Home Cani Salute dei Cani Come supportare Fido se il nostro cane è stato attaccato da un...

Come supportare Fido se il nostro cane è stato attaccato da un altro cane

Può succedere purtroppo, di trovarci nella situazione in cui il nostro cane è stato attaccato da un altro cane. Come intervenire psicologicamente per far superare il trauma a Fido?

cane attaccato altro cane
Cosa fare se il cane è stato attaccato da un altro cane (Foto Unsplash)

Immaginiamoci questa brutta situazione: siamo al parco, un cane che non conosciamo si avvicina in modo troppo aggressivo al nostro cucciolone, scattano scintille e partono gli istinti più feroci: il nostro cane è stato attaccato da un altro cane. Dopo averlo portato dal veterinario e averlo curato da ferite fisiche, come possiamo aiutare il nostro amato cane per riprendersi psicologicamente dopo l’attacco subito? Magari non notiamo nemmeno nulla di strano in lui/lei al momento, ma è comunque importante fare il possibile per proteggere il suo benessere emotivo.

I parchi dei cani

Cane nel parco (Foto Pixabay)
Cane nel parco (Foto Pixabay)

Ammettiamolo: tutti vorremmo che i cani andassero d’accordo e giocassero sempre serenamente insieme. Ma sfortunatamente, i loro istinti spesso prendono il sopravvento, e si verificano combattimenti e lotte, magari anche abbastanza frequentemente. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi, sono semplici battibecchi in cui nessun cane si fa male, ma comunque, quegli incidenti possono sicuramente essere inquietanti.

I parchi per cani sono spesso lo sfondo di tali eventi, a causa di diversi fattori come la mancanza di supervisione attiva, la mancata interruzione delle interazioni che si stanno deteriorando in modo tempestivo, la difficoltà nel differenziare i cani che giocano dai cani che combattono, ed il semplice fatto di mettere insieme un gruppo di cani con diversi stili e personalità di gioco.

Alcuni cani hanno semplicemente scarse abilità sociali. Alcuni cani si mostrano troppo forti nei confronti di altri pelosetti, mentre altri non sono al 100% a proprio agio con i loro simili, e possono diventare nervosi e scattare. Alcuni cani possono presentare deficit nei loro stili di gioco. Questi cani non usano molta metacomunicazione ed il loro gioco può essere male interpretato e trasformarsi in lotta molto facilmente.

Alcuni cani si impegnano in un vero e proprio “bullismo“, forse insistendo nel tentare di montare gli altri (secondo uno studio, questo eccesso porta in media all’aggressività l’85% delle volte), forzando il gioco su cani non consenzienti, o assumendo il ruolo di guardiano del divertimento, con l’obiettivo di fermare due cani che giocano rumorosamente. E poi, ci sono cani che proteggono le risorse, e cani che sono solo predisposti al combattimento. Molti cani si comportano bene al parco per molti mesi da cuccioli, ma poi, una volta raggiunta la maturità sociale (generalmente tra i 12 ei 36 mesi), le cose iniziano a cambiare.

Indipendentemente dal perché e dal modo in cui è scoppiata la lotta, una cosa è certa: un’esperienza traumatica può causare nel cane uno stato di shock dopo essere stato attaccato, e ciò può potenzialmente annullare anni di addestramento comportamentale e rafforzamento della fiducia. Per questo, dopo aver curato le ferite fisiche, dobbiamo pensare a quelle emotive.

Il comportamento del cane dopo essere stato attaccato

Razze canine più sensibili
Un cane attaccato da un altro cane ha bisogno di noi. (Foto Unsplash)

Essere attaccati da un altro cane è un’esperienza negativa, che può portare a conseguenze a breve e lungo termine. Pochi secondi dopo l’attacco, il cane interessato può essere traballante e nervoso mentre l’adrenalina pomperà. Man mano che il cane si riprende da questa sensazione acuta, può verificarsi l’insorgenza di una risposta emotiva negativa, associata al luogo in cui si è verificato l’incidente e/o alla presenza di altri cani.

Ovviamente, questo non succede sempre ad ogni singolo cane. Alcuni cani possono percepire l’attacco come spaventoso e spiacevole, ma presto se lo scrolleranno di dosso. Il problema sorge quando l’attacco si trasforma in un evento che cambia la vita, e questo può accadere anche ai cani dai caratteri più solidi.

Ci sono molte storie anche di cani da servizio che hanno dimostrato il loro valore nell’essere cani dal carattere durissimo nel corso degli anni, che invece hanno sofferto le conseguenze di un incontro andato male e ne hanno pagato emotivamente il prezzo. È come se un interruttore immaginario si muovesse nella loro testa. La scienza lo chiama “apprendimento per un singolo evento”. Rimuovere il danno è spesso una strada piuttosto complessa: in una di queste storie di cani da servizio, un attacco di 30 secondi si è trasformato in due anni di riabilitazione.

