Home Cani Alimentazione Cani Alimentazione del Bolognese: cosa mangia, cibi, dosi e rischi

Alimentazione del Bolognese: cosa mangia, cibi, dosi e rischi

Cosa dovrebbe mangiare e cosa evitare nell’alimentazione del Bolognese? Tutte le informazioni utili sulla sua dieta.

Alimentazione del Bolognese
(Foto Pixabay)

Cosa dare da mangiare a questo batuffolino bianco? Il suo stomaco potrebbe essere più delicato di quanto pensiamo: ecco tutto quello che c’è da sapere sull’alimentazione del Bolognese, sulle dosi e le porzioni di cibo da somministrargli nel corso della giornata. Inoltre qualche consiglio utile per evitare rischi per la sua salute.

Dieta del Bolognese? Non difficile ma necessaria

Potreste dire: tutti i cani hanno bisogno di mangiare. Assolutamente sì, ma ve ne sono alcuni (come gli esemplari di razza Bolognese appunto) che ne hanno bisogno più di altri, data la loro costante voglia di attività fisica.

Bolognese
(Foto Pixabay)

Per mantenere alto il suo livello di energie, questo cane mangia tanto ma non tutto: questo sarà importante per il padrone, che non avrà grosse difficoltà nel trovare il cibo che gli piace di più, se di ottima qualità.

Ovviamente, se non siamo molto esperti, meglio farsi consigliare dal nostro veterinario di fiducia, il quale saprà darci sicuramente consigli più specifici anche in base all’età e allo stato di salute del nostro amico a quattro zampe.

Alimentazione del Bolognese: cibi adatti (e quelli da evitare)

Pare che questa razza vada matta per le crocchette, ovviamente se di ottima qualità. Sarà dunque anche più semplice per il padrone gestire le porzioni e preparargli la ciotola col pasto da somministrare.

Ma ciò non vuol dire che tutto il cibo secco andrà bene per lui; anzi in alcuni casi il cane potrebbe avere problemi anche piuttosto evidenti. Si tratta di quelle antiestetiche macchie marroncine che si formano sotto ai suoi occhi.

I cani dal pelo bianco sono particolarmente soggetti a questo tipo di problema, che può avere anche altre due cause oltre all’alimentazione, ovvero un’igiene non accurata degli occhi e una ostruzione (o infiammazione) dei dotti lacrimali.

I cibi da evitare quindi dovrebbero essere, secondo alcuni esperti, quelli a base di crostacei, mais e salmone che contengono pigmenti naturali coloranti. In termini di ‘cibi’, meglio evitare quindi pesci dell’Oceano e carne di volatili.

Potrebbe interessarti anche: Ecco come dovresti stimolare l’appetito del tuo cane-VIDEO 

Alimentazione del Bolognese: dosi e quantità

Col tempo e con l’esperienza vi sarà chiaro probabilmente che non è un cane che si ‘accontenta’ di tutto ciò che gli si presenta come pasto. Ma se qualcosa gli piace, non avrà alcuna difficoltà a consumarne anche in grandi quantità.

Bolognese
(Foto Pinterest-dogalize.com)

Un cane cucciolo di Bolognese non dovrà magiare quanto un esemplare adulto naturalmente: se da piccolo infatti sarà meglio dargli da mangiare tre volte al giorno, quando crescerà ne basteranno due di pasti giornalieri.

Le porzioni di cibo per un cucciolo meglio se non superano i 120 gr a porzione. Da adulto però il secondo pasto della giornata, quello serale, potrà arrivare fino ai 180 gr. Ma attenzione a non dargliene tutto insieme perché potrebbe divorarlo e sentirsi male (col rischio di torsione gastrica nel cane).

Potrebbe interessarti anche: Tantissime idee per i nomi dei cani bianchi maschi e femmine 

Quali sono i rischi e i consigli per la dieta del Bolognese

Come gran parte dei cani piccoli e di ‘buona forchetta’, il rischio maggiore è quello dell’obesità canina. Questo pericolo si può ‘evitare’ con un’alimentazione corretta e con tanto esercizio fisico, magari all’aria aperta e in compagnia del suo umano preferito.

Cucciolo di Bolognese
(Foto Pixabay)

Dalla dieta dipenderà anche lo stato di salute fisico e del pelo: per questo è importante sempre scegliere il cibo di migliore qualità. Inoltre è sempre meglio variare i cibi e, se optiamo per una dieta casalinga, mai dargli gli avanzi.

Evitiamo anche cibi dolci, con troppi zuccheri e le ossa che potrebbero facilmente soffocarlo o causargli comunque problemi di respirazione.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino