Home Cani Strategie per chiedere il cane ai genitori: i motivi vincenti

Strategie per chiedere il cane ai genitori: i motivi vincenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:43
CONDIVIDI

Le principali motivazioni e piani apparentemente impossibili. Vediamo i punti da toccare e le migliori strategie per chiedere il cane ai genitori.

cane in famiglia
Strategia per convincere i genitori a prendere il cane. (Foto AdobeStock)

Molto spesso i bambini ma anche i ragazzi ad un certo punto della loro vita, elaborano la richiesta di adottare un cucciolo da crescere insieme a tutta la famiglia. Attuare strategie per convincere i genitori a prendere il cane è una missione davvero ardua da intraprendere.

Consapevoli che come nella maggior parte delle volte succede, dovranno occuparsene loro (i genitori), questi ultimi tendono a porsi in modo negativo all’adozione o all’acquisto di un cucciolo.

L’impegno che salta alla mente di ogni genitore è davvero grande, il pensiero delle passeggiate mattutine per portarlo fuori, l’addestramento e il tempo da dedicargli, gli spostamenti familiari compresi di cane e per non parlare del costo che può comportare. Queste le principali questioni da affrontare con i tuoi se vuoi cercare delle strategie per convincere i genitori a prendere il cane.

Potrebbe interessarti anche: Viaggiare con il cane: treni, navi, compagnie aeree e alberghi. Mai stato così facile!

Strategie per convincere i genitori a prendere il cane

Il cane e la bambina, amici inseparabili.(Foto AdobeStock)

Convincere i tuoi genitori a prendere il cane non è un gioco da ragazzi, armati di tanta pazienza e costanza. Mostrarti davvero interessato e predisposto a tutto ciò che comporta l’impegno di avere un cane.

Sappi che facilmente non crederanno alla tua buona volontà e alla promessa che sei disposto a fare, ragion per cui a tutto questo dovrai affiancare una vera e propria preparazione sull’argomento. Sei pronto? Procurati carta e penna e prendi appunti in merito. Quando ti sentirai pronto metti in pratica i nostri consigli.

Potrebbe interessarti anche: Perché adottare un cane adulto: i consigli degli esperti

Iniziare a parlarne

famiglia
Inizia a parlarne in famiglia.(Foto AdobeStock)

Iniziare a parlarne è il punto di partenza, per introdurre l’argomento in tempi non sospetti. Durante una cena di famiglia, con tutti i componenti presenti, quando il clima fra tutti è pacifico, si respira serenità, tu introduci l’argomento cane, senza dover per forza parlare già subito di adozione o acquisto. Lascia che i tempi siano maturi.

Più uscite e meno tv

passeggiate con il cane
Passeggiate in famiglia con il cane.(Foto AdobeStock)

Un altro punto fondamentale per convincere i tuoi genitori a prendere il cane, è proporre un buon compromesso. Quante volte ti sei sentito dire di spegnere la tv o di staccarti un po’ dalla tua consolle di videogiochi.

Penso proprio moltissime volte. Ecco questa è la tua occasione per proporre un compromesso. Potresti offrirti di lasciar perder la tua stanza con i tuoi passatempi e dedicarti al cane che vorresti prendere, potresti fare più molte più uscite e passeggiate insieme al tuo amico a quattro zampe.

Benefici

Cane e bambino (Foto Pixabay)
Cane e bambino (Foto Pixabay)

Potresti ricordare ai tuoi genitori quello che da sempre si dice sui cani, ossia che sono animali che apportano gran benefici alla salute fisica e mentale dell’uomo. Spiega che è stato dimostrato che chi possiede un animale domestico vive più a lungo ed è più felice.

Spiega inoltre che il cane è un animale molto intuitivo e comprende lo stato d’animo e sa essere presente e risollevarti. Può tenerti compagnia quando loro sono fuori per lavoro, può spronare tutta la famiglia a fare più uscite e andare all’aria aperta, nei bellissimi parchi dove poter trascorrere delle belle giornate in famiglia.

Potrebbe interessarti anche: Come pulire le zampe del cane al rientro dalla passeggiata

Sicurezza

Cane da guardia o da difesa
Cane da guardia o da difesa: caratteristiche (Foto Pixabay)

Un’altra strategia per convincere i tuoi genitori a prendere il cane è la sicurezza familiare che può apportare la sua presenza in casa. Sappiamo tutti che il cane ha un’indole da guardiano e il suo attaccamento morboso alla sua famiglia e alla sua casa, lo rende una sicurezza per tutti in famiglia. Sostituisce in tutto e per tutto un allarme ben funzionante, per estranei e malintenzionati che vogliono introdursi nell’abitazione.

Responsabilità

Il cane e il bambino (Foto Pixabay)
Il cane e il bambino (Foto Pixabay)

Prendere un cane in casa è un motivo per crescere e assumersi responsabilità fino ad allora evitate. Il cane ha bisogno di cure, attenzioni e attività. Questo per te è il momento giusto per crescere e mostrarti responsabile verso qualcuno e per chi se non per il tuo miglior amico.

Non farti cogliere alla sprovvista e pensa in anticipo al problema. Informati sulle pensioni per cani dove potete lasciare il vostro amico a quattro zampe, durante le vacanze o informati di posti dove poterlo portare con voi. Cerca informazioni sui veterinari a voi più vicini, chiedi magari ad amici che già hanno il cane.

Fai delle ricerche e decidi se acquistare per Fido cibo secco, umido o una combinazione dei due. Informali che farai il bagno al cane una volta a settimana, o quante volte sia appropriato per la razza specifica.

Motiva la scelta della razza

Motivare la scelta della razza, è essenziale per far comprendere ai tuoi genitori quanto tu abbia potuto prepararti alla scelta e da quanto tu stia maturando quest’idea di voler prendere un cane. Spiega perché hai optato per un cane di quella taglia, perché proprio quella razza. Porta un discorso logico davanti a queste tue scelte.

Ora lascia che i tuoi genitori abbiano modo di pensarci e non ripetere la tua richiesta ogni giorno, o smetteranno di ascoltarti. Dimostrati da questo momento più maturo e anche se ti dicono di no, resta fermo della tua idea e non mollare rimanendo maturo davanti alla loro scelta, che potrebbe cambiare davanti a questo tuo atteggiamento.

Potrebbe interessarti anche:Insegnare al cane a non chiedere cibo: soluzioni per la sua ingordigia

Raffaella Lauretta