Questa esperienza negativa può quindi avere un impatto sul modo in cui il cane reagisce in presenza di altri cani. La storia di un infortunio non è indispensabile perché si verifichi un tale condizionamento avverso. Si sono viste reazioni che vanno dai comportamenti di evitamento (il cane non vuole più giocare o interagire con altri cani, o lo fa molto a tentativi) a comportamenti difensivi (il cane si sente minacciato e usa la strategia per cui l’offesa è la migliore difesa, per mantenere la distanza).

Ci sono poi anche diversi cani che si trovano in mezzo, in cui davvero non si notano immediatamente molti problemi, ma a un certo punto in seguito, mentre il cane sta giocando o interagisce con altri cani, si presenta un nuovo problema dal nulla (ad esempio, il cane inizia a ringhiare durante un’interazione) in un animale che non ha mai mostrato questo tipo di problema prima. In ogni caso, l’inizio di una risposta emotiva condizionata negativa deve essere affrontato, per evitare che il problema si instauri e peggiori. Ciò richiede diverse misure per proteggere il benessere emotivo del cane ed affrontare eventuali problemi che il cane potrebbe aver sviluppato a causa dell’esperienza negativa.

Modi per aiutare un cane attaccato da un altro cane

cani spaventati
Un cane attaccato potrebbe sviluppare fobie. (Foto Flickr)

Se il nostro cane è scioccato dopo l’attacco di un cane, è molto importante che prendiamo diverse misure per proteggere il nostro pelosetto da eventuali futuri incontri negativi, e che lo aiutiamo a riprendersi attraverso una socializzazione correttiva, usando il giusto tipo di compagni. Se non trattati, i cani attaccati possono finire per reagire negativamente a tutti i cani che ricordano loro l’attaccante (lo stesso colore del pelo, le stesse dimensioni, la stessa razza) e questo può persino portare questi cani traumatizzati a generalizzare verso gli altri cani.

Un addestratore di cani o un professionista del comportamento che utilizza metodi per modificare il comportamento per umani, e comportamenti basati sulla positività può essere necessario per valutare il cane attaccato e aiutarlo. Questo è molto importante. L’ultima cosa di cui un cane stressato ha bisogno sono le correzioni basate sulla punizione alla vista di altri cani, che rafforzeranno solo l’associazione negativa del cane con loro.

Di seguito sono riportati diversi modi per aiutare un cane a riprendersi da un attacco del cane. La rapidità con cui il cane recupera varia da un cane all’altro, e da altre variabili come il livello di impegno del proprietario, il grado di impatto sul cane, se è richiesta assistenza professionale, e quanto bene l’ambiente del cane può essere gestito per prevenire futuri incontri negativi.

Diventiamo l’ambasciatore del nostro cane

cani fobia paura
I cani traumatizzati vanno supportati. (Foto Unsplash)

Se il nostro cane è stato attaccato da un altro cane, è importante proteggerlo da eventuali futuri incontri negativi che potrebbero ulteriormente causare stress. Tieniamo presente che il calo dei livelli di stress può richiedere diversi giorni, quindi proteggiamo il nostro amico peloso da determinati incontri ravvicinati, fino a quando non sarà pronto.

È fondamentale prevenire gli incontri con i cani senza guinzaglio, e dire ai proprietari di cani di tenere i loro animali sotto controllo. Anche se questo metodo di tenere la distanza sicura non è il trattamento per la totale cancellazione del danno emotivo, è un buon punto di partenza in modo che il nostro cane si rilassi e si fidi di noi per affrontare il problema.

Se il cane frequenta il parco per cani, non lasciamolo interagire con gli animali che causano problemi o addirittura evitiamo del tutto il parco. Ci sono opzioni migliori per consentire al nostro pelosetto di socializzare quando si sente pronto di nuovo, senza essere in balia di cani fuori controllo o con scarse abilità sociali.

Effettuare un controllo professionale

Vaccinazioni per cani
Un esperto è sempre l’aiuto principale. (Foto Pixabay)

Se abbiamo bisogno di aiuto per un cane sotto shock dopo essere stato attaccato, la cosa migliore da fare è far valutare il nostro pelosetto da un professionista e monitorare le sue interazioni future con altri cani.

Non tutti i cani sono pronti a interagire con altri cani e giocare di nuovo, dopo essere stati attaccati. Un consulente comportamentale dovrebbe essere in grado di valutare il nostro cane mostra segni di tensione. Se la valutazione rivela che l’animale è teso con gli altri cani, allora prima di programmare interazioni positive come il gioco e le passeggiate con altri cani, è possibile effettuare modifiche comportamentali per gestire e proteggere meglio il benessere emotivo del cane.

