Home Non solo Cani e Gatti Problemi dentali nel Degu: cause, sintomi e trattamento

Problemi dentali nel Degu: cause, sintomi e trattamento

Problemi dentali nel Degu una condizione molto frequente in questo roditore. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

degu
(Foto AdobeStock)

Negli ultimi anni è molto in voga adottare animaletti diversi dai soliti cane e gatto.

Come infatti, oggi giorno, non è difficile trovare nelle famiglie di tutto il mondo, dei piccoli roditori come ad esempio il Degu.

Si tratta di un roditore diurno originario dell’America Latina. Allo stesso gruppo appartengono anche cavie e cincillà con le quali condivide le caratteristiche dentali e la peculiarità.

E proprio a proposito di denti, in questo articolo approfondiremo proprio dei problemi dentali nel Degu.

Scopriamo quali sono, come individuarli e come prendersi cura di questo piccolo e simpatico roditore.

Cause dei problemi dentali nel Degu

Il Degu ha una dentatura composta da un totale di 20 denti tra incisivi e denti masticatori, detti a crescita continua.

degu
(Foto Pixabay)

Ciò significa che continuano a crescere per tutta la vita dell’animale.

Gli incisivi di questo roditore, crescono all’incirca 2-4 mm a settimana mentre i denti premolari e molari approssimativamente 3-4 mm al mese.

Anche se i problemi dentali nel Degu sono meno comuni rispetto ad animale dello stesso gruppo, sono comunque presenti e causati da:

  • alimentazione sbagliata del Degu: masticare del cibo meno abrasivo riduce l’usura dei denti a crescita continua provocando una crescita eccessiva degli stessi. Molto spesso la somministrazione di pellett o estruso, ne è la causa;
  • carenze nutrizionali e vitaminiche;
  • fattori genetici;
  • neoplasie;
  • patologie metaboliche;
  • traumi: la frattura degli incisivi, dovuta a traumi da rosicchiamento in particolare per animali tenuti troppo in gabbia.

Sintomi

Quando si manifestano problemi dentali nel Degu, si presentano dei segnali inequivocabili.

Il degus ha paura del gatto?
(Foto da Pixabay)

La fuoriuscita dei denti incisivi dal lato delle guance, è un esempio, ma ci sono anche altri sintomi che a prima vista possono confondere padrone e veterinario.

I sintomi sono:

  • dermatite del mento (causata dalla perdita di saliva che tiene costantemente umida la parte);
  • epifora (lacrimazione aumentata per la chiusura del dotto naso lacrimale);
  • esoftalmo (l’occhio fuoriesce perché c’è un ascesso dietro che lo spinge in fuori);
  • modificazione profilo facciale (per le alterazioni ossee o per la formazione di ascessi);
  • pelo bagnato intorno al muso;
  • difficoltà nella chiusura completa della bocca;
  • salivazione eccessiva;
  • perdita di appetito;
  • stitichezza o diarrea.

Potrebbe interessarti anche: Il degu può mangiare l’insalata? Cosa è giusto condividere con il roditore

Diagnosi e trattamento dei problemi dentali nel Degu

Per poter stabilire una diagnosi, il veterinario effettuerà in primis una visita con palpazione esterna della bocca ed il profilo posteriore della mandibola, poi controllerà all’interno del cavo orale con l’aiuto di uno otoscopio dotato di luce.

Una delle problematiche principalmente riscontrate è la malocclusione, ovvero la crescita dei denti in maniera errata, che può provocare difficoltà nella masticazione e quindi impossibilità di nutrirsi.

Inoltre, i denti malocclusi si sviluppano più del normale e rischiano di provocare, gravi lesioni alla bocca.

Per poter trattare questa condizione nel Degu è necessaria la limatura dei denti deformati, attraverso trapani e strumentazioni dentistiche.

Anche se gli incisivi sono facili da trattare, per quelli interni il Degu dovrà essere anestetizzato.

Ricordatevi che la visita dei denti del Degu dovrebbe avvenire almeno ogni 6 mesi.

Inoltre la prevenzione con una sana e adeguata alimentazione basata su cibi molto ricchi di fibra, grossolani e di difficile masticazione come vegetali da foglia, rametti freschi di piante non tossiche, fieno e paglia, è la migliore delle cure, insieme ad una dose sufficiente di vitamina C.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.