Home Cani Alimentazione Cani Alimentazione del Foxhound inglese: tutto dai cibi ai rischi della dieta

Alimentazione del Foxhound inglese: tutto dai cibi ai rischi della dieta

Cosa è meglio dargli da mangiare e come regolarci con le porzioni per questo cane? Tutto sull’alimentazione del Foxhound inglese.

Alimentazione del Foxhound inglese
(Foto AdobeStock)

E’ tutto pronto per il suo arrivo; cuccia e accessori vari sono stati acquistati ma non è che forse stiamo tralasciando il particolare più importante? Cosa daremo da mangiare al nostro Fido di razza una volta che arriverà a casa? Poiché non dovrà essere assolutamente una scelta scontata, ecco qual è la migliore alimentazione del Foxhound inglese, come ci si dovrà regolare con le porzioni e quali sono i rischi da prevenire (ed evitare) legati alla sua dieta.

Alimentazione del Foxhound inglese: la scelta dei cibi

Ma quali sono i cibi migliori da somministrare al nostro amico a quattro zampe? Potrebbe sembrare una scelta semplice ma in realtà nasconde diverse insidie, soprattutto se consideriamo che alla base della sua salute vi è una dieta sana, equilibrata e studiata per le sue esigenze.

Foxhound inglese
(Foto AdobeStock)

Sia che opteremo per un cibo casalingo sia per uno di tipo industriale, sarà importante considerare gli elementi che non dovranno mai mancare:

  • proteine,
  • acidi grassi,
  • glucidi,
  • vitamine etc.

Si potrebbe scegliere di provvedere da soli al cibo del cane, soprattutto quando è cucciolo, è affidarsi ad una Dieta BARF: di fatto si tratta di un carnivoro, ma attenzione non solo alle porzioni (i pezzi potrebbero essere troppo grossi e soffocarlo) ma anche alla qualità, perché se non sverminata correttamente potrebbe diventare molto pericolosa.

Se optiamo per un secondo tipo di dieta casalinga, e dunque un pasto composto anche da cibi cotti, bisognerà regolarsi con un terzo di carne o pesce, riso e verdure (più altri integratori e vitamine).

Infine vi è la scelta più ‘comoda’ anche per il padrone, quella appunto di affidarsi al cibo industriale per il nostro Foxhound inglese: le crocchette non solo saranno semplici da dividere in porzioni ma soprattutto sono studiate per essere bilanciate sulle esigenze del nostro cane. Inoltre è innegabilmente la scelta più pratica ed economica di quelle proposte finora.

Alimentazione del Foxhound inglese: le dosi giuste

Ma quanto dovrà mangiare il nostro cagnolino? Anche questa non è assolutamente una domanda da sottovalutare: le porzioni infatti vanno studiate (con l’aiuto del veterinario) sulla base delle esigenze dell’esemplare fin da quando è cucciolo.

Foxhound inglese
(Foto AdobeStock)

Fino alle 8 settimane sarà mamma cagna a provvedere al suo nutrimento, ma dai due mesi in poi e fino ai 6, sarebbe meglio regolarsi sui 3-4 pasti al giorno. Poi potremmo dividere le porzioni in due momenti della giornata fino ad arrivare ad una sola per l’esemplare adulto.

Attenzione però a valutare anche lo stile di vita del nostro Foxhound inglese, poiché nei periodi di caccia, quando appunto ci sarà un dispendio di energie maggiore, è opportuno fare delle modifiche: chiediamo sempre consiglio al nostro veterinario di fiducia, senza prendere autonomamente delle decisioni così importanti.

Potrebbe interessarti anche: Il cane può mangiare la carne macinata? Cosa è importante sapere

I rischi legati alla dieta del Foxhound inglese

Ebbene sì: si possono commettere errori non solo nella scelta delle dieta più adatta al nostro cane e al suo stile di vita ma anche in base alle porzioni o alla quantità di nutrienti. Potremmo infatti scegliere un cibo magari troppo poco proteico o uno che non copra il suo fabbisogno giornaliero, potremmo dargliene troppo o troppo poco, col rischio che non ne ricavi abbastanza forze ed energia.

Potrebbe interessarti anche: Scopri qui la ricetta per le crocchette per cani con carne e verdura: piatti veloci e sani

Insomma per questo è fondamentale affidarsi al parere di un esperto non solo per la scelta degli alimenti ma anche per dei consigli su come cucinarli e come variare le porzioni in base all’età, al sesso e allo stile di vita del nostro Fido.