Home Non solo Cani e Gatti La tartaruga: la cura e la pulizia dell’acqua

La tartaruga: la cura e la pulizia dell’acqua

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57
CONDIVIDI

Mantenere pulito l’acquario è essenziale per la salute del tuo animale domestico.Sai con che frequenza viene cambiata l’acqua di una tartaruga? La cura e la pulizia dell’acqua della tartaruga è fondamentale.

tartarughe
Tartarughe in vasca(Foto da Getty Images)

Una tartaruga trascorre gran parte della sua vita all’interno dell’acquario, immerso in acqua o facendo un bagno di sole nella zona asciutta del contenitore. Pertanto, prendersi cura di questa igiene è essenziale. Altrimenti, la tua tartaruga potrebbe sviluppare problemi respiratori e malattie.

Tieni presente che questi rettili sono al di fuori del loro habitat e che qualsiasi disattenzione da parte tua può diventare un problema di salute. Ma quanto spesso è necessario cambiare l’acqua dell’acquario? Come è possibile sapere se è sporco o pulito? Scoprilo nei paragrafi successivi.

Differenza tra acquari senza filtri e con filtri

pesci acquario
Negozio di animali, acquari e acquaterrai

La periodicità con cui devi cambiare l’acqua del tuo acquario dipende da diversi fattori: la dimensione di questo, il numero di tartarughe che vivono in esso. Normalmente, l’acqua di un acquario di medie dimensioni in cui non è stato installato un filtro inizia a diventare sporca dopo una settimana. 

Il modo migliore per verificarlo è attraverso una semplice osservazione: i resti di cibo e rifiuti prodotti dalla tua tartaruga si accumulano normalmente sul fondo dell’acquario e sono perfettamente visibili. Se hai un grande acquario e diverse tartarughe all’interno, potresti voler installare un filtro.

Il problema principale per la maggior parte degli amanti delle tartarughe acquatiche è proprio riuscire a mantenere per diverse settimane, o addirittura mesi, un’acqua limpida e inodore, sinonimo di buona salute delle tartarughe.  Abbiamo scoperto che la qualità dell’acqua gioca un ruolo decisivo per la salute dei suoi residenti e potremmo andare anche a rileggere il nostro articolo su: come allevare una tartaruga d’acqua dolce.

Dopo molti anni di test, discussioni con persone competenti nel campo dell’hobby dell’acquario, si è trovato un tipo di filtro con diversi tipi di masse di filtraggio che hanno la loro efficienza. Prima di entrare nei dettagli della costruzione di un tale filtro, meglio ricordare alcuni principi di base per il corretto mantenimento delle tartarughe acquatiche:

  • Scegli una specie in base allo spazio disponibile.
  • Non sovraccaricare l’acquaterrario.
  • Conoscere bene le caratteristiche delle specie scelte.
  • Preparare le strutture prima di acquisire le tartarughe maschio o femmina che siano.
  • Chiedi consiglio ad allevatori qualificati.
  • Non alimentare eccessivamente gli animali.

Cura e pulizia dell’acqua della tartaruga: acquario senza filtro

tartarughe manutenzione dell'acqua
Tartarughe manutenzione dell’acqua (Foto da Pixabay)

Oltre a sapere con quale frequenza viene cambiata l’acqua di una tartaruga d’acqua dolce, bisognerebbe conoscere anche alcune regole di base per la pulizia dell’acquario. Quando si svuota l’acquario, è possibile cogliere l’occasione per pulire le sue pareti e il suo fondo con un setaccio e i prodotti adeguati alla pulizia di esso

Se si preferisce aggiungere candeggina, successivamente prestare particolare attenzione al risciacquo e assicurarsi che non vi restino tracce di questo prodotto, in quanto tossico. E, durante tutto il processo, tieni la tartaruga in un luogo sicuro, lontano dagli artigli di qualsiasi predatore domestico.

Cura e pulizia dell’acqua della tartaruga: acquario con filtro

Esempio di terracquario
Acquaterrario per tartarughe di acqua

Iniziamo con la descrizione completa di un acquario, capire come è composto per poi passare alla manutenzione.

  • Dimensioni dell’acquario: L = 1 m, l = 0,7 m, h = 0,4 m per 2-3 tartarughe adulte. L’altezza dell’acqua dipende dalla dimensione delle tartarughe (30 cm per le tartarughe adulte)
  • Disposizione dell’acquario: filtrazione richiesta – Fornire aree prendisole, fuori dall’acqua.
  • Sorgente luminosa: un neon porta luce – un punto 60W a 30 cm sopra la spiaggia per prendere il sole è una fonte di calore –
    Riscaldamento dell’acqua: la temperatura dell’acqua deve essere mantenuta a 22-24 ° C per gli esemplari giovani. Il riscaldamento può essere rimosso quando le tartarughe hanno raggiunto una dimensione di 10 cm.
  • Tenere l’acquario lontano da correnti d’aria.

Tipi di filtrazione

Il vostro acquario, per piccolo che sia, è un sistema in continuo cambiamento: gli animali e vegetali che lo abitano producono continuamente materiali di scarto che, se non è filtrato e trattato adeguatamente, porterà l’ambiente a un inevitabile collasso.
Il materiale filtrante si occupa quindi di ripulire queste sostanze nocive, immettendo di solito anche nuovo ossigeno nell’acqua. Esistono diversi tipi di filtrazioni:

1) Filtrazione meccanica  : realizzata con schiume sintetiche, elimina tutti i corpi sospesi nell’acqua (rifiuti, pezzi di piante, cibo in eccesso, ecc.) 

2)  Filtrazione biologica: fissati su supporti adeguati, i batteri trasformano i nitriti tossici in nitrati. Supporti possibili: pietre cave, “noodles” (piccoli tubi di ceramica porosa), sfere sintetiche.

3) Filtrazione chimica: rimuove gli elementi tossici dall’acqua e / o aggiungere prodotti naturali per migliorare la qualità dell’acqua. Come elemento principale della filtrazione chimica, il carbone attivo ad esempio, rimuove i prodotti tossici dall’acqua dopo un trattamento medico. Il carbone attivo non deve entrare nella composizione permanente del filtro, ma solo ed esclusivamente se necessario.

Fai attenzione: se lasci il carbone attivo in un filtro troppo a lungo, rifiuterà tutti i prodotti che ha assorbito in precedenza.

Tipi di filtro

1)  Filtri interni  : hanno la forma di un dispositivo cilindrico agganciato a ventose in un angolo interno del vassoio e collegato a una presa elettrica. Questi filtri sono comunemente utilizzati in serbatoi di capacità medio-piccola (meno di 150 litri).Generalmente realizzato in plastica, l’acqua compie un percorso attraverso vari materiali (cannolicchi, spugna, carbone, lana, resine, torba) per poi tornare, purificata, nell’ambiente.

2)  Serbatoio di sedimentazione : sono attualmente forniti di serie con acquari di capacità media. Questi filtri utilizzano gli stessi principi di funzionamento dei filtri per interni, ma possono avere diversi strati di filtro (schiume, pietre, perlon). Il serbatoio di sedimentazione occupa un lato del serbatoio.

Una pompa aspira l’acqua dalla base del sistema e la riporta in superficie facendola passare attraverso diversi strati di materiale filtrante. Questo sistema consente una filtrazione più completa rispetto a un filtro interno convenzionale. Fai attenzione: copri bene questo filtro per evitare che le tartarughe (specialmente quelle giovani) rimangano intrappolate o schiacciate dall’elica.

3)  Filtro esterno: consentono di controllare bene la filtrazione, avendo una serie di scomparti per ogni natura di massa filtrante. L’acqua viene aspirata dall’acquario, portata nel filtro posto sotto l’acquario e restituita ad esso una volta purificata.

Questi filtri sono molto silenziosi e facili da mantenere: basta chiudere i rubinetti dell’acqua e portare il filtro in un lavandino. Sono generalmente più costosi dei filtri per interni, ma alcuni possono incorporare un sistema di riscaldamento dell’acqua e un sistema semi-umido che promuove lo sviluppo di batteri.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

La riproduzione delle tartarughe d’acqua: accoppiamento e nascita

Parassiti nelle tartarughe: quali sono e come riconoscerli

Il letargo delle tartarughe di terra: ecco cosa fare

La tartaruga si risveglia dal letargo: cosa fare e cosa evitare

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI