Home Cani Perché il cane indietreggia? Impariamo il linguaggio del corpo

Perché il cane indietreggia? Impariamo il linguaggio del corpo

Perché il cane indietreggia, quali sono le spiegazioni di questo comportamento? Impariamo a riconoscere i segnali del corpo del cane.

cane indietreggia
(Foto AdobeStock)

Gli animali con i loro comportamenti ci sorprendono sempre, in particolare il cane con i suoi gesti alquanto bizzarri è capace sempre di stupirci.

Nulla però è lasciato al caso, dietro al comportamento di Fido c’è sempre una spiegazione.

Questo perché il cane non avendo mani e dono della parola, ricorre all’utilizzo del suo corpo per poter comunicare con il suo padrone e con gli altri animali.

Perciò se decidi di adottare un cane è fondamentale imparare a conoscere il linguaggio del corpo del tuo amico a quattro zampe.

In questo articolo andremo a capire il perché il cane indietreggia. Cosa vuol farci capire e cosa possiamo dedurre dal suo linguaggio del corpo.

Perché il cane indietreggia

lite tra cani
(Foto AdobeStock)

Un cane in ansia che ha paura o ha dolore potrebbe avere reazioni scomposte e incontrollate, come ad esempio la condizione in cui il cane indietreggia, fino a mettere le zampe anteriori su quelle posteriori.

In questo caso vuol dire che qualcosa lo ha spaventato oppure che ha dolore agli arti e di conseguenza non si regge bene in piedi.

Le cause che possono generare paura e per le quali il cane indietreggia possono essere diverse:

  • incontra altri cani (dominanti);
  • nell’ambulatorio del veterinario, dove ha subito un trauma;
  • la presenza di estranei;
  • davanti a qualcosa di sconosciuto.

Un’altra spiegazione del perché il cane indietreggia, come accennavamo, può essere una patologia agli arti, ragion per cui non reggono il peso del corpo del cane e va ad andare indietro.

Le malattie possono essere:

Potrebbe interessarti anche: Poliartrite immuno-mediata nel cane: cause, sintomi e cura

Linguaggio del corpo: i gesti più comuni del cane

Il cane fa di tutto per farsi capire grazie ad un linguaggio del corpo piuttosto complesso ma che una volta apprese tutte le posture e le combinazioni del corpo dell’animale, risulterà semplice e soprattutto utile.

Purtroppo non basterà saper distinguere una postura dominante da una sottomessa, ma occorrerà saper interpretare le diverse parti del corpo che il cane utilizza, ad esempio:

  • il tronco: il tronco del cane ci aiuta a capire il significato della postura che nel caso specifico del gioco è rilassata e perciò il cane mostra testa, petto e zampe anteriori dirette verso terra e la coda alzata. In caso invece di conflitto fisico, il cane dominante assume un’aggressività offensiva, mostra i denti, drizza il pelo sopra il dorso e pone le zampe posteriori ben distanziate. Mentre nell’atto in cui si difende il cane mantiene una postura sottomessa, mostra comunque i denti, alza il pelo non su tutto il dorso, ma solo in prossimità della testa e della coda ed evita il contatto visivo diretto con il rivale;
  • le orecchie: le orecchie del cane sono lo strumento di comunicazione principale del cane, ragion per cui non andrebbero mai tagliate. Per fortuna ad oggi esistono divieti da parte della legge. Il cane utilizza le orecchie per comunicare con altri cani e anche con il proprio amico umano. Infatti le mostra dritte e ferme quando è di fronte al padrone che ascolta il comando e ciò vuol dire che è interessato a qualcuno o qualche rumore. Se invece sono ferme e tese ma mostra anche i denti e ringhia, è in fase aggressiva di attacco. Quando all’opposto sono tese ma all’indietro, il cane è spaventato vive in uno stato di ansia o di sottomissione;
  • la coda: la coda come le orecchie, purtroppo molto spesso viene tagliata, per un assurdo motivo estetico. Questo danneggia enormemente il cane durante la sua vita, in quanto è una parte importante del suo corpo con la quale è in grado di comunicare diverse necessità ed emozioni. Infatti la coda ben alzata, ci fa capire che il cane sta mostrando una certa sicurezza e autorità. Un segnale che il cane lancia principalmente in presenza di altri cani, per poter stabilire una supremazia gerarchica. Quando la coda del cane è leggermente abbassata, ma tenuta distante dalle zampe posteriori, il cane ci sta manifestando la sua serenità rispetto a situazioni o persone. Infine la coda abbassata e tenuta tra le zampe, come è noto a tutti è indice di insicurezza e paura, perciò stabilire quale sarà la sua reazione è qualcosa di poco prevedibile;
  • gli occhi: gli occhi del cane sono anch’essi fondamentali per stabilire una sorta di dialogo in particolare con il padrone ma lo usa anche con i suoi simili. Infatti quando il cane guarda fisso un suo simile, vuole imporre l’autorità e se ciò non accade può anche aggredire fisicamente. Quando invece vuole evitare lo scontro, il cane rivolge lo sguardo altrove. Il cane non ama essere guardato negli occhi, poiché legge la cosa come una minaccia e questo vale anche se a guardarlo è l’uomo.
  • la bocca: la bocca per il cane è un vero e proprio strumento con il quale ci fa capire il suo stato d’animo. Infatti la usa sia per leccare, in gesto d’affetto, sia per mostrare i denti, ringhiando e ciò vuol dire che è prossimo all’attacco. Inoltre occorre fare attenzione anche agli sbadigli che molto spesso più che sonnolenza, indicano uno stato di disagio e stress nel cane. In questi casi in cui il cane non è tranquillo e mostra denti è meglio abbassare lo sguardo, evitando di sorridere e allontanarsi lentamente, se è possibile.

Raffaella Lauretta