Un professionista potrebbe quindi dover preparare la strada ad alcune nuove basi, usando prima metodi basati sui principi scientifici di desensibilizzazione e controcondizionamento. Ad esempio, se l’attacco si è verificato nel parco, può essere utile sedersi con il cane a una distanza di sicurezza vicino all’ingresso, lodandolo generosamente e dandogli un premio mentre osserva i cani che entrano ed escono dal parco. Se l’attacco è avvenuto durante una passeggiata, può essere utile lodarlo e premiarlo ogni volta che il nostro amichetto vede un altro cane attraversare il suo cammino. Dopo un po ‘di tempo, poiché il cane sembrerà più rilassato, potrebbe essere in grado di progredire verso incontri più ravvicinati con altri cani.

Limitiamo le interazioni a pochi cani buoni

cani basenji agility
Un gruppo di cani affettuosi. (Foto Flickr)

Se il cane ha avuto un’esperienza negativa, probabilmente dovremo farlo impegnare in un programma di socializzazione correttiva. Per rimuovere il danno fatto, il nostro pelosetto dovrà essere esposto a cani che sono stati attentamente schermati. Il nostro addestratore di cani o professionista comportamentale, potrebbe anche essere in grado di fornire il giusto cane o dei cani amichevoli per la socializzazione correttiva.

Evitiamo il parco dove ci sono cani che il nostro amico a quattro zampe non conosce bene, e dove spesso ci sono cani che non sono proprio adatti al gioco di gruppo. Invece, sarebbe meglio attenersi a una manciata di cagnolini buoni amici, che hanno dimostrato nel corso degli anni di andare d’accordo con il nostro cane. Come accade nelle persone, meglio pochi buoni amici che molti amici che non sono i migliori, ma solo conoscenti superficiali che non si sono dimostrati degni di fiducia.

Creiamo buoni ricordi

Cani che sanno nuotare
I ricordi positivi possono sostituire quelli negativi. (Foto Pixabay)

I cani adatti a tali incontri sono spesso cani super socializzati, che hanno incontrato innumerevoli altri cani, e che sanno interagire correttamente. Idealmente, questi sono animali che sono molto abili a leggere gli altri cani, e a fornire il giusto linguaggio del corpo. Questi cani “insegnanti” dovrebbero essere maestri nell’inviare segnali calmanti a cani timorosi e incerti.

Il nostro cane ha bisogno di sentirsi sicuro e rilassato in modo da creare bei ricordi. Creare diverse risposte emotive positive è importante per sostituire quelle negative. Terminiamo sempre le sessioni in modo positivo, lodando generosamente il nostro pelosetto in modo che questi nuovi eventi aiutino – almeno in parte – a eliminare i ricordi spaventosi. E come sempre, nella modifica del comportamento ci vuole calma e costanza, quindi è importante lavorare al ritmo del cane.

E se il cane attaccante condivide la stessa casa?

razze di cani giapponesi
E se i cani vivono assieme? (Foto Pixabay)

Le cose possono diventare problematiche se il cane che ha attaccato condivide la stessa famiglia e casa. I cani attaccati possono sviluppare in casa paura cronica, che a lungo andare può influire sul loro benessere emotivo quotidiano. Il cane che attacca dovrà essere fermato dal tentare di ricreare il comportamento originario. Più il cane ha un comportamento offensivo, più questo comportamento si stabilisce e diventa più difficile da sradicare.

Il passo più importante è assicurarsi sempre che tutti siano al sicuro. I cani devono essere tenuti separati (possiamo utilizzare cancelli per bambini, gabbie, ecc, per creare un certo grado di separazione), fino a quando un professionista del comportamento non può valutare la situazione e contribuire ad avviare la modifica del comportamento.

La modifica del comportamento in tali casi implica la riabilitazione del cane che viene attaccato, e il lavoro per prevenire gli attacchi del cane attaccante. Un’analisi funzionale svolge un ruolo chiave nel determinare gli antecedenti esatti che innescano il comportamento offensivo, e le conseguenze che mantengono il comportamento.

Successivamente, la modifica del comportamento usando nuovamente desensibilizzazione e controcondizionamento sotto la guida diretta di un professionista del comportamento può aiutare a cambiare la risposta emotiva negativa del cane che viene attaccato, affrontando anche i problemi emotivi sottostanti che innescano in primo luogo il cane attaccante. Casi gravi possono richiedere una divisione permanente, o persino la ricollocazione di un cane. Il comportamento imprevedibile del cane attaccante può portare a stress cronico, che può influire sul benessere emotivo e fisico del cane.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello