Home Cani Adottare un Bovaro dell’Entlebuch: pro, contro e padrone ideale

Adottare un Bovaro dell’Entlebuch: pro, contro e padrone ideale

Adottare un Bovaro dell’Entlebuch: 2 contro

Magari vi sono alcune caratteristiche del Bovaro dell’Entlebuch che poco si adattano al nostro stile di vita: non si tratta di difetti, bensì di caratteristiche che potrebbero creare problemi ad alcuni padroni.

Bovaro dell'Entlebuch

Distruttivo ma solo se…

Non è un cane che si agita facilmente, eppure potrebbe mostrarsi molto insofferente in alcune occasioni, come ad esempio: lo stare da solo chiuso in casa per tante ore oppure se la noia prende il sopravvento.

Facciamo in modo da regalargli sempre del tempo ma soprattutto di trovargli una occupazione, altrimenti la nostra casa potrebbe finire distrutta sotto le sue zampe.

Goloso, anche troppo

Facciamo attenzione a quello che mangia ma soprattutto a quanto ne mangia. E’ un cane molto goloso e potrebbe facilmente rubarci il cibo da sotto agli occhi, con gravi possibili conseguenze per la sua salute (in primis il rischio di obesità canina).

Potrebbe interessarti anche: Scopri qui tutto sulla cura del pelo del Bovaro dell’Entlebuch

Adottare un Bovaro dell’Entlebuch: il padrone ideale

E come dovrebbe essere il suo umano ideale? Non basta che gli dia solo attenzioni, ma dovrà anche essere attento a tutte le sue esigenze. Sicuramente è più adatto a dei padroni sportivi e che amano fare attività fisica all’aria aperta.

Bovaro dell'Entlebuch
Esemplare di Bovaro dell’Entlebuch

E’ adatto alle famiglie con bambini, con i quali può giocare, mentre potrebbe risultare troppo ‘impegnativo’ per i padroni più anziani o sedentari. Se siamo padroni troppo impegnati con il lavoro o che sono spesso in viaggio, facciamo in modo da portarlo sempre con noi (quando possibile). D’altra parte le sue piccole dimensioni ben si prestano ai viaggi.

Vivere in appartamento o in condominio non sarà un problema poiché non abbaia molto e non si allontana quasi mai dalla sua casa, però certo è importante farlo uscire e non farlo sentire ‘prigioniero’.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino