Home Non solo Cani e Gatti Rischi per il riccio in casa: quali sono e come tutelare la...

Rischi per il riccio in casa: quali sono e come tutelare la sua salute

Stanchi dei soliti cani e gatti? Ecco come occorre prepararsi se abbiamo deciso di adottarne uno ed tenere lontani i rischi per il riccio in casa.

Rischi per il riccio in casa
Rischi per il riccio in casa: quali sono (Foto Pixabay)

Cosa sappiamo di questo piccolo mammifero, caratterizzato dal musetto tenero e dagli aculei che ricoprono interamente il suo manto? Ecco qualche informazione utile a chi volesse adottarlo come animale domestico, di certo insolito ma molto tenero. Non trattandosi di un cane o di un gatto è fondamentale conoscere le sue caratteristiche e soprattutto le sue abitudini alimentari e di igiene, per evitare il sopraggiungere di problemi di salute anche piuttosto gravi. Ecco tutto quello che c’è da sapere per evitare i rischi per un riccio in casa.

Il riccio: caratteristiche generali

riccio nell'erba
Riccio nell’erba (Foto Pixabay)

Questo piccolo mammifero, famoso per il suo manto spinoso, trova il suo habitat ideale in Europa, ma anche in Asia e Africa. In natura ve ne sono almeno 16 specie diverse, sebbene le più famose e diffuse siano solo due: quella dalle orecchie lunghe e quella del riccio pigmeo africano. Le loro abitudini sono prettamente notturne e la loro alimentazione è costituita principalmente di insetti: infatti durante il giorno tendono a dormire, sdraiati nell’erba o al riparo nella loro tana.

Sono famosi per i loro aculei: ma questi da cosa sono costituiti? Sembrerà strano ma sono originariamente dei peli, sebbene lo strato spesso di cheratina che li ricopre li rende durissimi, come se fossero quasi corpi estranei applicati sul manto del riccio. Terminano con una punta piuttosto pungente, sebbene non siano né velenosi né taglienti. Di certo però possono provocare punture anche piuttosto dolorose. Per questo è importante sapere come maneggiare l’animale per evitare di ferirci. Questi peli possono cadere in momenti particolari della vita, come ad esempio in gioventù, oppure in momenti di particolare stress.

Solitamente gli aculei sono utilizzati come arma di difesa: non è raro infatti vedere un riccio spaventato che, per timore di essere toccato, si chiude in se stesso e diventando una piccola pallina di aculei. Anche le unghie delle zampe sono piuttosto affilate, sebbene vengano utilizzate soprattutto per scavare il terreno. Per comunicare con i propri simili utilizzano una grande varietà di suoni e grugniti; inoltre quando si approcciano ad un oggetto nuovo prima lo mordono con i denti, poi lo annusano e infine lo leccano bagnandolo con la saliva.

Riccio come animale domestico: la convivenza

Riccio tra le mani
Riccio tra le mani (Foto Pixabay)

Se abbiamo deciso di accogliere in casa un riccio come animale domestico ma abbiamo già altri animali domestici più ‘comuni’, come il cane o il gatto, è bene sapere che non dovrebbero esserci grossi problemi di convivenza tra loro. Di certo ogni animale è una storia a sé, ma generalmente mostra un carattere piuttosto solitario. Non ama stare negli spazi chiusi, ma vuole sempre camminare liberamente senza doversi fermare alle barriere. Dato che si troverà a condividere spazi e luoghi, è bene abituarlo e fra abituare gli altri animali alla sua presenza. Se invece abbiamo deciso di tenere in casa due o più ricci, non è consigliato farli riprodurre nello stesso ambiente.

I rischi per un riccio in casa: attenti alla sua salute

rischi per il riccio in casa
Rischi per il riccio in casa: gli errori da evitare (Foto Pixabay)

Il riccio ama il caldo, quindi l’ambiente dove sarà inserito dovrà avere una temperatura non superiore ai 27ºC ma neppure inferiore ai 25ºC. Soprattutto nella stagione più fredda dell’anno bisogna assicurargli il caldo più che la luce: infatti non amano gli ambienti molto luminosi. Sebbene le sue dimensioni non siano enormi, ha bisogno di spazi grandi: la gabbia deve essere di almeno un metro e mezzo. Da parte del padrone è importante che abbia sempre cura di disinfettare l’ambiente e sia attento alla sua alimentazione: infatti i problemi di salute e i rischi per la sua salute derivano soprattutto da questi due elementi.

Negli spazi esterni i pericoli sono rappresentati da quegli elementi cui normalmente presteremmo poca attenzione: ecco quali sono.

  • Tagliaerba: i ricci amano infilarsi sotto le lame di questo macchinario molto utile per tagliare l’erba del nostro giardino.
  • Compost: spesso i ricci si rifugiano nei cumuli di questo materiale alla ricerca di calore. Quindi prima di prenderne delle quantità col forchettone, meglio controllare se si è nascosto lì.
  • Reti: sia quelle che circondano il giardino, sia i sacchi di patate o frutta o altri contenitori di questo tipo possono rappresentare una trappola per i nostri amici ricci.
  • Veleni: effetto intossicante hanno sui ricci tutti i prodotti che vengono utilizzati contro la presenza delle lumache nei giardini. Per evitare le invasioni di lumache basterà la sola presenza del riccio che se ne ciberà.

I rischi per la salute del riccio: le malattie

Dato che si tratta di un animale particolarmente delicato, dobbiamo informarci bene su quali sono gli insetti da inserire nella sua alimentazione, chiedendo consiglio al veterinario di fiducia oppure all’allevatore che lo ha venduto. Tra le patologie più frequenti dei ricci vi sono:

  • Parassiti: acari, zecche e pulci possono depositarsi sul suo manto. Meglio utilizzare degli insetticidi specifici: facciamo attenzione che non siano velenosi qualora dovesse leccarli.
  • Funghi
  • Episodi di vomito e diarrea: in entrambi i casi è importante badare alla sua idratazione.
  • Obesità: se l’alimentazione è sbagliata il rischio che il riccio possa ingrassare. Bisogna seguire una dieta corretta.
  • Raffreddore: se l’ambiente è troppo freddo il riccio potrebbe raffreddarsi.
  • Pelle secca, anche nelle orecchie: bisogna idratare con creme apposite.
  • Congiuntivite
  • Cancro.

Potrebbe interessarti anche:

F.C.