Home Cani Salute dei Cani Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento

Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:03
CONDIVIDI

Un trauma nel cane può scatenare una serie di complessi eventi e comportamenti particolari. Anche se si tratta di un evento isolato, non va sottovalutato.

Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento
Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento (Foto Pexels)

I cani trovano certi incontri così memorabili che l’apprendimento avviene anche attraverso una singola esperienza, specialmente se è qualcosa di nuovo, intenso, sorprendente o incredibilmente gratificante. Spesso, tuttavia, una singola esperienza traumatica provoca preoccupazione, ansia o fobie di lunga durata. Come comportarsi in questi casi, in quanto padroni di un cucciolone spaventato e ansioso? Come riconoscere i segni di stress legato a un trauma nel cane, e risolvere quanto possibile il suo problema?

Apprendimento tramite gli eventi

sguardo pieno di paura (Foto Pixabay)
Lo sguardo pieno di paura di un cane spaventato. (Foto Pixabay)

Gli eventi che insegnano al nostro cucciolone possono essere di tanti tipi, e alcuni saranno divertenti, ma purtroppo altri saranno negativi. Come per noi umani, a volte basta un solo evento negativo per influire sulla personalità, sul comportamento e sui livelli di stress dei nostri amici pelosi.

Eventi che risultano divertenti per il nostro cane:

  • Guardare sotto un cespuglio particolare, dopo aver trovato lì una volta un intero panino al tacchino
  • Controllare una particolare grondaia o uno scarico delle acque, dopo aver visto un velocissimo topo entrare o uscire da esso
  • Guardare sotto quell’unico albero dopo che uno scoiattolo ne è venuto fuori come un dono degli dei dell’albero
  • Diventando un avido osservatore del tavolo da pranzo, dopo essere riuscito a strappare da quella miniera d’oro uno snack
  • Lasciare uscire se stesso e tutti gli amici canini nel cortile, dopo essere riusciti ad aprire la porta senza aiuto di un umano

Eventi che risultano non divertenti:

  • Essere nervosi con i bambini dopo essere stati trattati in modo approssimativo o essere stati colpiti da un bambino
  • Sentirsi diffidenti nei confronti di un membro della famiglia specifico, che una volta ha calpestato o inciampato il cane
  • Rifiutare un alimento specifico, perché una volta era associato a un farmaco di prescrizione che causava nausea
  • Evitare un punto, o camminare con attenzione in quello specifico luogo, dopo che ha fatto scivolare o cadere il cane una volta
  • Sviluppare problemi di addestramento dopo aver sentito un rumore improvviso e forte mentre imparava qualcosa di nuovo

Amy Cook, consulente di comportamento del cane certificata, spiega che siamo programmati per imparare rapidamente, e modificare altrettanto rapidamente il nostro comportamento da quelle cose che potrebbero essere un pericolo. Se abbiamo intenzione di imparare da qualcosa che accade una sola volta, e quel qualcosa modifica in modo massiccio il nostro comportamento ogni volta che si presenta, di solito deve essere un evento piuttosto drammatico che ha scatenato il trauma nel cane.

Cook aggiunge che i cani in genere vedono tali esperienze nel contesto. Ecco perché i cani spesso si concentrano sul singolo luogo in cui si è verificata una lesione, o perché i cani che trovano cibo sotto un cespuglio non controllano ogni macchia di arbusti ma solo quel singolo cespuglio.

Alcuni cani particolarmente vulnerabili possono sviluppare ansia generalizzata da una singola esperienza negativa. Questo è il motivo per cui non vogliamo che accadano cose drammatiche ai cani: perché non possiamo prevedere quali cuccioloni siano vulnerabili in modo particolare che vengono influenzati dal trauma nel cane.

Aiutare i cani a recuperare

cane anziano perde pelo
Come far recuperare Fido da un trauma del cane (Foto Unsplash)

Si può avere la tentazione di combattere le cose che spaventano in un testa a testa. Il dottor Cook  avverte, tuttavia, che probabilmente non cambierà lo stato emotivo del cane in quel momento particolare in cui il nostro pelosetto ha paura.

Invece, dobbiamo far uscire il cane dalla situazione spaventosa e fare un piano per lavorare su quelle preoccupazioni in un ambiente controllato, dove possiamo dettare noi l’intensità in modo che la cosa spaventosa sembri più piccola per il cane. Ad esempio, passare l’aspirapolvere per un breve periodo in un’altra stanza, con la porta chiusa per attutirne il suono.

Dopo aver ridotto la causa scatenante del trauma nel cane ad una bassa intensità e a una certa distanza, usiamo le ripetizioni e le ricompense con cibo o giocattoli di alto valore per il cane, per insegnare nuove risposte. Un semplice premio in cibo e una ripetizione singola non sono sufficienti.

Fondamentale per risolvere il trauma nel cane è una grande cautela. La nostra risposta umana è supporre che i cani si abitueranno semplicemente a qualcosa se mostriamo loro che non fa paura. Ma Cook afferma che queste esposizioni, specialmente se ripetute senza il riconoscimento della risposta effettiva del nostro pelosetto, possono peggiorare le cose perché il cane potrebbe imparare il contrario di ciò che speriamo di insegnargli.

Prevenire la vigilanza è altrettanto importante. Fornire contesto e prevedibilità impedisce ai cani di rimanere vigili. L’assistenza cooperativa è un buon esempio. Siamo in grado di preparare i cani per fare dei compiti, gestirle mantenendo bassa l’intensità e l’eccitazione, e dando il tempo necessario ai nostri amici pelosi. L’insegnamento dell’assistenza cooperativa toglie parte della novità, che è protettiva nel tempo.

La cooperazione e il consenso sono talvolta impossibili da assicurare, soprattutto in quelle situazioni dal veterinario che possono essere dolorose. Ma se i cani capiscono che questa è una di quelle situazioni, va bene lo stesso. In ogni caso, l’informazione è nemica della vigilanza: se il cane sa quando arriverà l’evento scatenante, non deve essere pronto per questo problema costantemente. Se ci viene detto che è quello che succederà, allora ci prepareremo subito prima che accada, invece di essere sempre pronto e all’erta.

Creare momenti positivi

cani fobia paura
I cani traumatizzati vanno supportati. (Foto Unsplash)

Con la pianificazione, è possibile creare momenti memorabili positivi. Ad esempio possiamo fare un esercizio usato in corsi online: piantare un premio di cibo a sorpresa prima di allenarsi senza guinzaglio. In sostanza, appendiamo hot dog su un albero lungo il percorso di allenamento, quindi facciamo un gran percorso complesso per trovarlo e lasciare che il cane lo mangi tutto, premiandolo anche con tante lodi quando lo trova. Questa configurazione incoraggia i cani ad avvicinarsi a noi mentre sono senza guinzaglio perché, a volte potrebbe trovare alberi pieni di cibo.

Tale addestramento, tuttavia, richiede ripetizione. Un albero di hot dog probabilmente non è sufficiente per creare l’apprendimento permanente. Nel tempo, l’obiettivo è quello di insegnare ai cani che valiamo il loro tempo e la loro attenzione, anche in ambienti che distraggono.

È abbastanza difficile avere cose davvero positive che producano quel tipo di impatto che ha un trauma negativo, perché non ci conferisce sicurezza fisica nello stesso modo immediato, da ricordare ciò che ci ha resi felici. Non significa che non c’è memoria di essi, e non significa che non possiamo avere un impatto buono, forte e positivo usando una cosa grande e sorprendente. È improbabile che abbia un impatto della stessa entità, né altrettanto rapido di un’esperienza negativa.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello