Home Cani Cane seduto a tavola: perché elemosina e come correggere questo comportamento

Cane seduto a tavola: perché elemosina e come correggere questo comportamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:49
CONDIVIDI

Un cane seduto a tavola con il padrone mentre si mangia? Non piace a tutti e potrebbe fargli anche male: vediamo come impedirglielo.

Cane seduto a tavola
Cane seduto a tavola: perché e come impedirglielo (Foto AdobeStock)

Il tuo cane non ti lascia neppure un secondo, neanche quando siedi a tavola per mangiare? Non è solo per affetto se Fido vuole occupare il posto accanto a te. Ma a qualcuno potrebbe non far piacere, soprattutto se si valutano i rischi che la sua ‘presenza’ comporta, Non tutto quello che viene portato a tavola dovrebbe essere fatto mangiare al cane: quindi dobbiamo fare il cuore duro quando ci elemosina qualcosa dal nostro pasto, poiché è per il suo bene! Vediamo perché il cane è seduto a tavola con noi e come correggere questo suo comportamento.

Potrebbe interessarti anche: Il cane mangia velocemente: perché lo fa e come farlo rallentare

Cane seduto a tavola: i motivi per cui non dovrebbe farlo

Fido
Fido accanto al tavolo (Foto Pixabay)

I motivi per cui un cane non dovrebbe sedere a tavola con noi non riguardano solo la sua salute. Di certo i cibi che mangiamo noi non dovrebbero essere inseriti nella sua dieta, anche perché alcuni alimenti potrebbero avere un effetto davvero devastante sulla sua salute, come ad esempio la cioccolata (Leggi qui: Il cane ha mangiato cioccolato: rischi e rimedi). Ma non è solo per questo: alcuni commensali, o lo stesso padrone, potrebbero non gradire la sua presenza perché antigienico (pensiamo ad un cane che perde molto pelo e lascia ‘tracce’ sul piano e sulle stoviglie).

Anche le zampe potrebbero essere sporche perché magari è appena tornato da una passeggiata all’esterno e trovarsele che frugano nei piatti potrebbe non essere piacevole. Per non parlare degli ospiti che, spesso inconsapevolmente e con le migliori intenzioni, gli danno da mangiare qualche boccone dal loro piatto.

Cane seduto a tavola: perché elemosina cibo

Cane seduto a tavola
Cane seduto a tavola: perché non dovrebbe (Foto AdobeStock)

Ci siamo chiesti se magari il fatto di chiedere cibo mentre mangiamo è frutto di una mancanza da parte nostra? A volte potrebbe non trattarsi solo di un capriccio di Fido, soprattutto se abbiamo dimenticato di riempire la ciotola della sua pappa o non gliele abbiamo data abbastanza. Oppure può trattarsi di un animale particolarmente goloso, a cui piace assaggiare e non desiste poiché sa che prima o poi qualcuno cederà alle sue richieste.

Altre volte può accadere che il problema non riguardi il cibo, la fame del cane e la sua ingordigia, bensì la scarsa considerazione che ha dell’autorità del padrone. Infatti talvolta, il fatto che il cane resti seduto a tavola con noi e inizi a mangiare quello che vuole, è perché non riconosce il ruolo di capobranco del padrone. E’ nel DNA del cane rispettare le gerarchie, ma sempre dopo aver riconosciuto il cane dominante. Infatti se Fido non rispetta il suo umano come ‘capo’ difficilmente eseguirà i suoi ordini e si lascerà educare a non fare ciò che vuole.

Infine potrebbe anche essere che il cane ci riconosce come ‘capobranco’ ma pensa di avere il diritto di ‘finire’ ciò che noi lasciamo nei piatti, come se si accontentasse dei resti.

Come educare Fido a non sedersi con noi

cane seduto sul tavolo
Cane sul tavolo,(Foto Pixabay)

Se il cane ha iniziato a prendere la cattiva abitudine di sedersi a tavola con noi e di mettere le zampe ovunque, allora è il momento per intervenire fermamente.

  • Fermezza: infatti è questo che serve: la fermezza, e mai la violenza! Un cane deve vederci decisi in modo da capire che non è il caso di persistere nel suo intento. Talvolta però essere fermi non basta: bisogna far capire al cane quali sono i comportamenti giusti da eseguire e scoraggiare gli altri: usiamo il rinforzo positivo per premiarlo quando si comporta bene.
  • Chiudi la porta: nei casi estremi, o comunque per fargli capire che al momento dei pasti, lui non può entrare in camera, chiudiamo la porta della stanza.
  • Associare rumore al gesto sbagliato: il cane potrebbe associare un rumore fastidioso a qualcosa che non deve fare.
  • Ignoratelo: se il cane non vede alcuna possibilità per ottenere ciò che vuole, perché il padrone lo ignora, allora potrebbe finalmente desistere.
  • Coerenza: non solo il padrone, ma tutti i commensali devono essere coesi nelle stesse decisioni. Nessuno deve dargli qualcosa da mangiare e in nessuna occasione ‘speciale’.

Francesca Ciardiello