Home Cani Il cane ha paura del mare: come insegnargli a non temere l’acqua

Il cane ha paura del mare: come insegnargli a non temere l’acqua

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:22
CONDIVIDI

Come trascorrere una giornata in spiaggia se il cane ha paura del mare? Le mosse giuste per insegnargli a non temere l’acqua.

Il cane ha paura del mare
Il cane ha paura del mare: cause e rimedi (Foto AdobeStock)

Un cane che non sa nuotare? Può accadere di incontrarlo e può altrettanto essere facile trovare un amico a quattro zampe che non ama l’acqua, anzi che ne ha addirittura paura. Non solo per il bagno di casa, ma anche per spazi di acqua più ampi come la piscina o addirittura il mare. Come fare per passare una giornata di relax in spiaggia senza rinunciare alla compagnia di Fido? Bisogna insegnare al cane che ha paura del mare che non c’è nulla da temere, sebbene sia fondamentale stare sempre attenti e non perderlo mai di vista. Ecco quali sono le mosse giuste per fare in modo che Fido entri spontaneamente in acqua: magari gli piacerà e non vorrà più uscirne!

Potrebbe interessarti anche: Come insegnare al cane a nuotare: razze che amano e non amano l’acqua

Cane e mare: perché non è sempre amore a prima vista

Insegnare a nuotare
Insegnare a Fido che ha paura a nuotare (Foto AdobeStock)

Siamo appena arrivati in spiaggia ma, davanti a quella immensa distesa d’acqua, il nostro cane non sembra essere molto felice? Addirittura potrebbe irrigidirsi e tentare in tutti i modi di andare via. La prima cosa da fare è armarsi di pazienza: inutile forzarlo a fare quello che non vuole! Non servirebbe a nulla, se non a rovinare il rapporto di fiducia che si è instaurato tra padrone e cane. Potrebbe anche non essere il momento giusto, magari non ne ha voglia, quindi meglio aspettare un momento più propizio. E anche noi ‘istruttori’ non dobbiamo improvvisarci perché potremmo, involontariamente, mettere a rischio la vita di Fido.

Solitamente sono i gatti ad odiare l’acqua (Leggi qui: Perchè i gatti hanno paura dell’;acqua? Ecco la spiegazione!), ma a volte anche i cani non amano fare il bagno, soprattutto nell’acqua di mare. Forse perché hanno avuto qualche brutta esperienza che li ha traumatizzati, oppure semplicemente temono di perdere il controllo dei movimenti a contatto con l’acqua (Leggi qui: Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento). Altre volte può essere che debbano solo ‘prendere confidenza’: in fondo se hanno avuto solo esperienza del bagnetto a casa, è anche normale che non si tuffino spontaneamente tra le onde.

L’ideale sarebbe affidarsi ad un educatore cinofilo, sebbene potremmo riuscirci anche da soli, contando sulla conoscenza e la fiducia del nostro cane.

Potrebbe interessarti anche: Il cane può andare al mare? Una domanda importante da non trascurare

Il cane ha paura del mare: da dove iniziare

cani
Cani (Foto Pixabay)

E se iniziassimo con il cane in piscina? Magari di quelle a basso fondale e con le scale per accedervi: in questo modo l’entrata in acqua sarà graduale e Fido deciderà man mano se proseguire o tornare all’asciutto. Per fortuna in tutta Italia stanno aumentando le piscine Dog-Friendly, che accolgono noi e i nostri amici animali, con attrezzature e strutture adeguate.

L’errore più importante da evitare è non buttarlo in acqua come un ‘sacco di patate’: si traumatizzerebbe a vita e non si fiderà mai più del suo padrone, perché vivrebbe il suo gesto come un vero e proprio tradimento. Il primo passo è avvicinarsi insieme all’acqua e lodarlo ad ogni tentativo di immergere la zampa.

Il secondo passo: qualcosa che lo attiri in acqua

Cosa può attirare l’attenzione del nostro cane che ha paura del mare? Qualcosa che gli piace e a cui non sa resistere: potrebbe trattarsi del suo snack preferito ma anche del suo adorato giocattolo. Se noi iniziamo ad immergerci in acqua con qualcosa che gli piace tra le mani, non solo gli daremo il buon esempio, ma lo invoglieremo anche a venire a prenderselo. Naturalmente qualora il cane dovesse avvicinarsi, elogiamolo per il coraggio di essere entrato in acqua. Facciamo in modo da non perderlo mai di vista e di avere i piedi ben piazzati sul fondo in modo da sorreggere Fido e tenerlo fuori dall’acqua (Leggi qui: Il cane sta annegando: le 4 manovre per salvargli la vita). E’ altrettanto probabile che, afferrato lo snack o l’oggetto, il cane esca fuori dall’acqua: ci proveremo un’altra volta a trattenerlo più tempo.

Potrebbe interessarti anche: L’acqua di mare fa bene al cane? Rispondono gli esperti

Insegnare al cane a nuotare: meglio iniziare fin da piccoli

Un cucciolo sarà più propenso ad imparare a nuotare e forse sarà anche più spericolato. Sarà buono dunque portarlo al mare fin da piccolo e insegnargli con il nostro esempio a non temere l’acqua. Magari convinciamolo a giocare a palla e a fargliela raccogliere in modo che si avvicini sempre di più all’acqua. Soprattutto se il cane è piccolo, la sua salute sarà ancora più delicata: quindi assicuriamoci che sia una bella giornata calda per farlo immergere in mare e dopo asciughiamolo con cura per evitare che si raffreddi.

Imparare a nuotare significa fare sempre il bagno insieme e non lasciarlo mai da solo. Non solo dovremo mostrarci sempre tranquilli e padroni della situazione, ma anche rivolgerci a lui con un tono di voce calmo e tranquillo. Se Fido notasse in noi un atteggiamento agitato, si innervosirebbe a sua volta e tenterebbe in tutti i modi di uscire dall’acqua.

Il cane ha paura del mare: come tenerlo durante il bagno

Il cane ha paura del mare
Il cane ha paura del mare: come tenerlo in acqua (Foto AdobeStock)

Fido non ama il mare perché probabilmente l’acqua lo avvilisce e ne ostacola i movimenti. Alcuni cani infatti nuotano verticalmente e muovono le zampe anteriori, anziché quelle posteriori. In questo modo agitano l’acqua davanti al muso e se la schizzano da soli negli occhi. Proviamo ad insegnargli a muovere le zampe posteriori e ad avanzare con quelle in acqua. Se dovesse sbagliare non sgridiamolo e non mortifichiamolo: il cane se ne accorgerebbe!

Proviamo a tenere la nostra mano sotto al cane e sosteniamo il suo corpo per tutta la durata della nuotata. Di certo inizierà istintivamente a muovere le zampe e si calmerà man mano. L’importante è non lasciarlo mai solo e che lui si senta tranquillo della nostra presenza.

Quando il cane si renderà conto di riuscire a restare a galla da solo inizierà a nuotare, e anche con molta naturalezza. Questo non vale per tutti: potrebbe anche accadere che Fido scappi accanto alla macchina in attesa che il padrone si decida ad andare via ‘da quel posto’. Se però non scappa terrorizzato è probabile che con qualche piccolo incitamento da parte nostra si immerga di nuovo in acqua.

Francesca Ciardiello