cause principali della perdita di appetito nel cincillà hanno a che fare con diverse malattie, disturbi e infezioni.

Tra questi ci sono:

  • acqua dolce insufficiente;
  • cambiamenti ambientali;
  • cambiamenti dietetici;
  • chetosi;
  • esposizione a temperature estreme;
  • fatica;
  • infezioni nel cincillà (batteriche, virali, parassitarie);
  • malocclusione dei denti (es. morso o morso eccessivo);
  • procedura chirurgica recente.

Come accorgersi che il cincillà non mangia

Quali sono i segnali per capire la perdita di appetito del cincillà? Per poter individuare questo problema nel roditore è importante osservare il suo comportamento.

In esso, sarà possibile individuare sintomi che lasciano intravedere la condizione nel cincillà.

I sintomi possono essere:

  • perdita di peso;
  • letargia;
  • depressione;
  • acqua e il cibo disposti sono intatti;
  • perdita di elasticità della sua pelle;
  • pelo ruvido.

Potrebbe interessarti anche: Perché il cincillà è sempre nella sua gabbietta? I motivi del suo rifiuto

Diagnosi e trattamento

Per poter diagnosticare la causa della mancanza di appetito nel cincillà, il veterinario dovrà venire a conoscenza della storia medica del piccolo roditore e poi procedere con l’identificazione dei fattori che causano infezioni e dovrà eseguire vari test di laboratorio.

Stabilita la causa della perdita di appetito nel cincillà, in base ad essa il veterinario potrà decidere il trattamento.

Generalmente, il veterinario consiglierà cibi speciali, come formule commerciali per l’alimentazione manuale.

La dieta di un cincillà dovrebbe comprendere circa il 30% di fibra. È molto importante che mangi un flusso costante di fibra, questo garantirà la digestione degli alimenti in modo sicuro e con regolarità.

Non si consiglia la somministrazione di vegetali freschi se non raramente e in piccolissima quantità perché causano spesso problemi intestinali.

Sono assolutamente da evitare il pane, il cioccolato, le crocchette per cani o gatti, semi e snack per roditori, carboidrati, prodotti contenenti latticini.