Home Non solo Cani e Gatti La tartaruga può mangiare ananas? Rischi e benefici di questo frutto

La tartaruga può mangiare ananas? Rischi e benefici di questo frutto

Dal sapore dolce e aspro, questo frutto esotico è ricco di numerosi nutrienti. Ma la tartaruga può mangiare ananas? Scopriamolo.

la tartaruga può mangiare ananas
(Foto Pinterest)

Chi decide di adottare una graziosa tartaruga non può non porsi una domanda importantissima per la sua salute: cosa può mangiare la tartaruga in sicurezza e cosa invece deve evitare?

Sappiamo bene che la sua dieta è prevalentemente fatta di erbe, foglie, verdure e ortaggi, il più variegata possibile, ma c’è un 6% nella sua alimentazione che abbraccia la frutta: da farle mangiare moderatamente, come gustosa merenda di tanto in tanto.

In quel 6% però non rientrano tutti i frutti, infatti ce ne sono alcuni che sono altamente sconsigliati, come gli agrumi. Questi contenendo un alta percentuale di acido citrico se assunti dalla tartaruga andrebbero ad irritare il suo stomaco: vomito, diarrea e problemi più gravi all’intestino ne sono le conseguenze.

Ma l’ananas? Frutto esotico, dal sapore aspro e dolce e dalla “figura” che non passa inosservata, scopriamo se la tartaruga può mangiare ananas e quali sono i benefici e i rischi per la sua salute.

La tartaruga può mangiare ananas?

La frutta è presente nell’alimentazione della nostra amica testuggine ma in piccolissima percentuale: sono da evitare tutti gli agrumi, come arance, mandarini, pompelmi, e sono da preferire tutti gli altri, come banane, mele e fragole, ma solo in piccole quantità e saltuariamente, una volta a settimana (come dolce e gustoso premio) è più che sufficiente.

ananas e frutta alla tartaruga
(Foto Pinterest)

Rientra in quest’ultima “categoria” anche l’ananas, quindi quando ci chiediamo se la tartaruga può mangiare ananas la risposta è si, ma moderatamente.

Frutto “dall’aspetto unico” e dal sapore inconfondibile, l’ananas priva di grassi, quindi alimento dalle pochissime calorie, contiene numerosi nutrienti:

  • bromelina che si trova maggiormente nel suo gambo, ma anche nella buccia e nella polpa: enzima proteolitico la cui funzione è quella di digerire le proteine. Ma ha anche proprietà digestive, diuretiche e antinfiammatorie ed inoltre migliora la funzionalità muscolare;
  • acqua, per l’85%: depura l’organismo, favorendo l’eliminazione delle tossine e la diuresi (proprietà depurative e disintossicanti);
  • fibre solubili e insolubili: le quali facilitano la digestione, supportando l’organismo in caso di diarrea (proprietà digestive);
  • betacarotene: sostiene l’efficienza del campo visivo;
  • vitamine, come la vitamina A e quelle del gruppo B, ma la più presente è la vitamina C: dalla funzione antiossidante, quest’ultima è importante per il sistema immunitario, ed anche per l’assimilazione del ferro;
  • minerali: come il magnese e il potassio, quest’ultimo utile per la regolazione della pressione arteriosa, per il mantenimento dell’equilibrio idro-salino e valido alleato per i muscoli;
  • senza dimenticare il rapporto favorevole tra calcio e fosforo: ciò sostiene notevolmente la salute della testuggine

Grazie a tutti questi nutrienti possiamo affermare che l’ananas è un naturale antiossidante (rallenta e diminuisce la degenerazione dei tessuti dell’organismo), un efficace antitumorale, sostiene il sistema immunitario e il sistema cardiocircolatorio.

Inoltre supporta il benessere muscolare, ha proprietà drenanti, depurative, disintossicanti, antinfiammatorie e proteolitiche. E farla mangiare alla tartaruga risulta essere molto benefico per il suo organismo, ma solo se somministrata moderatamente.

Come mai? In quanto il sistema digestivo della tartaruga non riesce a far fronte agli zuccheri e all’acido citrico presenti all’interno dell’ananas.

Infatti se assunta in dosi massicce potrebbe creargli diversi disturbi intestinali, tra cui vomito e diarrea, ed altri molto più gravi, inoltre potrebbe persino sviluppare parassiti nel tratto digestivo.

Ma non finisce qui: vista la presenza di “foglie” nella dieta sana ed equilibrata della tartaruga molti si chiedono se possono far mangiare alla propria testuggine anche le foglie dell’ananas.

La risposta a questa domanda è identica alla precedente: si, ma moderatamente e avendo cura di eliminare le parti affilate, in quanto potrebbero ferire la bocca della nostra testuggine.

Potrebbe interessarti anche: La tartaruga può mangiare frutta? Benefici e rischi per le nostre amiche

Come e in quali quantità dare ananas alla tartaruga

Abbiamo visto che l’ananas, oltre ad essere un frutto fresco e dolce, è ricco di nutrienti che fanno bene all’organismo della tartaruga, ma solo se mangiata moderatamente, seguendo delle piccole ma importanti indicazioni.

tartaruga
(Foto Pinterest)

Se vogliamo far mangiare l’ananas alla nostra testuggine per la prima volta è importante offrirgliela “lentamente” ed in piccolissime quantità. Cominciando in questo modo riusciremo a comprendere come reagisce il suo organismo a questo nuovo alimento, assicurandoci che non le crei nessun disturbo al tratto digestivo.

Se una volta ingerita non evidenziamo “strani comportamenti” o sintomi, soprattutto intestinali come vomito o diarrea, allora possiamo star certi che una volta ogni tanto possiamo addolcire il suo palato con l’ananas. Ma come dare l’ananas alla tartaruga?

  • Possiamo offrirgliene pezzettini direttamente dalle nostre mani: in questo modo intensificheremo il legame con la nostra tartaruga;
  • mettiamo alcuni pezzettini di ananas in una ciotola: sarà lei a mangiarla quando vuole e soprattutto nelle quantità che desidera;
  • offriamo alla tartaruga ananas mista ad altri frutti, magari con mela e banana: una fresca macedonia sarà in grado di potenziare, e soprattutto migliorare, la diversità di minerali e vitamine nella dieta della nostra testuggine.

La nostra piccola amica ha un stomaco molto delicato, zuccheri e acido citrico se assunti in grosse quantità le causano problemi digestivi quindi: ananas si ma in pochissime quantità e non più di una volta ogni due settimane.

La dieta della tartaruga deve essere sempre variegata, non solo in merito ad erbe, foglie e verdure ma anche quando si parla di frutta, anzi soprattutto quando si parla di frutta.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Rossana Buccella