Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Il pappagallo si strappa le piume: tutto sull’auto-deplumazione

Il pappagallo si strappa le piume: tutto sull’auto-deplumazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:44
CONDIVIDI

Perché il pappagallo si strappa le piume? Tutto quello che c’è da sapere sull’auto-deplumazione e come curarla prima che sia troppo tardi.

Pappagallo si strappa le piume
Pappagallo si strappa le piume: perché lo fa (Foto Pixabay)

I pappagalli rendono sempre così allegre le nostre giornate: merito dei vocalizzi, del loro verso ma soprattutto del loro piumaggio colorato. Ne esistono miriadi di varietà, ciascuna con delle caratteristiche cromatiche molto particolari. Ma cosa accade se, per qualche motivo che poi scoprire, il volatile inizia a strapparsi le piume procurandosi anche dolore. Se non lo fermiamo prima che sia troppo tardi ci ritroveremo un pappagallo con delle zone scoperte e senza piume. Vediamo soprattutto quali sono le cause per le quali il pappagallo si strappa le piume e quali sono i rimedi più efficaci per aiutarlo.

Il pappagallo si strappa le piume: che cos’è l’auto-deplumazione

ara
Ara: pappagallo con piuma nel becco (Foto Pixabay)

A differenza di altre patologie, i cui segni sono poco evidenti, nel caso della auto-deplumazione, o feather picking, il pappagallo mostra fin da subito gli effetti di queste azioni. Se troviamo delle penne nella sua gabbia, ma soprattutto delle zone del suo corpo scoperte oppure lo ‘becchiamo’ (è il caso di dirlo!) strapparsi le penne da solo con il becco, è necessario far chiarezza sulla situazione. Quando gli uccelli perdono le piume, ci sono dei comportamenti alla base che influiscono non solo sull’aspetto fisico, ma anche sulla salute di questi volatili, e la auto-deplumazione è di certo uno di questi.

E’ vero che le piume possono cadere da sole per vari motivi, specialmente quando sono colpite da alcune patologie specifiche come ad esempio la malattia del becco e delle penne degli Psittacidi (nota con la sigla PBFD). Quando però il pappagallo si sottopone per ‘sua scelta’ a questo comportamento i motivi alla base possono essere tanti: alcuni reagiscono così perché stressati dal cambio di habitat, altri hanno difficoltà ad adattarsi alla nuova casa etc. Alcuni possono comportarsi così in seguito ad alcuni traumi legati alla cattura, come vedremo a breve. Solitamente i pappagalli più inclini a strapparsi le penne sono quelli adottati o salvati dai rifugi.

Auto-deplumazione: le cause possibili

piume
Piume azzurre (Foto Pixabay)

Quando un pappagallo si strappa le piume, può sottoporsi autonomamente a questa tortura perché ha vissuto alcune esperienze più o meno traumatiche. Si tratta di certo di un comportamento non naturale e per niente salutare sia per la sua salute fisica sia per il suo aspetto esteriore. Ma cosa spinge un pappagallo a comportarsi così? Vediamo tutte le cause che possono avere come effetto la auto-deplumazione.

  • Cattura violenta: sebbene esistano leggi più severe in merito all’acquisto dei pappagalli, ci sono ancora padroni incoscienti che comprano i volatili non da allevatori specializzati. Alcuni di questi meravigliosi esemplari infatti si trovano spesso nelle case dei nuovi padroni dopo essere stati catturati in maniera traumatica e senza alcuna cura delle loro esigenze e necessità. E’ capitato che alcuni fasi allevatori (non riconosciuti e non esperti) abbiano di proposito falsificato i documenti di acquisto del volatile, ufficializzando dei dati non veritieri.
  • Allevamento sbagliato: legato a filo doppio con l’aspetto trattato in precedenza, vi è anche l’assenza di cure specifiche per questa specie. Trattandosi di volatili molto delicati, essi devono ricevere le cure e le attenzioni giuste anche prima di essere adottati o comprati da un ipotetico padrone. Due sono i metodi di allevamento dei pappagalli: o dai genitori o dall’allevatore specializzato. E’ ovvio che nel secondo caso i volatili saranno più abituati al contatto con gli umani e, una volta adottati, saranno più inclini a stringere amicizia con le persone che abitano in casa.
  • Socializzazione non graduale: i pappagalli sono soliti stabilire dei legami importanti, soprattutto nella fase giovanile della loro vita. E’ proprio in questo momento che i volatili hanno la possibilità di imparare dagli esemplari più adulti e sono inclini a socializzare con i loro simili. Questa operazione di ‘conoscenza’ tra simili è estremamente importante, soprattutto per gli sviluppi futuri che avrà sula sua personalità.
  • Depressione e carenza di attenzioni: potrebbe essere uno dei motivi più frequenti, quello per cui i volatili si strappano le piume. Questo problema comportamentale può essere dunque dovuto ad una situazione psichica compromessa, magari dovuta a carenza di attenzioni da parte del padrone e dunque ad uno stato di profonda solitudine. Se il pappagallo si strappa le penne perché capisce che in questo modo attirerà le attenzioni (e le cure) del suo padrone, sarà portato a ripetere questo comportamento. Uno dei consigli degli esperti infatti è proprio quello di ignorare l’auto-deplumazione del volatile, in modo che si scoraggi a ripetere questo gesto. Naturalmente ciò non significa sottovalutare il problema, ma ignorare il comportamento sbagliato in attesa di trovare una cura efficace.
  • Eccessiva dipendenza o fobie: anche il motivo opposto alla solitudine può innescare un comportamento di questo genere. Un pappagallo che dipende totalmente dal suo umano, oppure il volatile che ha paura di ogni stimolo che arriva dall’esterno può auto-deplumarsi. In questo caso la soluzione è cercare di far vivere al pappagallo una vita quanto più possibile sana ed equilibrata.

Il pappagallo si strappa le piume: cosa fare

Valutati tutti i possibili motivi e individuato quello giusto, naturalmente è ovvio che dovremmo adottare dei comportamenti che eliminino la causa scatenante alla base. Inoltre dobbiamo fare attenzione ad una serie di elementi che possono causare stress del pappagallo e indurlo a farsi del male in questo modo.

Gestire il suo habitat: garantire condizioni igieniche ottimali, un’alimentazione sana e corretta, e sopperire alle esigenze del volatile è un dovere per ogni padrone. Non rispondere ai suoi bisogni potrebbe condannare il pappagallo a comportamenti d questo genere. Infatti nel silenzio della sua gabbietta, il volatile potrebbe sentirsi troppo solo nell’affrontare i suoi problemi, con conseguenti ripercussioni sul suo stato mentale.

Stimolare le sue funzioni intellettive e fisiche: il pappagallo deve essere sempre stimolato, non deve mai annoiarsi. Questo vorrà dire sia dedicargli delle ore del nostro tempo libero nel corso della giornata sia procurargli oggetti che possano fargli passare il tempo. Anche la stimolazione sessuale non deve essere sottovalutata: dietro il consiglio del veterinario, valutiamo la possibilità di una compagna o di una convivenza.

Sottoporlo a visite periodiche: il veterinario è una figura assolutamente fondamentale per curare il fisico (ma anche la mente) del nostro pappagallo. L’esperto sarà in grado di stabilire qual è lo stato di salute del volatile, ed eventualmente scongiurare la presenza di parassiti o altri agenti esterni che possono provocare allergie: infatti in questo caso il pappagallo è portato a grattarsi e a strapparsi le piume.

Come curarli

Pappagallo si strappa le piume
Pappagallo si strappa le piume (Foto Pixabay)

Esistono in commercio dei farmaci antiparassitari che servono appunto ad eliminare parassiti e altri agenti patogeni che attaccano la cute e il piumaggio, ma spesso queste cure sono così stressanti per il volatile da indurlo in una condizione di stress. In pratica è facile che se si curasse il pappagallo spruzzandogli sulle piume lo spray o la polvere antiparassitaria, si rischierebbe di innervosirlo e di indurlo a strapparsi le piume. Una soluzione alternativa potrebbe essere un colare elisabettiano, simile a quello che si usa per i cani, per evitare che il pappagallo si gratti o si faccia del male.

La cosa migliore è sempre affidarsi al parere dell’esperto, così da procedere con test specifici per la risoluzione del problema. Generalmente il veterinario procede con: un esame delle feci, un esame delle piume e della cute, esami del sangue, tamponi per la coltura di batteri e lieviti. In base alla causa sceglierà il trattamento topico più adeguato. Una volta terminata la cura dovremo aspettare pazientemente la ricrescita delle piume, che purtroppo non sarà così rapida.

LEGGI ANCHE:

F.C.