Home Non solo Cani e Gatti Tigna nel porcellino d’India: le cause, i sintomi e la cura

Tigna nel porcellino d’India: le cause, i sintomi e la cura

Tigna nel porcellino d’India: un’infezione che colpisce pelo, pelle e unghie. Vediamo di che tipo di infezione si tratta e come curarla.

Porcellino d'India nelle mani del veterinario
Tigna nel porcellino d’India. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Data l’enorme presenza di porcellini d’India, come animali domestici, nelle famiglie di tutto il mondo, diventa necessaria una conoscenza più approfondita in merito al comportamento e alle malattie di questo simpatico roditore.

Tra le malattie, anche se forse è quello meno diffusa, in questo articolo ci occuperemo della tigna nel porcellino d’India.

La tigna, come dicevamo, per quanto rara in questo animaletto, tende ad ogni modo a manifestarsi in animali giovani o più anziani, gravidi o con un sistema immunitario compromesso.

Vediamo, quindi, cosa causa questa condizione, quali segnali si manifestano e come curare la cavia affetta.

Cause della tigna nel porcellino d’India

La principale causa di tigna nella cavia è l’organismo Trichophyton mentagrophyte.

porcellino d'India
Porcellino d’India in cura. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Si tratta di un organismo zoonotico, il che significa che può essere trasmesso dagli animali all’uomo (e viceversa) attraverso il contatto diretto o il contatto con un ambiente contaminato.

La tigna può verificarsi nella cavia stressata, perché tenuta in un ambiente sovraffollato o in un ambiente non igienicamente adatto a roditori.

Tale organismo è presente nel suolo e può essere trasportato da animali o esseri umani.

Tuttavia, non è il solo portatore di tigna nel porcellino d’India, anche altri microrganismi meno comuni possono esserne causa nelle cavie, e sono: Trichophyton behamiae e Microsporum canis.

Sintomi

I segnali che si manifestano nella cavia colpita da tigna si individuano prettamente sul corpo e riguardano per lo più pelle e pelo del porcellino d’India.

I sintomi dell’infezione nel porcellino d’India, possono includere:

  • croste ai margini delle lesioni;
  • infezioni del letto ungueale (rare nelle cavie);
  • macchie irregolari di perdita di pelo;
  • macchie pruriginose o non pruriginose a seconda delle infezioni secondarie;
  • pelo ruvido;
  • rossore o infiammazione su viso, piedi e tronco/dorso.

Potrebbe interessarti anche: Il porcellino d’India non si muove abbastanza: come evitare che diventi troppo sedentario

Diagnosi

Per poter diagnosticare la tigna nella cavia, il veterinario dovrà eseguire dei test specifici sull’animale.

cavia
Cavia a controllo. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Partirà, quindi da uno studio citologico, o analisi cellulare del pelo.

Tale studio, avviene strappando una piccola parte di peli, per poi guardarli al microscopio per individuare lieviti, batteri, acari/pidocchi, altri parassiti e spore di funghi/dermatofiti dentro e sopra il fusto del pelo.

Per confermare la tigna, il veterinario dovrà eseguire una coltura fungina con un campione di pelo che verrà poi lasciato per almeno 10-21 giorni in coltura per vedere se il fungo cresce.

Un altro test, capace di individuare la presenza di tigna, è il PCR che analizza i peli per cercare il DNA fungino.

I risultati di questo test, rispetto all’altro arrivano molto più velocemente, come infatti sono disponibili in 3-5 giorni.

Infine, potrebbe eseguire anche la biopsia della pelle e il test per l’infezione fungina, ma spesso non è indispensabile.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Trattamento della tigna nel porcellino d’India

Stabilita la diagnosi di tigna, il veterinario potrà procedere con la somministrazione di antimicotici orali o antimicotici topici (shampoo o spray).

Il trattamento può durare da 1 a 6 settimane, a seconda della terapia scelta.

Nel frattempo, durante e dopo la cura, è fondamentale migliorare le condizioni igienico-sanitarie dell’ambiente e della gabbia del porcellino d’India.

Disinfettare le superfici dure e la gabbia una volta alla settimana anche per prevenire la reinfezione.

Ridurre lo stress e predisporre la quarantena per tutti i nuovi esemplari, che si vogliono introdurre, per 30 giorni prima di inserirli e consentire loro il contatto.

Infine, offrire del fieno di buona qualità, pellet commerciali e integratori di vitamina C. per porcellino d’India.

Ricordatevi sempre di lavarvi le mani dopo la manipolazione o eventualmente indossate i guanti durante il processo di trattamento.