Home Non solo Cani e Gatti Il riccio come animale domestico: alimentazione, igiene e cura

Il riccio come animale domestico: alimentazione, igiene e cura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12
CONDIVIDI

Negli ultimi anni abbiamo potuto constatare che anche le specie più selvatiche di animali, stando a contatto con l’uomo, fin da cuccioli, si addomesticano. Ma è una buona idea un riccio un animale come domestico?

riccio domestico
Riccio domestico (Foto iStock)

In questo articolo andremo a parlare del riccio come animale domestico, animale però appartenente alla famiglia delle Erinaceaidae come la talpa e il toporagno. Vive in Europa, Africa e Asia. Esistono 14 diverse specie di riccio.

Questo animale è conosciuto per la sua grande quantità di aculei sulla schiena e per proteggersi si arrotola su se stesso formando una come palla. Nonostante questa presenza di aghi, può essere preso facilmente nelle mani senza essere punto, sollevandolo come se stessimo per raccogliere l’acqua da una sorgente.

Per conoscere il sesso del riccio puoi osservarlo sulla pancia, li troverai due piccoli testicoli se è un maschio, o perfettamente nulla, se è una donna. Il riccio come animale domestico, può vivere molto bene con altri animali in casa, come cani e gatti anche se lui preferisce restare appartato nella sua solitudine.

Possiamo consideralo un animale “timido” pur avendo tendenzialmente un buon carattere. È però fondamentale che il tuo animale domestico socializzi fin da cucciolo con il resto dei componenti della famiglia. Inoltre ha bisogno di spazio per muoversi e quindi mostrerà sofferenza nel stare in un luogo chiuso.

Il riccio e il rapporto con gli umani

Riccio in mano
Riccio nelle mani del proprietario (Foto Pixabay)

Il riccio è l’animale ideale se trascorri molto tempo all’aperto e perciò restare solo per lunghe ore. Non ha bisogno di molta interazione con gli umani, anche se a modo suo gli piace stare con te e la tua famiglia, non richiede molta attenzione.

Preferisce la solitudine ed è per questo che il riccio non è adatto ai bambini. Come abbiamo già detto, ha un carattere piuttosto calmo, ma non sopporta lo stress. I bambini adorerebbero prenderlo e giocarci, ma il riccio potrebbe sentirsi assalito ed estrarre le sue penne per difendersi e potrebbe ferire involontariamente.

Per prenderlo un guanto da forno potrebbe essere utile e lascia che possa riconoscerti gradualmente. Devi farlo spesso fin da cucciolo in modo che possa diventare per lui un gesto familiare, quando avrà imparato a riconoscerti, l’animale riuscirà anche a dormire su di te.

Il riccio adora i massaggi nella parte bassa della schiena, gli piace “giocare” con palline, rotoli di carta igienica tagliati, gli piace nascondersi ma anche correre e arrampicarsi (su piccole altezze).

Quando abbiamo iniziato ad adottare furetti come animali domestici, i proprietari hanno presto realizzato qualcosa di spiacevole: il loro odore. Nel caso del riccio parliamo di un animale con una buona igiene, sia di se stesso sia della sua gabbia e perciò non ha un cattivo odore.

Il riccio domestico e la sistemazione in casa

Riccio, la miglior sistemazione in casa

Il riccio avrà bisogno di una gabbia dove possa nascondersi , almeno di 1,5 metri, con un materiale assorbente per i suoi escrementi in modo tale da avere una migliore igiene.  Si consiglia di non avere un oggetto di stoffa perché sarebbe molto facile per lui rimanere impigliato nei fili.

È possibile utilizzare carta da cucina, bisogna anche predisporgli del terreno in modo che possa scavare come farebbe in natura. Durante la notte, puoi lasciarlo libero in casa o in una stanza regalandogli una grande ruota (almeno 30 cm di diametro) come quella per criceti, in modo che possa essere esercitarsi e liberare lo stress.

Per una buona igiene deve essere lavato, ed è importante disinfettare il suo ambiente per prevenire eventuali malattie. In natura il riccio vive a una temperatura compresa tra 25 ° C e 27 ° C, quindi in inverno, sarà essenziale avere un riscaldamento mentre per la luce non richiede un’importante illuminazione.

Alimentazione del riccio domestico

caldo animali selvatici
Alimentazione per il tuo riccio domestico (Foto iStock)

Per quanto sorprendente possa sembrare, il cibo per gatti è il più adatto per i ricci (sono entrambi carnivori). Oltre alle crocchette, dobbiamo procurargli degli insetti e in particolare vermi e grilli, il cibo preferito dal riccio e che puoi catturare nel giardino anche se di norma ci sono molti pesticidi e altri prodotti tossici nei giardini, che possono danneggiare il riccio.

La soluzione è acquistarli in negozi specializzati. Per completare la tua dieta puoi aggiungere frutta, pollo, tacchino o uova. Al riccio basteranno circa 30-50 calorie al giorno, il momento ideale della giornata per dargli da mangiare è nel pomeriggio e assicurarti che abbia sempre acqua fresca.

Non dargli cibo freddo o dal frigorifero, potrebbe causare diarrea nell’animale. Evita di dargli sempre lo stesso alimento, il riccio è un animale onnivoro,  come il cane ha bisogno di variare l’alimentazione, ed ha bisogno di diversi nutrienti e vitamine. E infatti solo l’alimentazione non basterà se il riccio è incinta o sta allattando, in quanto avrai bisogno di più vitamine.

Sarà quindi fondamentale andare da un veterinario per un controllo approfondito. Il riccio è un animale che tende ad ingrassare, quindi il controllo della dieta è essenziale per non ingrassare. Se diventa sovrappeso, non sarà in grado di arrotolarsi o addirittura il grasso gli impedirà di camminare correttamente.

L’ igiene del riccio domestico

African hedgehog and white cup on gass

Dovresti lavare il tuo riccio domestico, come abbiamo visto per il bagnetto del furetto, con acqua calda e sapone per cani o gatti con un PH neutro e che non ha odore. Puoi fare il bagno al riccio ogni 2 o 3 mesi e utilizzando sempre farlo in un contenitore molto poco profondo o nel lavandino del bagno.

Per iniziare a fare il bagno devi tenerlo su una delle mani e, con l’altra, versare un po’d’acqua calda sul corpo molto lentamente. Al riccio piace nuotare, quindi, se vedi che si sente a suo agio, lascialo divertire in acqua prima di fare il bagno.

Ma non lasciarlo da solo, fa attenzione al livello dell’acqua in modo che non copra la testa. Prendi un asciugamano adatto alle sue dimensioni e uno spazzolino ad uso esclusivo per il tuo riccio, in modo da pulire bene le punte degli aculei.

Tieni presente che il tuo riccio può spaventarsi o fare resistenza all’acqua, per evitare di avere paura, è meglio riempire il contenitore con acqua prima di iniziare il bagno al tuo animale domestico.

È anche possibile che il riccio, mentre fa il bagno, possa defecare ed è un comportamento abbastanza normale. Se preferisci evitarlo, fai il bagno al riccio prima che mangi.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI